2020 crocevia Verstappen-Red Bull: il Mondiale a tutti i costi!

Abituato a bruciare le tappe, all'olandese serve assolutamente vincere il titolo nella prossima stagione con la vettura che, molto probabilmente, continuerà a guidare anche in futuro.

2020 crocevia Verstappen-Red Bull: il Mondiale a tutti i costi!

Il 2020 di Max Verstappen sarà un crocevia, un passaggio importante per la carriera del fuoriclasse olandese. Nei cinque anni trascorsi in Formula 1 ha avuto l’opportunità di presentarsi come un pilota di valore assoluto, lasciando un segno importante sui record di precocità ma soprattutto entrando di prepotenza nell’esclusivo club dei top driver.

Quando è sbarcato nel Circus su Verstappen c’era molta diffidenza, schierare un minorenne al via di un Gran Premio non è stata una scelta accolta favorevolmente anche da molti addetti ai lavori. La decisione di Helmut Marko è stata criticata da parecchi nomi illustri, ma è stato lo stesso Verstappen a mettere tutti a tacere dimostrandosi subito all’altezza della situazione.

Come è spesso accaduto in passato, quando un giovane pilota va forte raccoglie ovviamente consensi, ma nel pacchetto ci sono anche le gelosie dei colleghi, la stizza di opinionisti che erano pronti a commentare verdetti diversi, ed inevitabilmente si finisce sotto i riflettori. Luci che alla fine anziché bruciare hanno esaltato, perché Verstappen ne è uscito alla grande, potendo contare su un innegabile talento naturale che nessuno oggi può discutere.

Obiettivo titolo, a tutti i costi

Ora, però, il 2020 diventa cruciale. Con otto vittorie all’attivo ed un terzo posto nell’ultimo Mondiale, per Max il prossimo obiettivo è uno solo: lottare per il titolo. Un contesto che non ha ancora frequentato, non certo per sue mancanze, e che inizia ad essere motivo di frustrazione. La Red Bull negli ultimi sei anni è stato un team capace di cogliere importanti successi di tappa, ma non ha mai avuto il potenziale tecnico per confermarsi al vertice su tutte le piste del Mondiale.

Verstappen ha fretta, e si è guardato intorno. Nel paddock si dà per scontato che il suo nome è in cima alla lista che Toto Wolff tirerà fuori dal cassetto quando ci sarà da pensare al dopo-Hamilton, ma Lewis non sembra intenzionato a farsi da parte, e la possibilità che in casa Mercedes decidano di affiancare Max al sei volte campione del Mondo è zero.

Se Hamilton, come tutto fa pensare, firmerà un nuovo contratto biennale con la Mercedes, per Verstappen la possibilità di puntare a quel sedile è rimandata alla stagione 2023. Molto vicine allo zero sembrano essere anche le possibilità di puntare ad un volante Ferrari, sia per le scelte fatte a Maranello (ovvero il prolungamento del contratto di Leclerc) che per i rapporti divenuti molto tesi dopo le sciocche dichiarazioni rilasciate dall’olandese dopo il Gran Premio degli Stati Uniti.

Max, insomma, sembra destinato a rimanere in Red Bull per (almeno) altre tre stagioni, un periodo di tempo molto lungo che potrebbe non giocare a suo favore. La stagione 2019 ha confermato quanto gli scenari possano cambiare in fretta in Formula 1, il caso Leclerc è molto indicativo in merito, e se oggi Verstappen è (insieme a Hamilton e lo stesso Charles) ritenuto un top-driver, non è detto che la concorrenza tra due anni non sarà più agguerrita.

Le speranze iridate di Max sono legate alla Red Bull

L’unica via d’uscita per Max diventa la Red Bull RB16 (la vettura che guiderà nel prossimo Mondiale): ovvero se non ci sono chance per salire su monoposto potenzialmente vincenti, c’è da sperare che a diventare vincente sia l'auto a disposizione. In Red Bull non hanno mai avuto carenze di autostima, ma bisogna anche sottolineare che ai proclami sono sempre seguiti dei risultati concreti. Quando ad inizio 2019 fu presentata la RB15 motorizzata Honda, Helmut Marko non nascose i suoi obiettivi, ovvero essere in linea con i risultati della stagione precedente. Ci fu chi sorrise, pensando ad una sparata, ma poi la pista ha confermato che non erano parole di circostanza.

Recentemente lo stesso Marko ha ribadito di volere almeno cinque vittorie nel 2020, un numero di successi che dovrebbe consentire a Verstappen di potersi giocare il Mondiale fino alla fine, garantendo al pilota olandese ciò che ha cercato (invano) di ottenere in altri lidi. Per la Red Bull sarebbe la quadratura del cerchio, un mosaico perfetto per ritrovare un ruolo perso da tempo e per accontentare le ambizioni del suo pilota numero 1.

Per Max sarebbe la consacrazione definitiva per smettere i panni di outsider di lusso con le chance per dire la sua tre volte a stagione e consacrarsi dove merita di essere, allontanando il rischio di restare un incompiuto, un incubo per chi si sente all’altezza. Si può obiettare sottolineando che il ventiduenne Verstappen ha decisamente molto tempo davanti a sé, ma Max ha fretta, la stessa fretta che ha sempre avuto fin da quando ha mosso i primi passi al volante di un kart.

 

condivisioni
commenti
Honda fissa gli obiettivi per costruire la fiducia con Red Bull
Articolo precedente

Honda fissa gli obiettivi per costruire la fiducia con Red Bull

Prossimo Articolo

F1 2021: Mercedes ok, Red Bull e Renault in subbuglio

F1 2021: Mercedes ok, Red Bull e Renault in subbuglio
Carica commenti
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021