Ekaterina Stratieva vince il Ladies’ Trophy ERC 2014

La bulgara è matematicamente prima della Classe, quando mancano solo due gare al termine della stagione.

Ekaterina Stratieva vince il Ladies’ Trophy ERC 2014

Ekaterina Stratieva si aggiudica il Ladies’ Trophy del Campionato Europeo Rally FIA 2014.

La ragazza è matematicamente prima in classifica. Tenendo conto dei migliori quattro risultati in stagione, e del fatto che la diretta rivale Inessa Tushkanova non ha corso a Cipro, quando mancano due gare alla fine dell'annata gli 11 punti conquistati dalla bulgara sono sufficienti a garantirle il primo posto in graduatoria.

"Dopo 10 anni nel motorsport è fantastico vincere questo Titolo - ha detto la 31enne ex studentessa d'arte - Debbo ringraziare tante persone importanti, senza le quali questo non sarebbe stato possibile. Prima di tutto i miei genitori, sempre grandissimi nei miei confronti. Poi Marco Tempestini: mi ha aiutato tantissimo e mi ha presentato Carmen Poenaru, la mia attuale co-pilota. Inoltre i ragazzi del suo team, la Napoca Rally Academy, che hanno fatto tantissimo per me. Un grazie anche al Ministero dello Sport della Bulgaria e a tutti i miei partner. E ultima, ma non ultima, Carmen: è sempre stata con me in auto, quindi questo Ladies’ Trophy è anche suo."

La Stratieva ha partecipato a sette eventi ERC in questa stagione, al volante di una Citroën C2 R2 e di una Subaru Impreza. "Non è stata un'annata facile! Ho fatto molti errori con la Subaru e in altre situazioni, ma la vittoria al Rally Barum di Zlín ci ha permesso di prendere tutti i punti in palio. In Svizzera sarò pronta per combattere contro Inessa per la prima posizione. Dopo questo successo spero di poter trovare il denaro per fare altri rally e partecipare all'ERC l'anno prossimo, assieme ai miei amici e tifosi."

condivisioni
commenti
Al-Kuwari: "Abbiamo gestito bene la gara"
Articolo precedente

Al-Kuwari: "Abbiamo gestito bene la gara"

Prossimo Articolo

Bessenyey, dal paradiso all'inferno...e ritorno!

Bessenyey, dal paradiso all'inferno...e ritorno!
Carica commenti