ERC: Scandola-Fappani al Rally Hungary per risalire la china

Prosegue sull’asfalto ungherese l'impegno europeo del duo griffato Hyundai Rally Team Italia, al via con la i20 R5 gommata Pirelli in una sfida che vede impegnate 18 Rally2 su un percorso veloce e tecnico su fondo insidioso.

ERC: Scandola-Fappani al Rally Hungary per risalire la china

Il Campionato Europeo Rally 2021 si avvicina alla parte conclusiva della stagione. In calendario prevede il 3° Rally Hungary dal 22 al 24 ottobre e poi a seguire, a metà novembre, sarà la volta del Rally Islas Canarias.

Hyundai Rally Team Italia conferma la presenza in Ungheria di Umberto Scandola e Danilo Fappani al volante della i20 R5 di S.A. Motorsport. Il settimo appuntamento della serie continentale si corre sulle veloci e insidiose prove speciali della provincia di Szabolcs-Szatmár-Bereg, 200 km a nord est di Budapest.

Anche in questa occasione si tratta di un rally completamente inedito per la squadra e per il duo Scandola-Fappani. Il principale obiettivo della vigilia è quello prendere velocemente le misure nella prima parte di gara, per poi attaccare con maggiore determinazione nella ripetizione delle prove e lottare nella parte alta della classifica, come già avvenuto negli ultimi appuntamenti dell’ERC.

Molto importante sarà il test effettuato il giorno precedente l’inizio della corsa, per trovare le migliori regolazioni di assetto e per prendere confidenza con un fondo molto insidioso caratterizzato da continui cambi di aderenza e dai tanti tagli che portano terra sulla strada.

“Affronteremo con attenzione e grande determinazione questa nuova sfida del Campionato Europeo - dice Scandola - Dopo un paio di rally su terra torniamo sull’asfalto, ma con una situazione di aderenza resa difficile dai tratti nel sottobosco e dai continui tagli che sporcheranno il fondo rendendolo scivoloso".

"Se poi dovesse piovere sarà ancora più complicato, ma siamo pronti con diverse soluzioni di assetto e di pneumatici Pirelli. Ho visionato i filmati delle prove per prepararmi alle ricognizioni e ho notato che ci sono molti punti dove si passerà in quarta e quinta marcia con una velocità media molto elevata".

"Dovremo essere molto precisi nella stesura delle note perché non sarà permessa la minima distrazione a discapito del cronometro. Quest’anno ho corso tanto con la mia i20 e ho potuto conoscere bene la vettura e i pneumatici, questo mi rende ottimista per un buon risultato finale dopo i primi km di adattamento alla gara”.

Tra gli undici rally disputati nel 2021 da Scandola, l’unico su asfalto è stato il Rally di Roma Capitale. La tappa europea corsa delle strade romane ha creato alcuni problemi che non hanno permesso al pilota di esprimere al meglio il potenziale della vettura. Le precedenti uscite su questo fondo, infatti, gli avevano permesso di conquistare una vittoria nel Campionato Italiano al Rally Due Valli nel 2020 e un secondo posto tra le R5 nazionali al Rally di Alba nel 2019.

Decisamente più rodato il feeling sul fondo sterrato dove, grazie a tre vittorie, il pilota veronese è al comando del Campionato Italiano Rally Terra quando manca un solo appuntamento dal termine.

Al Rally Hungary sarà presente anche una seconda Hyundai i20 R5 con il campione del mondo WRC3 in carica Jari Huttunen e Mikko Lukka che ha preso il posto di Dani Sordo e Candido Carrera.

condivisioni
commenti
Prestazione incoraggiante di Scandola-Fappani a Fafe
Articolo precedente

Prestazione incoraggiante di Scandola-Fappani a Fafe

Prossimo Articolo

ERC | Gryazin chiude al comando la Tappa 1 del Rally Hungary

ERC | Gryazin chiude al comando la Tappa 1 del Rally Hungary
Carica commenti