Ecco i protagonisti dell'Acropoli

Da venerdì a domenica in Grecia si svolgerà una delle gare più belle e famose del mondo: il Rally dell'Acropoli.

Il SEAJETS Acropolis Rally è uno degli eventi più famosi del mondo e da venerdì si svolgerà come terzo round della stagione 2016 del FIA European Rally Championship.

Dopo aver corso sulle strade asfaltate di Gran Canaria e dell’Irlanda del Nord, questa volta si andrà sugli sterrati della Grecia Centrale, più precisamente attorno alla città di Lamia, che ospitò la gara nel 2005. In questo paese lo scorso anno Kajetan Kajetanowicz festeggiò la conquista del titolo ERC.

La sfida
La prima edizione dell’Acropolis Rally risale al 1951 ed è conosciuto come una delle gare più dure del mondo vista la difficoltà dei percorsi sterrati. Attorno agli anni ’60 entrò a far parte del calendario ERC, con Paddy Hopkirk e Roger Clark che furono gli ultimi vincitori, prima che l’evento tornasse nella lista dell’Europeo nel 2014. L’albo d’oro dei successi vede anche i nomi di Walter Röhrl, Ari Vatanen, Juha Kankkunen, Carlos Sainz, Colin McRae e Sébastien Loeb.

Dopo aver corso a Loutraki, come detto si ritorna a Lamia, dove quest’anno le PS saranno 12 per un totale di 231,52km di gara. Si inizia con la Qualifying Stage di venerdì 6 maggio, per poi aprire le danze con i 25,7km della “SEAJETS New Gravia”, una delle tre tratte (da ripetere due volte) in programma sabato. Domenica ci sarà un altro loop di tre prove, con la “Elatia/Karya” (33,86km) che vedrà i piloti impegnati nel percorso più lungo del rally.

I favoriti
Lambros Athanassoulas (Lascaris Foundation Team Greece, ŠKODA Fabia R5): Athanassoulas terminò terzo lo scorso anno per la gioia dei fan locali, dunque anche nel 2016 spera di poter far contenti i suoi tifosi.

Kajetan Kajetanowicz (LOTOS Rally Team, Ford Fiesta R5): Il polacco è in testa al campionato e vuole difendere il suo titolo, ma non vince proprio dell’Acropoli 2015. In Grecia troverà una sfida inedita con strade tutte nuove.

Alexey Lukyanuk (Ford Fiesta R5): Dopo aver vinto il Rally Islas Canarias, il russo ha saltato il Circuit of Ireland a causa di un incidente avvenuto durante un test. In Grecia troverà il suo fondo preferito, la terra.

Jaromír Tarabus (T&T Czech National Team, ŠKODA Fabia R5): Il ceco ha debuttato nell’ERC 2016 in Irlanda del Nord, dove si trovava in Top5 prima di ritirarsi nell’ultima PS. Lo scorso anno concluse l’Acropoli quarto.

Gli sfidanti
Dávid Botka terminò l’Acropolis Rally quinto assoluto nel 2015, festeggiando il titolo in Classe ERC2; oggi sarà impegnato con la Citroën DS3 R5 preparata dalla sua squadra. Alle sue spalle concluse Raul Jeets, che in Grecia guiderà la ŠKODA Fabia R5 preparata dalla Sports Racing Technologies; la squadra lettone affiderà la stessa vettura anche al 21enne Ralfs Sirmacis, secondo in ERC Junior l’anno scorso. Jarosław Kołtun (C-Rally) spera di concludere ancora in Top10 con la sua Ford Fiesta R5, mentre il suo compagno di squadra Tomasz Kasperczyk torna in azione con la vettura marchiata Tiger Energy Drink Rally Team dopo il 10° posto centrato a Gran Canaria. Antonín Tlusťák (Tlusťák Racing, Fabia R5) nel 2015 tagliò il traguardo ottavo, dunque le motivazioni non gli mancheranno. Federico Della Casa debutta al volante di una Peugeot 208 T16 con la voglia di riscattarsi dopo i ritiri patiti a Gran Canaria (problema meccanico) e Irlanda (incidente).

Il premio
I piloti privati dell’ERC avranno a disposizione 200.000€. Ad ogni rally verranno assegnati 20.000€, suddivisi fra i primi sette della classifica finale. Tutti i partecipanti, che potranno essere anche delle Classe ERC2 ed ERC3, dovranno inoltre montare gomme di uno dei fornitori ufficiali della serie (Michelin e Pirelli). Nel 2015 sono stati 38 i piloti ad essere riusciti ad aggiudicarsi il premio.

Lotta di Classe
L’ERC sarà diviso in tre categorie: ERC1 per le vetture R5 e S2000, ERC2 per i modelli produzione ed ERC3 per quelle a due ruote motrici. L’ERC Junior Championship tornerà alle Azzorre, con i concorrenti che potranno rientrare anche nell’assegnazione punti dell’ERC3. Per partecipare bisogna essere nati dopo l’1 gennaio 1989 e utilizzare vetture R2 gommate Pirelli.

Chuchała a caccia della tripletta in ERC2
Wojciech Chuchała (Subaru Poland Rally Team) ha dominato i primi due eventi della stagione con la sua Impreza STI, ma anche all’Acropolis Rally troverà una concorrenza agguerrita fatta di ben cinque Mitsubishi. Il polacco non ha mai corso in Grecia, cosa che invece ha già fatto Tibor Érdi Jr, che nel 2014 sfiorò la vittoria in categoria produzione prima di ritirarsi nel finale. Anche Juan Carlos Alonso, visto alle Canarie, ha partecipato all’evento nel 2013, con l’argentino che ama gli sterrati. Giacomo Scattolon e Péter Ranga (Topp-Cars Rally Team) sono invece dei debuttanti su queste strade; i due sono stati protagonisti a Gran Canaria, dove l’ungherese ha beffato il lombardo nella lotta per il secondo posto in Classe. Prima gara nell’ERC per Jose Luis Jacquet Rios, il quale non ha mai corso fuori dal Paraguay.

ERC3, occhio a Pieniążek
Dopo aver vinto la prima gara dell’ERC Junior in Irlanda, Łukasz Pieniążek sarà al via anche dell’Acropolis Rally per proseguire l’allenamento con la sua Opel Adam R2. Fra i favoriti della categoria avremo sicuramente la Renault Clio R3T guidata da Zoltán Bessenyey (Eurosol Racing Team Hungary), secondo nel 2014 e voglioso del tris di titoli. Murat Bostanci (Castrol Ford Team Turkiye, Fiesta R2T) ha già corso in Grecia tre anni or sono, con il turco che è un esperto degli sterrati. Il rumeno Alex Filip, secondo dietro a Bessenyey nel 2014, debutterà con la sua nuova Clio.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati ERC
Evento SEAJETS Acropolis Rally
Sub-evento Presentazione
Articolo di tipo Preview