Lukyanuk: "Nel 2016 ho dimostrato di essere forte in tutte le condizioni"

Dopo la vittoria ottenuta a Cipro, il russo fa un bilancio di questa annata che lo ha visto protagonista di alti e bassi. Ma per l'anno prossimo l'idea di lottare per il titolo è molto allettante.

Alexey Lukyanuk ha concluso degnamente la stagione 2016 del FIA European Rally Championship vincendo il CNP ASFALISTIKI Cyprus Rally e portandosi a casa anche un totale di 32.000€ di premio per essere stato il migliore nella “Love Cyprus Golden Stage”.

Il russo ha praticamente dominato fin da subito con la sua Ford Fiesta R5 gommata Pirelli, terminando primo in 11 PS su 13 e finendo con un vantaggio di 2’12″2. Per lui si tratta della seconda vittoria stagionale dopo quella del Rally Islas Canarias El Corte Inglés di inizio anno. Lukyanuk si conferma anche Vice Campione, precedendo in classifica piloti Ralfs Sirmacis.

Per la vittoria in gara il nativo di San Pietroburgo riceve 7.000€ da Eurosport Events (come accade ad ogni evento dell’ERC), i quali si aggiungono ai 25.000€ conquistati grazie al miglior tempo siglato nella “Love Cyprus Golden Stage”, dove era in palio un bottino di 60.000€ offerto da Cyprus Tourism Organisation. La cancellazione della PS13 per motivi di sicurezza ha fatto sì che i concorrenti avessero una sola prova da affrontare per spartirsi il premio.

E' stato un weekend perfetto per te: a Cipro hai conquistato punti e denaro in uno scenario bellissimo, sei contento?
"E' stato un weekend davvero perfetto, tutto è andato benissimo, il team ha preparato l'auto come si deve e noi siamo riusciti a tenerci lontano dai guai senza commettere grossi errori. Sono contentissimo".

Sei stato in testa fin da subito, venerdì sera hai guadagnato tantissimo in sole due PS...
"Adoro le PS notturne. Se hai una buona fanaliera, ascolti il tuo co-pilota e resti concentrato è facile andare forte, infatti tutto è andato benissimo per noi. Di solito sono sempre andato forte di notte e anche in questo caso ogni nota ha funzionato perfettamente".

Hai vinto la prima e l'ultima gara della stagione...
"E' stato un rally molto difficile per tutti, per questo sono contentissimo. Abbiamo commesso qualche errorino, ma alla fine la vettura è rimasta integra e sono felice per il mio team e i miei sponsor. Durante l'anno abbiamo avuto alcuni problemi e per questo ho sofferto molto, ma ora sono contento davvero".

C'è più gioia o rammarico per questa stagione?
"Abbiamo dimostrato di essere molto veloci in qualsiasi situazione. Alcuni problemi sono sorti anche per nostri errori, questa è una cosa che va tenuta presente per il futuro. Personalmente, però, non ho da rimproverarmi nulla perché per vincere a volte bisogna correre dei rischi".

Con la vittoria nella "Love Cyprus Golden Stage" ti porti a casa un bel premio in denaro, oltre a quello solito che viene dato al vincitore di ogni gara dell'ERC. Il problema del budget per te è sempre stato tale, pensi di poterlo risolvere?
"Non avevamo in programma di correre questa gara, ho dovuto convincere il mio sponsor a finanziare l'iscrizione promettendogli di restituirgli il denaro del premio. Al momento penso che la cosa più importante sia aver terminato l'anno al secondo posto, i soldi vanno gestiti a lungo termine".

Ti vedremo nell'ERC anche il prossimo anno?
"E' una bella domanda, al momento non lo so. Mi piacerebbe molto perché questo è un bel campionato e conosco la maggior parte dei rally ora. Spero che nel 2017 ci sia più lotta, quest'anno mi sono divertito e vorrei esserci ancora".

Nella conferenza stampa post-evento era presente anche il co-pilota Alexey Arnautov, al quale sono state rivolte un paio di domande.

Com'è stato fare da navigatore in una PS al buio?
"Forse è il ruolo peggiore che ti può capitare perché ci si mette molto di più a capire cosa sta accadendo e a verificare che le note dettate siano corrette. Non si può leggere e osservare quello che ti sta attorno tutto in una volta, devi essere bravo a dividere il lavoro. Nel momento in cui siamo finiti fuori abbiamo sudato freddo, ma per fortuna non si è rotto nulla e la nostra gara è proseguita".

Quest'anno hai saltato il Circuit of Ireland per infortunio e un paio di altre gare per impegni concomitanti, come è stato tornare a sedere di fianco ad Alexey?
"Bellissimo, davvero. So che è uno dei migliori rallisti al mondo e sono sempre a mio agio con lui perché sa quel che fa. E' tutto molto interessante e in sicurezza, cioè il massimo quando corri".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati ERC
Evento Cyprus Rally
Piloti Alexey Lukyanuk
Articolo di tipo Intervista