Le PS dell'Acropoli commentate dai piloti (parte 2)

Le PS dell'Acropoli commentate dai piloti (parte 2)

Gli equipaggi hanno terminato le ricognizioni in Grecia con le tratte "Kineta-Loutraki", "Athikia" e "Kineta".

I concorrenti dell’ERC hanno terminato le ricognizioni del Rally dell’Acropoli; ecco le loro impressioni sulle Speciali che affronteranno nel weekend.

Molti di loro hanno apprezzato la parte in terra rossa battuta, che in caso di pioggia sarà molto scivolosa. E' piaciuta anche la "SEAJETS Athikia" (17,93Km), una tratta veloce mista fra 29,1% di terra e 70,9% di asfalto.

Sabato ci saranno Qualifiche, cerimonia d'apertura presso l'Acropoli di Atene, e le prime due PS.

Questo è quanto i piloti dell'ERC pensano sulle PS "SEAJETS Kineta-Loutraki", "SEAJETS Athikia", "EKO RACING Kineta", e la Speciale di Qualifica.

Craig Breen: "Oggi le Speciali erano a posto, forse un po' fangose. La più lunga ovviamente è anche la più difficile, mentre la "Athikia" è molto veloce, forse anche troppo; le parti su terra e asfalto sono in ottime condizioni."

Kajetan Kajetanowicz: "La "Athikia" è molto veloce, ci sono tante rocce fuori traiettoria. Alcune parti me le ricordavo perché le avevamo fatte nel 2014, ma in direzione opposta."

Alexey Lukyanuk: "E' difficile parlare di queste Speciali perché alcune sono da fare a tutta velocità, mentre altre sono più ostiche. In certi punti non c'è tempo per pensare, qui conterà l'esperienza, ma si potrà anche imparare tanto."

Robert Consani: "Sono PS difficili. La più lunga ha parti strette molto scivolose, bisognerà stare molto attenti. La "Athikia" è bella, forse sarebbe meglio farla con assetto da asfalto."

Bruno Magalhães: "Oggi è andata meglio di ieri. La Prova più lunga è piuttosto ostica. Nella parte centrale c'era tanto fango, circa per 2Km, credo che sarà così anche in gara. La "Athikia" è troppo veloce in diversi punti, sia su terra che su asfalto. In generale penso che il fondo delle strade sia peggiore rispetto all'anno scorso. La priorità sarà arrivare alla fine senza danni."

Jaromír Tarabus: "La più lunga è quella più difficile, specialmente perché a metà c'è tanto fango. In parte la strada è malmessa, ma spero che per la gara venga rimessa a posto. La "Athikia" è molto bella, con parti veloci su terra e asfalto."

Charles Martin: "Le Speciali sono molto belle, nonostante si vada forte il grip è ottimo. Spero che non piova troppo, la parte in terra rossa è molto scivolosa. Anche la "Athikia" lo è parecchio, soprattutto dove è in salita."

Antonín Tlusťák: "Tutto ok, sono PS belle e tipiche del Rally dell'Acropoli."

Raul Jeets: "La "Athikia" è piuttosto strana, ha una parte molto lunga su asfalto. In generale sembrano tutte molto veloci, forse anche troppo in alcuni punti."

Lambros Athanassoulas: "Le PS sono in buone condizioni. La "Kineta" rischia di essere molto fangosa se dovesse piovere, ma sappiamo dove sono i punti più difficili. In caso sia bel tempo tutto sarà asciutto."

Dominykas Butvilas: "La "Athikia" è molto bella, veloce e messa bene. La più lunga è interessante, penso che qui i piloti faranno la differenza perché si rischia di perdere tempo."

Lambros Kyrkos: "La "Athikia" è bella e richiederà una scelta di gomme giusta. La più lunga mi piace, anche se c'era parecchio fango. Speriamo che non piova fino a domani pomeriggio."

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati ERC
Evento Rally dell'Acropoli
Piloti Craig Breen , Alexey Lukyanuk , Kajetan Kajetanowicz
Articolo di tipo Ultime notizie