Formula 1
G
GP dell'Eifel
09 ott
Prossimo evento tra
20 giorni
G
GP del Portogallo
23 ott
Prossimo evento tra
34 giorni
G
GP di Turchia
13 nov
Prossimo evento tra
55 giorni
04 dic
Prossimo evento tra
76 giorni
G
GP di Abu Dhabi
11 dic

A Barcellona domina la Mercedes: pole di Bottas, deludono le Ferrari

condivisioni
commenti
A Barcellona domina la Mercedes: pole di Bottas, deludono le Ferrari
Di:

Valtteri centra la terza pole di fila nel GP di Spagna davanti a Hamilton. Vettel è terzo con la Rossa ma è staccato di otto decimi dalle frecce d'argento con Verstappen quarto che precede Leclerc. La Rossa ha deluso le aspettative: le novità tecniche non sono servite...

Terza pole di fila di Valtteri Bottas: il finlandese conquista la pole position del GP di Spagna con il tempo di 1'15"406. Il leader del mondiale è l'unico pilota che ha sfondato il muro dell'1'16 già nel primo run, rifilando sei decimi a Lewis Hamilton che comincia ad accusare questa supremazia del compagno di squadra finlandese. Un margine che rivela lo stato di grazia di Valtteri che colleziona la nona partenza al palo della sua carriera, mentre il penta-campione non è riuscito a mettere insieme un giro senza errori.

La Mercedes si prende tutta la prima fila, con Bottas che bastona Hamilton e mette a grande distanza le Ferrari. La W10 ha mostrato una superiorità ineguagliabile nel terzo settore che hanno relegato le Rosse a un ruolo ancora una volta subalterno. La qualifica di Barcellona amplifica le differenze fra le frecce d'argento e la SF90.

Sebastian Vettel si deve accontentare di un terzo posto che è molto deludente: il tedesco, infatti, ha accusato un distacco di otto decimi, il peggiore dall'inizio della stagione. E questo è un chiaro segno di dove volge il campionato, con una Ferrari che ha portato un motore evoluzione e un pacchetto aerodinamico nuovo nella speranza di colmare il gap con la Mercedes. L'illusione di Maranello si è infranta con i dati della realtà, visto che la SF90 sembra un gambero rosso, purtroppo.

 

Tanto che la seconda fila non è nemmeno tutta Ferrari visto che Max Verstappen ha incuneato la Red Bull fra le due Rosse e l'olandese sarà un mastino sulla pista dove ha vinto la sua prima gara. E' mancato Charles Leclerc: il monegasco ha commesso un errore in Q2 finendo largo alla curva 9, rovinando diverse parti aerodinamiche nella zona del bargeboard e dei deviatori di flusso. Il ragazzo si è dovuto qualificare per la Q3 e poi ha perso del tempo al box perché i meccanici potessero risistemare alla meglio la vettura danneggiata.

Il sesto posto non è sfuggito a Pierre Gasly rinfrancato dalla Red Bull che non ha alcuna intenzione di scaricarlo: il francese ha beneficiato di un nuovo telaio, segno che certe prestazioni non in linea forse erano dovuto a qualche problema sulla vettura.

E così le due Haas hanno dovuto accontentarsi, si fa per dire, del settimo e ottavo posto con Romain Grosjean e Kevin Magnussen, dimostrando di aver superato le difficoltà nel mandare in temperatura le gomme con la SF-19.

Leggi anche:

Positiva la prestazione di Daniil Kvyat che ha portato la Toro Rosso al nono posto davanti all'ottimo Daniel Ricciardo che comincia a fare una grande differenza su Nico Hulkenberg. L'australiano ha portato la Renault al decimo posto, ma Daniel scatterà solo 13esimo per la penalizzazione di Baku causata dall'inopinata retromarcia che gli costa tre posizioni in griglia.

Resta fuori dalla top 10 Lando Norris con la McLaren, ma il giovane inglese è riuscito a fare meglio del compagno di squadra Carlos Sainz, 13esimo, che ha pagato un traversone nell'ultimo tentativo, dopo che lo spagnolo è sempre stato facilmente nei primi dieci per tutte le prove libere.

Fra le due MCL34 si è infilato Alexander Albon con la seconda Toro Rosso, mentre Kimi Raikkonen si è dovuto accontentare di un deludente 15esimo posto con l'Alfa Romeo. Iceman sperava qualcosa di più: la squadra di Hinwil sembra entrata in una fase involutiva.

