Formula 1 MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
17 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
24 giorni
WRC
26 feb
Evento concluso
22 feb
Prossimo evento tra
44 giorni
Formula E
10 apr
Prossimo evento tra
32 giorni
WEC
G
Sebring
17 mar
Cancellato
G
Spa-Francorchamps
29 apr
Prossimo evento tra
51 giorni

Rosberg: “L’Extreme E unisce me e Lewis Hamilton per una buona causa”

Dalla sua inaspettata decisione di ritirarsi dopo aver vinto il titolo 2016 in Formula 1, Nico Rosberg è rimasto sotto i riflettori. Molta della sua attività si è concentrata sull’elettrico e sulla sostenibilità, in quanto è azionista della FIA Formula E e fondatore del Greentech Festival.

Rosberg: “L’Extreme E unisce me e Lewis Hamilton per una buona causa”

Ora Nico Rosberg, come proprietario di un team nella nuova serie Extreme E, si trova testa a testa con l’ex compagno di squadra Lewis Hamilton ed un gruppo di leggende delle corse americane. Dato che i costruttori e gli sponsor aumentano la pressione su questo sport per dimostrare il senso di comuni intenti, qual è la visione di Rosberg per il futuro di questo sport e il motore a combustione interna ha ancora spazio?

Prototipo Extreme E

Prototipo Extreme E

Photo by: Extreme E

Nico, hai appena lanciato un team Extreme E, cosa possiede questa piattaforma di gare che la rende interessante per il tuo impegno?
Era un perfetto incrocio, ci saranno delle gare bellissime e combattute, con quattro auto che partono affiancate sulla griglia ad ogni gara. Quindi ci saranno molti ruota a ruota, sono sicuro che sarà divertente da seguire. Ma allo stesso tempo si avrà l’opportunità di avere un impatto positivo, di invertire la rotta dei danni fatti a causa del cambio climatico. Idealmente, vediamo se riusciamo a gestirlo. Ma questo è l’obiettivo.

Il vincitore Nico Rosberg, Mercedes AMG F1

Il vincitore Nico Rosberg, Mercedes AMG F1

Photo by: Steve Etherington / Motorsport Images

Parli di corse combattute, non possiamo fare a meno di ricordare la rivalità fra Nico Rosberg e Lewis Hamilton, che ti ha visto direttamente coinvolto e che ha acceso gli ultimi anni della tua carriera in Formula 1. “In panchina” sarete entrambi così combattivi come lo eravate al volante?
Sì, e penso che sia veramente bello. Sono stato molto felice di sapere che anche Lewis Hamilton aveva deciso di entrare nella Extreme E, perché sicuramente ha anche un grande seguito. Quindi è bellissimo che ora possiamo correre uno contro l’altro come proprietari di team. È entusiasmante. Poi allo stesso tempo uniamo le forze per combattere insieme contro il cambiamento climatico.

Nico Rosberg, Mercedes AMG, con la sua famiglia

Nico Rosberg, Mercedes AMG, con la sua famiglia

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Siete entrambi molto onesti su questo e lo sembrano anche le alte persone coinvolte, che sono relazionate al mondo delle corse, in particolare statunitensi come Zak Brown, Michael Andretti, Chip Ganassi. Cosa pensi che questo indichi di questa categoria?
Prima di tutto, rende evidente che tutti stanno diventando sempre più consapevoli della necessità di fare la loro parte. Perché il cambiamento climatico è una crisi enorme che stiamo affrontando e sta raggiungendo tutti. Anche le imprese hanno capito che devono essere coinvolte, che anche loro devono fare la differenza. Nessuno può più permettersi di distogliere lo sguardo e questo è anche il motivo per cui Extreme E sarà un grande successo, perché è posizionata così bene, mette insieme le corse e l'opportunità di fare del bene. È fantastico vedere persone come Chip Ganassi che comprendono e parlano dell'importanza di posizionare il suo business anche per il futuro. Questo è stato davvero potente.

