2020 crocevia Verstappen-Red Bull: il Mondiale a tutti i costi!

Abituato a bruciare le tappe, all'olandese serve assolutamente vincere il titolo nella prossima stagione con la vettura che, molto probabilmente, continuerà a guidare anche in futuro.

2020 crocevia Verstappen-Red Bull: il Mondiale a tutti i costi!

Il 2020 di Max Verstappen sarà un crocevia, un passaggio importante per la carriera del fuoriclasse olandese. Nei cinque anni trascorsi in Formula 1 ha avuto l’opportunità di presentarsi come un pilota di valore assoluto, lasciando un segno importante sui record di precocità ma soprattutto entrando di prepotenza nell’esclusivo club dei top driver.

Quando è sbarcato nel Circus su Verstappen c’era molta diffidenza, schierare un minorenne al via di un Gran Premio non è stata una scelta accolta favorevolmente anche da molti addetti ai lavori. La decisione di Helmut Marko è stata criticata da parecchi nomi illustri, ma è stato lo stesso Verstappen a mettere tutti a tacere dimostrandosi subito all’altezza della situazione.

Come è spesso accaduto in passato, quando un giovane pilota va forte raccoglie ovviamente consensi, ma nel pacchetto ci sono anche le gelosie dei colleghi, la stizza di opinionisti che erano pronti a commentare verdetti diversi, ed inevitabilmente si finisce sotto i riflettori. Luci che alla fine anziché bruciare hanno esaltato, perché Verstappen ne è uscito alla grande, potendo contare su un innegabile talento naturale che nessuno oggi può discutere.

Obiettivo titolo, a tutti i costi

Ora, però, il 2020 diventa cruciale. Con otto vittorie all’attivo ed un terzo posto nell’ultimo Mondiale, per Max il prossimo obiettivo è uno solo: lottare per il titolo. Un contesto che non ha ancora frequentato, non certo per sue mancanze, e che inizia ad essere motivo di frustrazione. La Red Bull negli ultimi sei anni è stato un team capace di cogliere importanti successi di tappa, ma non ha mai avuto il potenziale tecnico per confermarsi al vertice su tutte le piste del Mondiale.

Verstappen ha fretta, e si è guardato intorno. Nel paddock si dà per scontato che il suo nome è in cima alla lista che Toto Wolff tirerà fuori dal cassetto quando ci sarà da pensare al dopo-Hamilton, ma Lewis non sembra intenzionato a farsi da parte, e la possibilità che in casa Mercedes decidano di affiancare Max al sei volte campione del Mondo è zero.

Se Hamilton, come tutto fa pensare, firmerà un nuovo contratto biennale con la Mercedes, per Verstappen la possibilità di puntare a quel sedile è rimandata alla stagione 2023. Molto vicine allo zero sembrano essere anche le possibilità di puntare ad un volante Ferrari, sia per le scelte fatte a Maranello (ovvero il prolungamento del contratto di Leclerc) che per i rapporti divenuti molto tesi dopo le sciocche dichiarazioni rilasciate dall’olandese dopo il Gran Premio degli Stati Uniti.

Max, insomma, sembra destinato a rimanere in Red Bull per (almeno) altre tre stagioni, un periodo di tempo molto lungo che potrebbe non giocare a suo favore. La stagione 2019 ha confermato quanto gli scenari possano cambiare in fretta in Formula 1, il caso Leclerc è molto indicativo in merito, e se oggi Verstappen è (insieme a Hamilton e lo stesso Charles) ritenuto un top-driver, non è detto che la concorrenza tra due anni non sarà più agguerrita.

Le speranze iridate di Max sono legate alla Red Bull

L’unica via d’uscita per Max diventa la Red Bull RB16 (la vettura che guiderà nel prossimo Mondiale): ovvero se non ci sono chance per salire su monoposto potenzialmente vincenti, c’è da sperare che a diventare vincente sia l'auto a disposizione. In Red Bull non hanno mai avuto carenze di autostima, ma bisogna anche sottolineare che ai proclami sono sempre seguiti dei risultati concreti. Quando ad inizio 2019 fu presentata la RB15 motorizzata Honda, Helmut Marko non nascose i suoi obiettivi, ovvero essere in linea con i risultati della stagione precedente. Ci fu chi sorrise, pensando ad una sparata, ma poi la pista ha confermato che non erano parole di circostanza.

