Formula 1 MotoGP
18 set
Warm Up in
07 Ore
:
39 Minuti
:
04 Secondi
WRC
18 set
Giorno 3 in
04 Ore
:
49 Minuti
:
04 Secondi
WSBK
04 set
Evento concluso
18 set
SBK WarmUP in
07 Ore
:
19 Minuti
:
04 Secondi
Formula E WEC
12 nov
Prossimo evento tra
53 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
25 set
Prossimo evento tra
5 giorni
GT World Challenge Europe Endurance

Il capo di rFactor spiega i problemi di Alonso e Verstappen

condivisioni
commenti
Il capo di rFactor spiega i problemi di Alonso e Verstappen
Di:
Tradotto da: Lorenza D'Adderio

La 24 Ore di Le Mans virtuale dello scorso fine settimana si è rivelata una pietra miliare nelle gare esport, che è stata stranamente simile alla gara reale, compresi alcuni problemi tecnici. Studio 397, lo sviluppatore di rFactor 2, spiega i problemi che hanno messo in crisi Max Verstappen e Fernando Alonso.

Nella data in cui si sarebbe dovuta svolgere la 24 Ore di Le Mans, l'organizzatore ACO ha fatto di tutto per far sì che venisse comunque disputata un'edizione virtuale. Ha unito le forze con il FIA WEC, Motorsport Games e rFactor 2 per produrre una gara di simulazione di 24 ore con 50 auto e 200 piloti, un mix di assi di endurance del mondo reale, stelle della Formula 1 e i migliori piloti di simulazione del mondo.

L'evento, vinto dalla Rebellion Williams Esports nella classe LMP e dalla Porsche in GTE, è stato caratterizzato da quasi 23 ore di corsa con bandiera verde e dal tradizionale flusso di Le Mans, dettato dal ritmo, dalla strategia, dagli errori in pista e da una serie di problemi tecnici. Studio 397, sviluppatore di rFactor 2, è soddisfatto di come è andato l'evento.

Marcel Offermans, direttore di Studio 397, ha detto a Motorsport.com: "Siamo molto felici. Se si guarda l'intero evento e si leggono tutti i commenti positivi delle persone che sono state coinvolte e di coloro che stavano guardando, allora è stato un evento fantastico con un sacco di emozioni. Voglio fare i complimenti alle persone di Motorsport Games. È stata una produzione molto professionale”.

Proprio come nella gara del mondo reale, ogni partecipante aveva una storia da raccontare. Simon Pagenaud ha suscitato un grande interesse sui social media eseguendo un cambio di sim durante il suo stint. Il pilota sim della ByKolles, Jesper Pedersen, ha percorso due giri con la macchina che girava a destra quando doveva sterzare a sinistra. Anche Max Verstappen e Fernando Alonso hanno avuto i loro grossi problemi.

Durante la notte, Verstappen ha sofferto di problemi di connessione alla vettura #20 del Team Redline e questo gli ha fatto perdere vantaggio. Verstappen è stato molto schietto sull'incidente, ma, da appassionato pilota di sim, Offermans capisce la frustrazione del pilota della Red Bull F1: “Assolutamente. Posso perfettamente immaginare che si diventi emotivi quando le cose vanno male. Probabilmente avrei fatto la stessa cosa”.

“Max ha avuto problemi con la connessione o con il computer, il che significa che il suo frame rate era basso. Prima della gara lo abbiamo aiutato ad ottimizzare il suo nuovo computer, ma forse non era ancora il momento giusto. In teoria potrebbe esserci stato un altro bug nel nostro sistema, ma dovremo indagare. Il suo compagno di squadra Atze Kerkhof ha avuto in seguito un altro problema che non ho mai visto prima, quindi non posso ancora dire molto a riguardo. Una gara di 24 ore è dura per l’equipaggiamento. Solo che questa volta non si tratta di auto, ma di computer, simulatori e connessioni internet. Fa parte di tutto questo”.

All'inizio della gara Alonso è stato condizionato da una penalità per aver passato la Porsche di Simona de Silvestro. Ad Alonso è stata inflitta la penalità proprio quando è entrato per un pit stop, il che significava che non poteva fare il pieno alla sua auto nello stesso momento e ha finito la benzina al giro successivo.

Offermans spiega che l'incidente è stato il risultato di un insieme di circostanze impreviste, ma ammette che la sua squadra avrebbe potuto fare di più per evitarlo: “Abbiamo commesso un piccolo errore. Quando si ottiene una penalità, è possibile selezionare nel menu del pitstop se si vuole prendere subito o fare prima un normale pitstop. Non si può prendere una sanzione e fare un pitstop allo stesso tempo”.

“Quando il controllo di gara ha chiamato la penalità, l'abbiamo emessa subito prima dell'arrivo di Alonso. Ha avuto a malapena il tempo di cambiare le impostazioni del suo pitstop e di fare una normale sosta prima. Questo è stato il nostro errore. In seguito ci siamo assicurati di applicare le penalità solo quando la macchina in questione aveva appena superato il traguardo o aveva fatto un pit stop, così hanno avuto tutto il tempo di reagire”.

Nonostante tutto, Offermans si è detto soddisfatto di come è stato accolto l'evento e spera che il suo team possa lavorarci sopra per il futuro: “In termini di numeri questa è stata la più grande gara di simulazione di sempre, quindi è stata sicuramente una pietra miliare. Vogliamo usare questa spinta e dare alle corse in sim un posto solido, anche quando le corse nel mondo reale riprenderanno. È un’esport che utilizza le stesse competenze del vero sport. L'esempio migliore è stato il fatto che i veri piloti si sono avvicinati molto ai loro colleghi della simulazione. Ora vogliamo continuare a organizzare eventi e continuare a ridurre le differenze tra i due mondi”.

Rebellion-Williams al traguardo con solo mezzo litro di benzina

Articolo precedente

Rebellion-Williams al traguardo con solo mezzo litro di benzina

Prossimo Articolo

Virtual Race of Champions: ci sono anche i vincitori di Le Mans

Virtual Race of Champions: ci sono anche i vincitori di Le Mans
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie eSports
Evento 24h di Le Mans Virtuale
Autore Filip Cleeren