Azzorre, PS11: Habaj vola sotto la pioggia ed è secondo dietro a Lukyanuk che gestisce

condivisioni
commenti
Azzorre, PS11: Habaj vola sotto la pioggia ed è secondo dietro a Lukyanuk che gestisce
Di:
23 mar 2019, 11:51

Il polacco ottiene un tempone in condizioni avverse, mentre il russo controllo agevolemente. Moura scivola terzo con Loubet in agguato, Ingram rischia, Griebel fora e Tsouloftas si gira due volte. Rego sta poco bene e si ritira. Llarena stacca tutti in ERC3 Junior.

Era da dire che qualcosa sarebbe arrivato a rimescolare le carte, difatti questa mattina alle Azzorre piove e c'è nebbia, con i piloti del FIA European Rally Championship alle prese con condizioni piuttosto impegnative che hanno accolto tutti tra il fango dei 24,03km della PS11 "Graminhais 1".

Questo primo percorso odierno se l'è aggiudicato Łukasz Habaj al volante della ŠKODA Fabia R5 preparata dalla Sports Racing Technologies; già questa è una notizia dopo il dominio praticamente assoluto di Alexey Lukyanuk ieri. E proprio il pilota della Saintéloc Racing ha preferito gestire la situazione e capirne di più sulle gomme da pioggia che ha montato sulla sua nuova Citroën C3 R5.

Il russo ha chiuso alle spalle di Habaj al traguardo perdendo 7", ma ne ha ancora 39"1 sul polacco, che nel frattempo ha scavalcato la ŠKODA Fabia R5 di Ricardo Moura per 4"4. A sua volta, il portoghese deve guardarsi le spalle perché sta arrivando pian piano Pierre-Louis Loubet, quarto assoluto e sempre in vetta alla Classe ERC1 Junior con la ŠKODA Fabia R5 del Team OSCARO/2C Compétition.

Il transalpino non è tranquillissimo, avendo riscontrato un problema con la pressione dell'acqua, ma vanta ancora 25"7 su Chris Ingram, che con la ŠKODA Fabia R5 della Toksport WRT lo insegue per il primo posto dell'ERC1 Junior e il quarto assoluto; l'inglese ha rischiato grossissimo colpendo un sasso, ma l'ha scampata dal ritrovarsi con forature, cosa che invece non è riuscito a fare il povero Marijan Griebel, giunto ancora al traguardo con una gomma a terra.

Il tedesco della Baumschlager Rallye & Racing sta avendo un debutto travagliatissimo al volante della Volkswagen Polo GTI R5 e anche mantenendo il sesto posto si vede comunque allontanato da chi lo precede.

Fra l'altro dietro di lui sta rinvenendo Bruno Magalhães con la Hyundai i20 R5 del Team Hyundai Portugal, ora a 32"5 e settimo assoluto dopo che Luís Rego (ŠKODA Fabia R5) questa mattina ha alzato bandiera bianca a causa di una fastidiosa influenza che lo ha relegato a letto.

Ricardo Teodósio si ritrova con l'incombenza di aprire la pista al volante della sua ŠKODA Fabia R5, ma ottiene comunque l'ottava posizione, dato che Alexandros Tsouloftas si è girato due volte lungo il percorso, pur restando terzo in Classe ERC1 Junior. Dietro alla ŠKODA Fabia R5 del cipriota griffato Toksport WRT agguanta la zona punti Bernardo Sousa sulla Citroën C3 R5 della Raly/Autoaçoreana Racing.

In Classe ERC3 Junior colpo grosso di Efrén Llarena: il pilota del Rally Team Spain ha vinto con la sua Peugeot 208 R2 la prova rifilando oltre 18" a quella di Sindre Furuseth (Saintéloc Junior Team), che ora insegue lo spagnolo a 35"5 di distacco. Scende terzo per soli 0"4 Pedro Antunes (FPAK Portugal Team ERC), anche lui su Peugeot 208 R2, dunque pare che oggi la battaglia più importante sia fra questi due, con dietro la Opel Adam R2 ufficiale di Elias Lundberg in agguato a 19"7 dal podio.

ERC - Azores Rallye: PS11

Prossimo Articolo
Azzorre, PS9-10: Alexey Lukyanuk chiude la Prima Tappa con un solido vantaggio

Articolo precedente

Azzorre, PS9-10: Alexey Lukyanuk chiude la Prima Tappa con un solido vantaggio

Prossimo Articolo

Azzorre, PS12: nella nebbia spunta Teodósio, ok Lukyanuk, fuori Loubet

Azzorre, PS12: nella nebbia spunta Teodósio, ok Lukyanuk, fuori Loubet
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie