ETCR | Tambay trionfa all'Hungaroring nella doppietta Cupra EKS

Il francese è il King of the Weekend a Budapest vincendo la sua Finale e accumulando 10 punti in più del compagno Ekström. Sul podio c'è Martin con la Giulia della Romeo Ferraris, bene anche Spengler. Ennesimo incidente Vernay-Filippi.

ETCR | Tambay trionfa all'Hungaroring nella doppietta Cupra EKS
Carica lettore audio

E' Adrien Tambay il 'King of the Weekend' della Race HU, secondo appuntamento stagionale del FIA ETCR andato in scena all'Hungaroring.

Per tutto il fine settimana le Cupra e-Racer del team EKS hanno mostrato la loro superiorità e la doppietta è stata servita su un piatto d'argento con la seconda piazza ottenuta da Mattias Ekström.

Gli unici capaci di impensierire le vetture spagnole sono stati Bruno Spengler e Maxime Martin con le Giulia della Romeo Ferraris, ma andiamo a vedere come si è evoluta la situazione nell'arco del fine settimana magiaro, dove non sono mancate scintille e spettacolo.

Auto in pitlane

Auto in pitlane

Photo by: ETCR

QUALIFICHE 1-2

Si parte con i giri singoli delle Qualifiche 1 e 2 per definire le griglie di partenza dei Quarti di Finale.

Nella POOL FAST, Mattias Ekström ottiene il miglior crono già in Q1 con un bell'1'53"442 senza sbagliare nulla, anche se nel giro di rientro ravvisa un problemino alla propria Cupra e-Racer.

Mikel Azcona piazza la sua Hyundai Veloster N seconda a 0"6 dallo svedese della Cupra EKS, seguito dal compagno di squadra Kevin Ceccon, a risalire la china nella Q2.

Le Giulia ETCR di Giovanni Venturini e Maxime Martin si classificano al quarto e quinto posto, mentre alle spalle del duo di Romeo Ferraris c'è Jordi Gené sulla seconda Cupra, autore di un errore in Q1 e vistosi cancellare il crono in Q2 per track-limits.

Il Quarto di Finale 1 vedrà in lizza Ekström, Azcona e Ceccon, con Venturini, Martin e Gené a confrontarsi nel 2.

Giovanni Venturini, Romeo Ferraris, Giulia ETCR

Giovanni Venturini, Romeo Ferraris, Giulia ETCR

Photo by: ETCR

Nella POOL FURIOUS è Adrian Tambay il grande mattatore delle due sessioni. Il pilota della Cupra EKS ottiene un 1'54"687 come prestazione di riferimento, seguito a quasi 0"3 dalla Giulia di Bruno Spengler (Romeo Ferraris) e dal suo compagno di squadra Tom Blomqvist.

Top5 per le Hyundai di Jean-Karl Vernay e Norbert Michelisz, una sbavatura nella Q2 fa invece finire sesto Luca Filippi con l'altra Giulia della Romeo Ferraris senza riuscire a migliorare.

Ai quarti di finale se la vedranno Tambay, Spengler e Blomqvist nel primo, Vernay, Michelisz e Filippi nel secondo.

Jean-Karl Vernay, Hyundai Motorsport N, Hyundai Veloster N ETCR

Jean-Karl Vernay, Hyundai Motorsport N, Hyundai Veloster N ETCR

Photo by: ETCR

QUARTI DI FINALE

Il Quarto di Finale 1 (3 giri) della POOL FAST si apre con Ekström che parte bene, ma viene superato da Azcona, mentre Ceccon si accoda allo svedese allontanandosi nel corso del primo giro.

Ekström cerca di sorprendere lo spagnolo al secondo giro, ma arriva al bloccaggio, poi nel terzo ed ultimo passaggio trova lo spazio per sopravanzare il rivale alla penultima curva con una grandissima mossa. Ceccon chiude terzo e più distante.

Il secondo Quarto di Finale vede al via Venturini e Gené ai ferri corti alla curva 1, ne approfitta Martin per superare entrambi.

Le Giulia fanno l'andatura, ma Gené non ci sta e al secondo giro cerca l'attacco a Venturini in curva 7, con il veneto che riesce a restare secondo. Martin ne approfitta per prendere vantaggio, andando a tagliare il traguardo vittorioso sui due, in lotta fino all'ultimo metro.

Le due Semifinali vedranno in lizza Ekström, Azcona e Martin, e Ceccon, Venturini e Gené.

Azione in pista

Azione in pista

Photo by: ETCR

Nella POOL FURIOUS il Quarto 1 inizia con Spengler partire a razzo dal centro e chiudere poi la porta a Blomqvist, incalzato da Tambay che poco dopo supera il collega della Cupra EKS.

Il canadese tiene il primato a denti stretti anche nel secondo giro, ma all'inizio del terzo si vede attaccare da Tambay. Blomqvist alla curva 2 prova a sorprendere entrambi, ma arriva lungo e tampona rovinosamente il compagno di squadra, consentendo a Spengler di andare a vincere senza problemi. Tambay finisce secondo, Blomqvist si ferma.

Il Quarto 2 è un altro ruota a ruota tra Vernay e Filippi (dopo il disastro provocato dal francese a Pau); passa la Hyundai alla seconda curva, Michelisz prova ad attaccare la Giulia del piemontese e la supera poco prima della fine del primo giro.

