ETCR | La Cupra lotta contro il caldo e va a punti a Vallelunga

L'ondata di caldo che ha colpito l'Europa questo fine settimana è stata protagonista indiscussa del quinto round del FIA ETCR a Vallelunga, dove il team Cupra EKS ha optato per una strategia conservativa.

ETCR | La Cupra lotta contro il caldo e va a punti a Vallelunga
Carica lettore audio

Il FIA ETCR si è svolto con temperature superiori ai 40°C ogni giorno sul circuito italiano. L'asfalto ha registrato temperature di 54°C nelle misurazioni effettuate da Motorsport.com.

L'elevato calore ha danneggiato gli pneumatici, la mancanza di aderenza e l'eccessiva usura degli stessi hanno avuto due effetti: la vettura usciva facilmente dalla traiettoria e causava continue forature.

Il venerdì i team hanno fatto i conti con diversi cedimenti, poiché l'asfalto e i cordoli non aiutavano gli pneumatici, con i piloti che dovevano controllare dove andavano in pista e quale stress stavano esercitando su di essi.

Gli ingegneri del team CUPRA EKS se ne sono resi conto molto presto.

"Siamo stati i primi a forare e non volevamo essere gli ultimi", ha dichiarato Xavi Serra, Direttore di Cupra Racing. "Era chiaro che avremmo sofferto molto con l'elevato calore della pista a causa dell'usura dei pneumatici e della perdita di aderenza, ma dobbiamo lavorare con questo tipo di handicap come quando c'è la pioggia o condizioni di freddo estremo".

 

Photo by: SEAT

In un campionato come questo, in cui le gare nelle batterie assegnano punti, è molto importante finire ogni manche. Una vettura che non ottiene punti è decisiva per la somma finale di domenica. È importante ricordare che il pilota che vince la finale non è quello che è arrivato primo nell'ultima manche, ma quello che ha ottenuto il maggior numero di punti durante il weekend nei rispettivi gruppi.

"Il ritmo alla partenza non era quello che avremmo voluto, abbiamo avuto due forature sulle nostre vetture che ci hanno fatto finire all'ultimo posto in due gare e anche qualche uscita di pista. Grazie al lavoro di tutto il team di ingegneri, abbiamo scoperto alcuni punti del tracciato in cui i pneumatici erano più a rischio di foratura".

Queste informazioni sono state trasmesse ai piloti in modo che potessero evitare di passare in quei punti come facevano normalmente e prendere ulteriori precauzioni sul resto del circuito.

Di conseguenza, il team Cupra EKS ha adottato una strategia conservativa e meno rischiosa rispetto ad altre gare della stagione; decisione che poteva sembrare sbagliata al momento, ma che alla fine si è rivelata la mossa giusta.

 

Photo by: SEAT

Un chiaro esempio è stato lo sfortunato incidente in una delle finali di Bruno Spengler, che ha perso uno dei suoi pneumatici e ha fatto schiantare la Giulia ETCR di Romeo Ferraris contro le barriere in un punto che raggiunge i 200 km/h.

Il risultato dell'incidente ha lasciato il canadese senza punti e anche il suo compagno di squadra non ha potuto gareggiare perché condivideva la vettura che non era riparabile in tempo per l'ultima gara. In seguito, la squadra italiana ha ritirato la sua seconda macchina dalla seconda finale per protestare contro la mancanza di sicurezza per i suoi piloti con queste gomme.

Spettava a ogni squadra prendere le proprie decisioni quando si trattava di affrontare il problema e nella seconda gara di finale, senza il vincitore di Zolder, Maxime Martin, e il suo compagno di squadra Giovanni Venturini sulla griglia, le due Hyundai e le due Cupra hanno adottato strategie diverse.

Mentre il team spagnolo ha preferito non correre troppi rischi, Nicky Catsburg e Jean-Karl Vernay hanno optato per spingere le loro auto al limite.

"Come concordato nella riunione pre-gara con i piloti, abbiamo deciso di puntare al traguardo. Anche il terzo e il quarto posto in finale erano buoni per noi, non volevamo avere un incidente come quello di Bruno e perdere punti", ha spiegato Serra a proposito della strategia della Cupra.

 

Photo by: SEAT

Tom Blomqvist e Mattias Ekstrom sono partiti bene inserendosi tra le due Hyundai, ed entrambi hanno raggiunto alcuni punti del circuito senza frenare a fondo o spingere nelle parti più critiche, dove il carico sugli pneumatici è elevato ad alta velocità.

Proprio questo problema è capitato a Vernay, che ha dovuto frenare leggermente per evitare di scontrarsi con le Cupra, mentre Catsburg si faceva largo in testa spingendo più forte.

All'ultimo giro, con un leggero vantaggio sulle altre tre vetture in pista e a poche curve dalla fine, Catsburg ha subìto una foratura che lo ha costretto al ritiro, consentendo a Ekstrom di prendere il comando e di vincere la Super Final della Pool Furious su Blomqvist e Vernay.

Dopo la gara, molti si sono lamentati per le forature, ma il capo della Cupra, Serra, ha minimizzato l'importanza del caso.

"Non si tratta di fortuna. Abbiamo seguito una strategia rigorosa per mantenere le auto in pista. Siamo stati i primi a forare e non volevamo essere gli ultimi".

 

Photo by: SEAT

condivisioni
commenti
Ecco come la Cupra elettrica può sorprendere in rettilineo
Articolo precedente

Ecco come la Cupra elettrica può sorprendere in rettilineo