McLaren annuncia l'ingresso in Extreme E a partire dal 2022

Il costruttore inglese diventerà il decimo brand a prendere parte alla serie totalmente elettrica a partire dal 2022.

McLaren annuncia l'ingresso in Extreme E a partire dal 2022

Continua a crescere il numero di team che hanno deciso di impegnarsi nella Extreme E. Oggi, infatti, è arrivato l’annuncio della presenza di McLaren Racing a partire dalla prossima stagione del campionato interamente disputato con SUV elettrici.

Battezzato dal co-fondatore del campionato Alejandro Agag come: "probabilmente la più grande notizia nella breve storia di Extreme E", McLaren si unisce ai marchi Cupra e GMC come il terzo produttore coinvolto, mentre Lotus Engineering può vantare una partnership tecnica con JBXE il team di Jenson Button.

Questa decisione di entrare segue una valutazione dettagliata della serie effettuata da McLaren, non diversamente da quanto si sta facendo attualmente per valutare l’impegno in Formula E con le regole Gen3 che saranno applicate a partire dal campionato 2022-23.

Il CEO di McLaren Racing, Zak Brown, ha dichiarato ad alcuni media selezionati, tra cui Motorsport.com, che nessuna decisione finale è stata presa in merito ad una partecipazione in Formula E o nel WEC, mentre per quel che riguarda la Extreme E lo slot libero stava per essere venduto a breve ed il Gruppo non avrebbe potuto permettersi il lusso di attendere altri sei mesi prima di annunciare l’ingresso.

La serie elettrica, stando a quanto dichiarato, ha soddisfatto i "criteri strategici, economici e operativi" per McLaren Racing e un ingresso nel campionato permetterà alla squadra di raggiungere nuovi "fan e partner".

Il team Extreme E utilizzerà sia il personale esistente ormai fuori del programma di Formula 1, che risorse specializzate proprie del lato automotive.

Brown ha dichiarato: "Dal momento in cui è stata annunciata la nascita della Extreme E abbiamo seguito da vicino i progressi della serie. La nostra attenzione è stata immediatamente attirata dal format innovativo di questa piattaforma ed in particolare dalla capacità che ci dà di accelerare e stimolare la nostra agenda generale di sostenibilità, che condivide le stesse priorità di decarbonizzazione, riduzione dei rifiuti, diversità e uguaglianza”.

"Mentre la Formula 1 rimarrà sempre al centro del nostro mondo, così come la IndyCar e gli Esports, il nostro ingresso in Extreme E rappresenta una aggiunta al franchising McLaren Racing e ci aiuterà a sostenere tutti i nostri programmi”.

"Saremo in competizione contro grandi nomi che hanno fatto la storia della F1 e della IndyCar  ma, come tutte le serie in cui corriamo, l'obiettivo è chiaro: siamo lì per vincere".

Il co-fondatore della Extreme E, Alejandro Agag, ha afferamto: "Avere McLaren a bordo, brand che simboleggia il più alto livello di innovazione sia automobilistica che nelle corse, è un'enorme conferma che ciò che abbiamo compiuto nelle nostre prime due gare della stagione 1 ha già creato un impatto reale nel motorsport".

Agag ha sostenuto che il campionato sarà limitato a 12 squadre a causa dei vincoli di dimensione della RMS St. Helena, nave che trasporta la maggior parte del carico in ogni località.

condivisioni
commenti
L’inaspettato ritorno alle gare della Kleinschmidt con CUPRA
Articolo precedente

L’inaspettato ritorno alle gare della Kleinschmidt con CUPRA

Prossimo Articolo

Extreme E: cancellati i round in Brasile ed Argentina

Extreme E: cancellati i round in Brasile ed Argentina
Carica commenti