L'ungherese finisce però prima il Power-Up, dunque Filippi ne approfitta per tornare secondo alle spalle di Vernay, che vince comodamente.

Le griglie delle Semifinali vengono quindi composte da Spengler, Tambay e Vernay, e Blomqvist, Filippi e Michelisz.

Tom Blomqvist, Cupra EKS, Cupra e-Racer

Tom Blomqvist, Cupra EKS, Cupra e-Racer

Photo by: ETCR

SEMIFINALI

Domenica mattina la prima Semifinale della POOL FAST comincia ancora con il braccio di ferro tra Azcona ed Ekström, e Martin che si accoda allo svedese dopo la prima curva.

I due proseguono il loro personalissimo duello tra sorpassi e controsorpassi anche al secondo giro, Martin non molla e conserva più Power-Up, superando la Cupra all'inizio dell'ultimo dei 3 giri a disposizione.

Il belga prova ad avvicinare anche Azcona, che però ha metri preziosi e vince davanti alla Giulia di Romeo Ferraris e ad Ekström.

Venturini prende il comando su Ceccon e Gené al via della Semifinale 2. Lo spagnolo della Cupra attacca il bergamasco della Hyundai all'inizio del secondo passaggio, ma senza successo.

Venturini centra il primato, Gené sorprende all'ultima curva Ceccon soffiandogli il secondo posto.

Kevin Ceccon, Hyundai Motorsport N, Hyundai Veloster N ETCR

Kevin Ceccon, Hyundai Motorsport N, Hyundai Veloster N ETCR

Photo by: ETCR

La prima Semifinale della POOL FURIOUS si apre con il colpo di scena del problema tecnico occorso a Tambay. Spengler passa al comando davanti a Vernay in quella che è una lotta a due.

Il francese passa il canadese all'inizio del secondo giro, ma alla penultima curva il pilota della Romeo Ferraris risponde dando una toccata alla Hyundai.

I due continuano a sportellarsi e alla curva 3 Vernay perde il controllo e finisce in testacoda, con Spengler che va a vincere in solitaria, mentre Tambay passa secondo dopo aver ripreso la sua corsa lontano dalla coppia di testa. Vernay riparte e termina terzo.

Blomqvist, Filippi e Michelisz mantengono quest'ordine al via della seconda Semifinale, che è la più noiosa di tutte perché le posizioni non cambiano fino al traguardo dei 3 giri percorsi.

Luca Filippi, Romeo Ferraris, Giulia ETCR

Luca Filippi, Romeo Ferraris, Giulia ETCR

Photo by: ETCR

SUPER FINAL

5 giri per decidere chi vincerà il fine settimana e verrà incoronato King of the Weekend.

Si parte con la POOL FAST che vede le Giulia di Martin e Venturini prendere subito il comando davanti ad Ekström, Gené, Azcona e Ceccon. Lo spagnolo della Hyundai attacca il connazionale della Cupra; una toccata fora una gomma alla e-Racer e Gené deve rallentare.

Al secondo giro Ekström sfrutta il Power-Up e alla curva 1 scavalca Venturini, che non molla e prova a rispondergli proprio all'ultimo giro, ma dovendosi arrendere.

Vince comodamente Martin su Ekström e Venturini, Azcona e Ceccon concludono in Top5 distanti, Gené ai box cambia la gomma e rientra prendendo almeno i punti del 6° classificato.

Maxime Martin, Romeo Ferraris, Giulia ETCR

Maxime Martin, Romeo Ferraris, Giulia ETCR

Photo by: ETCR

La Super Final della POOL FURIOUS parte con le sportellate alla prima curva che premiano la tenacia di Tambay, al comando su Spengler, Vernay, Blomqvist, Filippi e Michelisz.

All'inizio del terzo passaggio Blomqvist supera sul dritto Vernay prendendo l'ultimo posto sul podio virtuale, ripetendosi con Spengler allo stesso modo in quello successivo.

Alla curva 3-4, altro contatto fra Vernay e Filippi, dpo quello che già si era verificato a Pau. Entrambi devono rallentare e Michelisz ne approfitta per prendere la quarta posizione.

L'ultima tornata è una passerella per Tambay, che vince in tranquillità su Blomqvist, Spengler e Michelisz.

Il francese guadagna così i punti necessari per essere incoronato King of the Weekend grazie alle 90 lunghezze incamerate, 10 in più di Ekström che completa la doppietta Cupra EKS.

A podio va anche Martin con 78 punti, beffando per 1 il compagno di squadra Spengler. Azcona completa la Top5 come migliore delle Hyundai.

In classifica di campionato Tambay è ora in testa con 182 punti, secondo Ekström a 180, poi seguono Azcona a 139, Spengler e Blomqvist a 138, Martin con 134, Vernay a 86, Venturini a 85, Michelisz a 76, Ceccon a 72, Gené a 60 e Filippi a 50.

condivisioni
commenti
ETCR | Romeo Ferraris determinata per Budapest
Articolo precedente

ETCR | Romeo Ferraris determinata per Budapest

Prossimo Articolo

ETCR | Primo podio dell'anno per la Romeo Ferraris a Budapest

ETCR | Primo podio dell'anno per la Romeo Ferraris a Budapest