Dominio assoluto di Dan Ticktum in Gara 1 a Budapest

condivisioni
commenti
Dominio assoluto di Dan Ticktum in Gara 1 a Budapest
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
02 giu 2018, 09:15

Il pilota del team Motopark ha comandato per tutti e 22 i giri di gara mostrando un passo inarrivabile per i rivali. La penalità rimediata da Aron ha spalancato le porte del podio a Guanyu Zhou e Robert Shvartzman.

Guanyu Zhou, PREMA Theodore Racing Dallara F317 - Mercedes-Benz
Dan Ticktum, Motopark Dallara F317 - Volkswagen
Guanyu Zhou, PREMA Theodore Racing Dallara F317 - Mercedes-Benz
Dan Ticktum, Motopark Dallara F317 - Volkswagen
Guanyu Zhou, PREMA Theodore Racing Dallara F317 - Mercedes-Benz
Guanyu Zhou, PREMA Theodore Racing Dallara F317 - Mercedes-Benz
Alex Palou, Hitech Bullfrog GP Dallara F317 - Mercedes-Benz
Sacha Fenestraz, Carlin Dallara F317 - Volkswagen
Sebastian Fernandez, Motopark Dallara F317 - Volkswagen
Petru Florescu, Fortec Motorsports Dallara F317 - Mercedes-Benz
Artem Petrov, Van Amersfoort Racing Dallara F317 - Mercedes-Benz
Petru Florescu, Fortec Motorsports Dallara F317 - Mercedes-Benz

E’ stata una vera e propria prova di forza quella mostrata da Dan Ticktum nella prima gara del weekend di Budapest.

Il pilota del vivaio Red Bull ha letteralmente dominato Gara 1, ma ha avuto qualche brivido solamente in partenza quando si è visto affiancato da Zhou alla staccata di Curva 1 per poi tenere a bada il cinese della Prema alla curva successiva.

Da quel momento Ticktum ha iniziato a pestare forte sul gas creando subito un gap importante sui diretti inseguitori ed è riuscito a transitare indisturbato sotto la bandiera a scacchi centrando così il primo successo nella Formula 3 Europea diventando anche il quarto vincitore diverso in quattro gare.

Le emozioni di Gara 1 si sono concentrate tutte al via e proprio in partenza si è subito perso uno dei protagonisti più attesi, Alex Palou. Il pilota dell’Hitech GP si è avviato lentamente dalla seconda casella ed è retrocesso a centro gruppo gettando così al vento ogni possibilità di podio.

Dell’errore di Palou ne hanno approfittato Aron e Zhou. Il cinese, come detto, ha subito tentato di scavalcare Ticktum all’interno di Curva 1 ma ha dovuto alzare il piede poco dopo non trovando un varco, mentre Aron è stato protagonista di un grande avvio dalla settima casella e si è subito portato in seconda piazza davanti a Zhou.

La partenza dell’estone, tuttavia, non è passata inosservata agli occhi dei commissari che hanno notato un jump start ed hanno punito Aron con cinque secondi di tempo aggiuntivi. Ralf è stato così costretto a spingere come un dannato nella fase finale di gara per aumentare il gap su Zhou, Shvartzman e Schumacher ma non è riuscito ad aumentare il vantaggio sui suoi compagni di team concludendo Gara 1 in quinta piazza.

Shvartzman ha così conquistato il terzo gradino del podio ed è stato protagonista di una prova di grande maturità. Il russo non ha patito le condizioni di aderenza precarie in avvio ed ha approfittato del lungo di Schumacher in Curva 1 in partenza per soffiare la posizione al tedesco.

Mick ha tentato un recupero impossibile nei confronti di Shvartzman per tutta la gara, ma una volta trovatosi negli scarichi della Prema del russo non è mai riuscito a tentare un attacco e si è così dovuto accontentare del quarto posto precedendo il penalizzato Aron.

Juri Vips ha chiuso fuori dalla top five centrando il sesto posto. Il pilota del team Motopark si è reso protagonista di un bel duello con Schumacher nelle battute iniziali della gara, entrando anche in contatto con il tedesco, ma non è mai riuscito a mantenere il ritmo dei primi cinque e nel finale ha dovuto controllare negli specchietti un Enaam Ahmed voglioso di riscatto dopo una qualifica sottotono.

L’inglese dell’Hitech GP non ha commesso una sbavatura per tutti i 22 giri ma si è dovuto accontentare della settima piazza chiudendo davanti ad un superbo Sacha Fenestraz.

Il franco argentino non aveva brillato assolutamente in qualifica, finendo fuori dalla top ten, ma in gara ha mostrato tutto il suo talento risalendo sino all’ottava piazza davanti a Hingeley e Scherer.

Al termine di Gara 1 la classifica pilota è decisamente corta. Ticktum, infatti, occupa la prima posizione con 45 punti, mentre Aron è secondo con 44,5 punti davanti a Zhou a quota 43 e Fenestraz a 41.

Prossimo Articolo
Ticktum piazza la zampata ed è in pole per Gara 1 all'Hungaroring

Articolo precedente

Ticktum piazza la zampata ed è in pole per Gara 1 all'Hungaroring

Prossimo Articolo

Ticktum e Ahmed si dividono le pole per Gara 2 e 3 dell'Hungaroring

Ticktum e Ahmed si dividono le pole per Gara 2 e 3 dell'Hungaroring
Carica commenti

Su questo articolo

Serie EUROF3
Evento Hungaroring
Location Hungaroring
Piloti Robert Shwartzman , Guan Yu Zhou , Dan Ticktum
Team Motopark Academy
Autore Marco Di Marco
Tipo di articolo Gara