Ekstrom: "Consistenza e adattabilità per vincere il Pure ETCR"

Mattias Ekstrom continua ad essere leader del Pure ETCR ed è convinto che la consistenza sia la chiave per vincere i titoli piloti e team.

Ekstrom: "Consistenza e adattabilità per vincere il Pure ETCR"

Fra le varie sfide della nuova serie turismo elettrica, l'ultima si è svolta al Bellahoj Park di Copenhagen lo scorso weekend.

Lo svedese, che aveva vinto in Spagna, ha centrato il miglior tempo nel Time Trial, guadagnandosi la partenza dalla miglior posizione nella SuperFinal A.

Il portacolori della Cupra X Zengo Motorsport ha condotto per quasi tutta l'ultima gara del Pool A, ma proprio all'ultimo passaggio ha toccato il muretto di cemento armato danneggiando la vettura e rallentando.

Questo ha dato modo a Luca Filippi (Romeo Ferraris-M1RA) di infilarlo all'interno e vincere la corsa, mentre col successo nel Pool B ottenuto da Philipp Eng, l'austriaco si è laureato Re del Weekend, precedendo proprio Ekstrom e Filippi.

“Nell'ultima chicane sono stato un po' troppo conservativo, ma avevo appena toccato il muro", spiega Ekstrom, che in classifica mantiene +24 punti su Jean-Karl Vernay (Hyundai).

“Nella mia situazione avevo più da perdere che da guadagnare, non portare a termine una Super Final significa lasciare molti punti agli altri".

“Il campionato è lungo e credo proprio che chi farà meno errori, bilanciando bene fortuna e tentativi di essere più veloce, sarà Campione".

Dopo gli eventi di Vallelunga (Italia) e Motorland Aragon (Spagna) - due piste tradizionali - i protagonisti hanno affrontato in Danimarca il primo tracciato cittadino, davanti ad un vasto pubblico.

Il percorso di 2,604km del Bellahoj Park era stretto e veloce per essere uno di questo genere, ovviamente delimitato dai muri di cemento e senza vie di fuga.

Mattias Ekstrom

Mattias Ekstrom

Photo by: Pure ETCR

Il layout con asfalto a bassa aderenza ha richiesto assetti diversi e costretto i team a tuffarsi nel cosiddetto buio.

C'è stata anche la possibilità di provare le gomme Goodyear a mescola unica sul bagnato per alcuni momenti, aggiungendo una sessione di Prove Libere al sabato quando la pioggia ha fatto capolino sulla pista, anche se larga parte dell'evento si è svolto sull'asciutto.

Sul rettilineo principale si è toccata la punta di 210km/h nonostante le auto fossero limitate a 300kW (400CV) di potenza per ragioni di sicurezza. Solitamente, infatti, i concorrenti dispongono di ulteriori 200kW (270CV) di ‘push-to-pass’ nelle Battaglie iniziali e nelle Super Final, oltre che nei Time Trial.

“In alcuni punti era veramente stretto e con sconnessioni importanti, oltre che alcuni chicane veloci - conclude Ekstrom - Il cuore pulsava maggiormente quando si andava al massimo sul rettilineo o si finiva nelle vie di fuga”.

condivisioni
commenti
Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre

Articolo precedente

Le TCR perdute: oggi chi fa da sè... non fa per tre

Prossimo Articolo

TCR: le Alfa Romeo di Romeo Ferraris volano nelle serie nazionali

TCR: le Alfa Romeo di Romeo Ferraris volano nelle serie nazionali
Carica commenti