Sergio Perez ha usato tutto il suo mestiere per fare la differenza sul più giovane compagno di squadra, ma il potenziale della Racing Point è quello che è per cui il messicano si deve accontentare della 15esima piazza.

Nico Hulkenberg non passa il taglio della Q1: il tedesco è 16esimo pagando due centesimi dal compagno di squadra Ricciardo. Nico si è trovato con una Renault non in perfetta forma dopo essere andato dritto contro le barriere della curva 4. Hulkenberg ci ha rimesso l'ala anteriore nell'impatto che è avvenuto a bassa velocità: la parte anteriore della R.S.19 si è incastrata dietro alla ruota anteriore e il tedesco è riuscito a tornare ai box per cambiare il muso, ma non è servito.

Male Lance Stroll con la Racing Point: il canadese è alla nona esclusione nella Q1. E peggio ancora è andata ad Antonio Giovinazzi solo 18esimo con l'Alfa Romeo: l'italiano non ha mai trovato il passo con la C38 dotata degli aggiornamenti spagnoli, pagando serie difficoltà con i freni che hanno causato improvvisi bloccaggi. Peccato...

George Russell partirà ultimo: l'inglese, infatti, ha dovuto sostituire il cambio che è andato ko nell'impatto contro le barriere della curva 4 nel corso dell'ultimo turno di prove libere e sarà penalizzato di cinque posizioni in griglia di partenza. George ha sbattuto con il posteriore dopo un testacoda, ma in precedenza aveva perso dei pezzi in carbonio della sua Williams FW42. Qualcuno aveva ipotizzato un cedimento, ma il giovane britannico si è preso la colpa scusandosi anche sui social con la squadra per l'extra lavoro che si è reso necessario per ripristinare la monoposto.

Russell è incappato in un (innocuo) testacoda anche in Q1, mostrando un certo nervosismo, ma il britannico è riuscito a fare un giro per stare davanti a Robert Kubica anche se solo di due decimi.

Cla # Pilota Chassis Motore Tempo Gap km/h
1 77 Finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 1'15.406   222.236
2 44 United Kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 1'16.040 0.634 220.384
3 5 Germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 1'16.272 0.866 219.713
4 33 Netherlands Max Verstappen  Red Bull Honda 1'16.357 0.951 219.469
5 16 Monaco Charles Leclerc  Ferrari Ferrari 1'16.588 1.182 218.807
6 10 France Pierre Gasly  Red Bull Honda 1'16.708 1.302 218.464
7 8 France Romain Grosjean  Haas Ferrari 1'16.911 1.505 217.888
8 20 Denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 1'16.922 1.516 217.857
9 26 Russian Federation Daniil Kvyat  Toro Rosso Honda 1'17.573 2.167 216.028
10 4 United Kingdom Lando Norris  McLaren Renault 1'17.338 1.932 216.685
11 23 Thailand Alexander Albon  Toro Rosso Honda 1'17.445 2.039 216.385
12 55 Spain Carlos Sainz Jr.  McLaren Renault 1'17.599 2.193 215.956
13 3 Australia Daniel Ricciardo  Renault Renault 1'18.106 2.700 214.554
14 7 Finland Kimi Raikkonen  Alfa Romeo Ferrari 1'17.788 2.382 215.431
15 11 Mexico Sergio Perez  Racing Point Mercedes 1'17.886 2.480 215.160
16 27 Germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 1'18.404 2.998 213.739
17 18 Canada Lance Stroll  Racing Point Mercedes 1'18.471 3.065 213.556
18 99 Italy Antonio Giovinazzi  Alfa Romeo Ferrari 1'18.664 3.258 213.032
19 88 Poland Robert Kubica  Williams Mercedes 1'20.254 4.848 208.812
20 63 United Kingdom George Russell  Williams Mercedes 1'19.072 3.666 211.933
 
LIVE F1, GP di Spagna: Qualifiche

Articolo precedente

LIVE F1, GP di Spagna: Qualifiche

Prossimo Articolo

Vettel: "Il terzo settore è più di un tallone d'Achille per la Ferrari al momento"

Vettel: "Il terzo settore è più di un tallone d'Achille per la Ferrari al momento"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Spagna
Sotto-evento Q1
Location Circuit de Barcelona-Catalunya
Team Ferrari , Mercedes
Autore Franco Nugnes