Recentemente lo stesso Marko ha ribadito di volere almeno cinque vittorie nel 2020, un numero di successi che dovrebbe consentire a Verstappen di potersi giocare il Mondiale fino alla fine, garantendo al pilota olandese ciò che ha cercato (invano) di ottenere in altri lidi. Per la Red Bull sarebbe la quadratura del cerchio, un mosaico perfetto per ritrovare un ruolo perso da tempo e per accontentare le ambizioni del suo pilota numero 1.

Per Max sarebbe la consacrazione definitiva per smettere i panni di outsider di lusso con le chance per dire la sua tre volte a stagione e consacrarsi dove merita di essere, allontanando il rischio di restare un incompiuto, un incubo per chi si sente all’altezza. Si può obiettare sottolineando che il ventiduenne Verstappen ha decisamente molto tempo davanti a sé, ma Max ha fretta, la stessa fretta che ha sempre avuto fin da quando ha mosso i primi passi al volante di un kart.

 

condivisioni
commenti
Honda fissa gli obiettivi per costruire la fiducia con Red Bull

Articolo precedente

Honda fissa gli obiettivi per costruire la fiducia con Red Bull

Prossimo Articolo

F1 2021: Mercedes ok, Red Bull e Renault in subbuglio

F1 2021: Mercedes ok, Red Bull e Renault in subbuglio
Carica commenti
Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede" Prime

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede"

La Formula 1 arriva in Francia, sul tracciato del Paul Ricard. Franco Nugnes e Giorgio Piola, analizzano con la lente d'ingrandimento i primi e nuovi dettagli tecnici presenti sulle monoposto.

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1 Prime

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1

Lo spagnolo ha parlato con Motorsport.com del suo ritorno in Formula 1, smentendo le critiche che lo hanno accompagnato negli ultimi appuntamenti e puntando con decisioni ad un futuro di successi grazie anche alla rivoluzione regolamentare.

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door" Prime

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Mara Sangiorgio, giornalista e pit reporter per la Formula 1 di Sky Sport. Una grande passione per la scrittura che l'accompagna sin da quando era solo una bambina, la conduce alle porte degli studi giornalistici. Dall'Italia a New York, Mara muove i primi passi dentro il mondo dei suoi sogni. Mai avrebbe pensato di raccontare lo sport, fino a quando...

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri” Prime

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri”

Torna l'appuntamento fisso della rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano dell'imminente Gran Premio di Francia di Formula 1, dove il medico andrà a monitorare una nuova serie di parametri non solo dei piloti

Formula 1
16 giu 2021
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

Formula 1
15 giu 2021
F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station Prime

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station

Andiamo a dare uno sguardo da vicino alle prime immagini in-game di F1 2021, nuovo videogame ufficiale della Formula 1 ambientato in questa stagione

Formula 1
15 giu 2021
AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità Prime

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità

Il team diretto da Franz Tost con il podio di Pierre Gasly a Baku si è portato al quinto postonella classifica del mondiale Costruttori. Anche l'esuberante Yuki Tsunoda, il talentuoso rookie giapponese, comincia a contribuire alla causa, dopo troppi errori. A Faenza assolvono al meglio il ruolo di junior team e, pur con alti e bassi, possono sfidare due marchi ufficiali come Aston Martin e Alpine disponendo di risorse molto inferiori.

Formula 1
14 giu 2021
F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare Prime

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare

In questa stagione la Formula 1 sta cercando di rispettare il calendario previsto con 23 appuntamenti, ma l'espansione dei gran premi ha un costo umano che alla lunga non potrà più essere sostenibile.

Formula 1
14 giu 2021