Ralfs Sirmacis concede il bis in Estonia, che amarezza per Lukyanuk!

Ralfs Sirmacis vince per il secondo anno consecutivo in Estonia approfittando del ritiro di Alexey Lukyanuk nella penultima PS. Sul podio salgono anche Kajetanowicz e Aus, vincitore dell'ERC2. Niinemäe festeggia fra i Junior da Top10.

Se esistesse il modo di premiare per la vittoria due concorrenti, oggi sarebbe l'occasione giusta per quanto abbiamo visto in questo incredibile auto24 Rally Estonia.

Ralfs Sirmacis ha conquistato nel paese baltico il suo secondo successo nel FIA European Rally Championship, beneficiando del ritiro di Alexey Lukyanuk alla penultima Prova Speciale.

L'incredibile epilogo si è consumato quando il russo, vincitore della Qualifying Stage, di 9 PS e in testa fin dal via, ha perso una ruota della sua Ford Fiesta R5 nella PS15 per un problema al braccetto dello sterzo.

Mentre per Lukyanuk, vincitore in Estonia nel 2015, sfuma l'occasione di concedere il bis, Sirmacis invece sale di nuovo sul podio del velocissimo rally sterrato, proprio come fece 12 mesi or sono quando correva in ERC Junior.

Per il 22enne della Sports Racing Technologies e il suo navigatore Māris Kulšs c'è anche la soddisfazione di aver piazzato per la loro ŠKODA Fabia R5 davanti a tutti in 6 PS.

Secondo posto preziosissimo in termini di campionato per Kajetan Kajetanowicz, alle prese con una gara in salita per i problemi tecnici accusati dalla sua Ford Fiesta R5 nel corso della prima tappa. Il polacco del LOTOS Rally Team chiude con 1'34"5 di ritardo dal leader, ma con punti importantissimi in tasca visto il ritiro di Lukyanuk, suo rivale principale nella corsa al titolo piloti ERC.

Sul podio assoluto sale anche Rainer Aus, che vince la Classe ERC2 con grandissimi brividi finali; l'estone della Alm Motorsport ha dovuto stringere i denti per via di una rottura sulla sua Mitsubishi Lancer EVO IX quando nella PS14 l'estone ha colpito un sasso.

Aus riesce comunque a portare a termine la gara con 18"6 di margine sul connazionale Raul Jeets (Sports Racing Technologies), che nel finale le ha provate tutte pur di piazzare la sua Fabia R5 sul podio. Per Jeets c'è comunque la soddisfazione di aver vinto davanti ai suoi tifosi la PS10 per le strade di Elva, come accadde nel 2015.

Completano la Top6, ma molto più staccate, le Fiesta R5 dei polacchi Jarosłav Kołtun (C-Rally) e Łukasz Habaj (Rally Technology), con quest'ultimo autore di una bella gara al debutto nell'ERC con una vettura R5, dopo essere stato protagonista della categoria riservata alle R2.

Un grandissimo Miko-Ove Niinemäe (Cueks Racing) centra il settimo assoluto e il successo nelle Classi ERC3 ed ERC Junior. Il giovane estone, tornato in azione nell'ERC, ha dominato la prima tappa (7 PS vinte in categoria), poi ha saggiamente cercato di gestire il proprio vantaggio terminando con la sua Peugeot 208 R2 davanti alle Opel Adam R2 ufficiali di Marijan Griebel (+39"8) e Chris Ingram (+44"5), vincitori rispettivamente di 3 e 1 PS.

Oltre ai ragazzi della categoria riservata ai giovani, in Top10 troviamo anche la Mitsubishi Lancer EVO X condotta dal russo Alexander Mikhaylov, il quale taglia il traguardo all'ottavo posto.

In Classe ERC2, alle spalle del vincitore Aus si piazza a +16"52"1 l'estone Mait Maarend (Mitsubishi Lancer EVO X), mentre Siim Plangi è terzo, ripartito a bordo della sua Lancer per la seconda tappa dopo i problemi alla frizione che lo avevano estromesso dalla prima.

Parlando degli altri ritirati, invece, il primo ad arrendersi è stato uno sfortunatissimo Jaromír Tarabus, che non è ripartito sabato mattina per il danno causato dal sasso che aveva spaccato il radiatore della sua Fabia R5 nella Qualifying Stage.

I giovani giapponesi Takamoto Katsuta ed Hiroki Arai (protagonisti del programma Toyota in collaborazione con la Tommi Mäkinen Racing) si sono entrambi capottati al volante delle rispettive Fiesta R5 preparate dalla MM-Motorsport di Markko Märtin. Katsuta è finito fuori nella PS3, mentre Arai si trovava al sesto posto assoluto quando nella PS6 è stato costretto ad alzare bandiera bianca dopo uno spettacolare incidente.

Aron Domżała si trovava invece terzo (e nono assoluto) quando lo ha abbandonato l’intercooler della sua Mitsubishi nella PS7.

Fra i giovani dell'ERC Junior il debuttante Alex Forsström ha dovuto fermarsi per un problema di temperature alte riportate dal motore della sua 208 R2, mentre Dominik Brož è finito fuori strada nella prima tappa.

Grande amarezza per Nikolay Gryazin (Sports Racing Technologies), che ha perso la seconda piazza fra i giovani quando nella PS13 si è capottato, non riuscendo così a completare la prova e dovendosi ritirare per i troppi danni riportati dalla sua 208 R2. Il giovane lettone si era portato a casa anche le PS4 e 5.

ERC - ESTONIA: Classifiche finali

 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati ERC
Evento auto24 Rally Estonia
Sub-evento Domenica
Articolo di tipo Gara