Nico Rosberg, Mercedes F1 W07 Hybrid

Nico Rosberg, Mercedes F1 W07 Hybrid

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

Ora hai investito in una serie di iniziative di sostenibilità come azionista della Formula E, fondando il Greentech Festival. Quindi sei probabilmente la persona ideale, data anche la tua esperienza nelle corse, per rispondere a questa domanda: come vedi il futuro dell'automobilismo sportivo nel suo complesso? Quanto tempo hanno ancora i motori a combustione interna? E gli ibridi?
Bella domanda. Prima di tutto, il motorsport ha l'opportunità di essere un’ottima piattaforma per fare del bene e questa è la direzione in cui tutti noi dobbiamo andare. Il motorsport e la Formula Uno lo stanno facendo, rendendo tutti gli eventi sostenibili entro il 2025 e completamente privi di emissioni come sport entro il 2030. Ma questo è uno sport. C'è anche l'altro ruolo, quello della sensibilizzazione sull'accelerazione del cambiamento positivo che sta giocando una parte cruciale. Anche la Formula 1 ha una grande opportunità, ad esempio, nello sviluppo dei biocarburanti o dei carburanti sintetici, sarebbe fantastico per la Formula 1. Perché lì c'è un grande, grande futuro.

Naturalmente, sappiamo che sono neutri in termini di CO2, ciò che il CO2 va a sviluppare è uguale al CO2 che ne esce. Quindi questa è un'opportunità e, se si riesce a farla funzionare, c'è ancora spazio per i motori a combustione per un bel po' di tempo. Poi in parallelo, naturalmente, stiamo sviluppando questa soluzione elettrica, la mobilità elettrica, che oggi non è più sostenibile di un motore ibrido, perché la maggior parte dell'energia (per la ricarica) proviene dalle centrali a carbone, quindi l'intera transizione energetica deve ancora avvenire. Ma la mobilità elettrica è un acceleratore per questa transizione energetica. È per questo che sono un grande fan della mobilità elettrica e molte delle mie attività imprenditoriali si basano sulla mobilità.

Nico Rosberg, Mercedes F1 W06, al GP del Messico del 2015

Nico Rosberg, Mercedes F1 W06, al GP del Messico del 2015

Photo by: Steve Etherington / Motorsport Images

Uno dei marchi distintivi dell’Extreme E è questa idea di carica elettrica a zero emissioni. Sarebbe stato un po' sbagliato, francamente, se non l'avessero fatto in questo modo, se si considera che stanno portando questi mezzi elettrici in posti che sono stati devastati dal cambiamento climatico in tutto il mondo. Ma questa tecnologia è qualcosa che ti entusiasma? E in secondo luogo, è qualcosa che pensi possa essere sviluppato per altre categorie di motorsport?
Sì, questo è stato per me uno dei punti salienti della presentazione di Extreme E, non ci saranno generatori diesel o altro che genererà l'energia per alimentare le auto. Ma useranno la fonte di energia solare e l'idrogeno per creare elettricità e acqua. Questo è il sottoprodotto di un processo molto, molto complicato, un processo molto pesante dal punto di vista energetico. Ma è incredibile che abbiano trovato il partner energetico per fare questo lavoro sul posto, per avere quella tecnologia, viaggiando con il paddock sulla St Helena, che è la nave paddock, che porterà tutte le auto e tutto il materiale in giro per il mondo, e per avere quella tecnologia anche lì, penso che sia davvero cruciale. E questa è stata una notizia fantastica.

Nico Rosberg, Williams sul podio

Nico Rosberg, Williams sul podio

Photo by: Sutton Images

Per avere successo, ovviamente, questo dovrà essere divertente, dovrà permettere a persone come te e Lewis e agli altri proprietari e piloti di poter usare le vostre piattaforme per attirare gli spettatori, e poi ottenere il giusto equilibrio tra l'intrattenimento ma anche il tipo di progetti ereditati dal passato, i progetti educativi e scientifici. È qualcosa in cui vi vedete coinvolti? E quanto pensi che sarà difficile trovare questo equilibrio?
Assolutamente, le gare devono essere il punto focale, è sulle gare che si basa tutto questo. Non so se avete visto qualche gara di Rallycross mondiale, dove sei auto che corrono una accanto all'altra. È pieno di azione ed Extreme E si basa un po' su questo. Così ogni volta, per ogni gara, ci saranno quattro auto affiancate e sarà una vera e propria corsa ruota a ruota, penso che sarà incredibilmente emozionante. E poi ci sarà anche il cambio del pilota.

