Lukyanuk: "Il TItolo? Stiamo calmi e vediamo..."

Il russo correrà a Cipro, ma allontana le voci che lo vogliono come candidato alla vittoria, anche se...

Alexey Lukyanuk ha totalizzato 62 punti solo nelle ultime due gare dell'ERC, vincendo il Rally auto24 di Estonia e concludendo quarto sulle strade del Barum Rally di Zlín. Ecco le parole del russo prima del Rally di Cipro.

Non hai mai corso il Rally di Cipro, eppure sarai uno dei favoriti! Come ti sei preparato per l'evento?
"Sarà un'altra grande sfida per noi che siamo abituati a correre nelle condizioni del Baltico! Ci manca l'esperienza e ne abbiamo sofferto, ma abbiamo imparato anche molto e velocemente. Come preparazione ci siamo messi già alla prova in Repubblica Ceca, dove faceva un bel caldo; certamente a Cipro sarà anche peggio. Ho visto diversi video delle edizioni precedenti, fra WRC ed ERC, mi sono fatto un'idea di ciò che ci aspetta. Stiamo sviluppando e migliorando il nostro sistema di compilare il radar guardando i video on-board, ci aiuterà nel concentrarci meglio. Infine, ogni giorno sto girando in bici e mi sono comprato anche un nuovo set di abbigliamento termico da mettere sotto la tuta per mantenermi refrigerato."

In Estonia hai vinto con la Mitsubishi. Sei stato tentato di correre a Cipro con la Lancer Evolution X al posto della Ford Fiesta R5?
"L'Estonia è stata un'altra gara, adatta alle vetture N4; si potevano raggiungere velocità di punta elevatissime, noi abbiamo toccato i 180km/h, anche perché le tratte spesso erano da fare in pieno, con pochissime frenate secche e i curvoni erano veloci. A Cipro le strade sono più tecniche, hai curve più lente dove la vettura deve essere reattiva e con maggiore grip in percorrenza, ecco perché ho scelto la R5, è più adatta come lo sono anche S2000, RRC e WRC. Sinceramente mi sarebbe piaciuto avere la Fiesta R5 anche in Estonia, ma per motivi di budget abbiamo virato sulla Mitsubishi. Adoro quell'auto, ho vinto tanto con lei, ma ora ho un nuovo amore ed è la Ford!"

Punti a vincere?
"Dobbiamo essere realisti perché nei rally non è solo il pilota a fare la differenza in questo aspetto. Stiamo ancora imparando, dobbiamo partire con calma e adattarci alla situazione. Certamente lo sterrato è favorevole a me, ma è diverso di gara in gara. Inizieremo prudentemente cercando di aumentare il ritmo, proprio come abbiamo fatto al Barum Rally. Se arriveremo in Top3 saremo contenti."

Chi temi di più fra i tuoi rivali?
"Credo che la lotta sarà tra Kajetan Kajetanowicz, Robert Consani, Bruno Magalhaes e me, spero di non avere problemi e fare una gara pulita. Tutti loro sono già stati a Cipro, "Kajto" ha sfiorato il successo nel 2014 e certamente avere esperienza ti dà un bel vantaggio. Non vediamo l'ora di metterci alla prova."

Nelle ultime due gare ERC hai totalizzato 62 punti, quindi più di chiunque altro; matematicamente potresti ancora vincere il Titolo, ci pensi?
"Penso che dobbiamo stare calmi e vedere come andranno le cose. Al momento non abbiamo la possibilità di fare dei test e non siamo nemmeno sicurissimi di poter correre le ultime due gare. Vincere nell'ERC alla stagione di debutto è un miraggio, obiettivamente. Ci servono ulteriori test, allenamenti e quant'altro, ma se ci sarà una possibilità da sfruttare, non preoccupatevi perché saremo lì."

Quanto è stato importante il supporto di Russian Performance Motorsport, H-Racing e Pirelli?
"Tantissimo, non ve lo potete immaginare. Ognuno di loro ha fatto tanto per noi. La RPM ci ha fornito il budget per il noelggio dell'auto, la H-Racing ce l'ha trovata al miglior prezzo con tutto l'occorrente, mentre Pirelli ci darà delle grandi gomme. Tutto ciò ha reso possibile la nostra presenza nell'ERC, quindi diciamo un bel grazie!"

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati ERC
Evento Rally di Cipro
Piloti Alexey Lukyanuk
Articolo di tipo Intervista