Quindi ogni gara prevede due giri, un giro per ogni pilota e c'è uno scambio tra i piloti. Quindi anche questo cambio di pilota sarà sicuramente un ingrediente molto eccitante. C'è anche un sacco di gaming, come sappiamo dalla Formula E, ci saranno un sacco di elementi di gaming messi anche sotto forma di realtà virtuale. E conosciamo Alejandro Agag, che sa come rendere emozionanti le gare.

Podio: il vincitore della gara Nico Rosberg, Mercedes AMG F1, il secondo classificato Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, il terzo classificato Daniel Ricciardo, Red Bull Racing

Podio: il vincitore della gara Nico Rosberg, Mercedes AMG F1, il secondo classificato Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, il terzo classificato Daniel Ricciardo, Red Bull Racing

Photo by: Sutton Images

Hai avuto una carriera tradizionale nel motorsport, correndo sempre con auto a benzina. Ora, qualche anno dopo, sei un pioniere dell'elettricità, sei coinvolto in questa serie, stai parlando di gaming. Come pensi che andrà avanti? Voglio dire, ci sarà spazio per il motorsport tradizionale, la nostalgia, le corse storiche in futuro? Oppure tutto dovrà avere tutti questi componenti per far sì che la gente si entusiasmi e che le aziende lo sponsorizzino?
Sono fermamente convinto che non dobbiamo andare troppo oltre, per 'disconoscere' o 'cancellare' le cose. Quindi penso che ci sarà sempre spazio per le gare storiche, c'è molta passione e questo va bene. Questo è il nostro passato. Ma allo stesso tempo, ora c'è l'opportunità di andare avanti. Io e noi lo vediamo in ogni settore del mondo, e in particolare nel motorsport. Formalmente, siamo estremamente all'avanguardia in questo campo. E quindi penso che vada bene. Entrambi i mondi possono coesistere.  E finché faremo molto bene con i nuovi prodotti e le nuove serie, allora penso che vada bene.

Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W03 crosses the line to win the race

Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W03 crosses the line to win the race

Photo by: Sutton Images

Ci saranno scettici sia a questo proposito sia all'intero concetto di portare le auto da corsa nelle zone colpite dal cambiamento climatico. Come hai detto prima, l'automobilismo sportivo ha alcune cose davvero buone per essere una vetrina per la tecnologia, per la sostenibilità di guida e per il cambiamento. Non ha rivali, ma ci sono anche alcune percezioni negative di questo sport. Quindi credi fondamentalmente che il motorsport sia una buona piattaforma per buone cause?
Ne sono convinto al cento per cento. Non dimentichiamo che anche la Formula 1 ha fatto molto bene nel settore della mobilità in passato. Voglio dire, erano, erano assolutamente all'avanguardia nello sviluppo dei turbocompressori, che sappiamo hanno reso i motori molto più efficienti. Sono all'avanguardia nello sviluppo di tutte le tecnologie ibride, che molte case automobilistiche hanno portato nelle loro auto da strada.

Quindi la Formula 1 ha sempre fatto molto bene, forse hanno bisogno di parlarne un po' di più. Lo sappiamo, soprattutto ora che si va avanti. Quindi sì, il motorsport deve posizionarsi in questo modo. E c'è un'enorme opportunità di usare tutto il potenziale che ha e di portare davvero le persone in questo viaggio per rendere tutti i nostri futuri più sostenibili.

condivisioni
commenti
Nico Rosberg entra in Extreme E con un suo team

Articolo precedente

Nico Rosberg entra in Extreme E con un suo team

Prossimo Articolo

Formula E ed Extreme E si legano in una partnership strategica

Formula E ed Extreme E si legano in una partnership strategica
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Extreme E
Piloti Nico Rosberg
Autore James Allen