Formula 1
G
Robert Kubica vs Bartosz Marszałek
09 ago
Evento concluso
MotoGP
G
GP d'Austria
14 ago
WRC
04 set
Prossimo evento tra
23 giorni
18 set
Prossimo evento tra
37 giorni
WSBK
07 ago
Evento concluso
21 ago
Postponed
Formula E
G
ePrix di Berlino V
12 ago
Prossimo evento tra
11 Ore
:
11 Minuti
:
20 Secondi
WEC
13 ago
Prossimo evento tra
1 giorno
GT World Challenge Europe Sprint
11 set
Prossimo evento tra
30 giorni
GT World Challenge Europe Endurance
04 set
Prossimo evento tra
23 giorni

Azzorre, PS11-12: Lukyanuk resiste nel festival di forature, rotture ed errori

condivisioni
commenti
Azzorre, PS11-12: Lukyanuk resiste nel festival di forature, rotture ed errori
Di:
24 mar 2018, 15:13

Un testacoda non ferma il russo, anche perché sbaglia pure Moura e Magalhães rompe il differenziale posteriore. Ingram fora, Koči gl isi avvicina, Alonso supera Remennik in ERC2, turbo K.O. per Melegari, ok Gago in U27.

Succede di tutto all'Azores Airlines Rallye, anche che il leader possa sbagliare e vincere lo stesso una Prova Speciale. In questo primo round del FIA European Rally Championship non si può dare nulla per scontato e Alexey Lukyanuk lo sta scoprendo. Come tutti.

Al volante della sua Ford Fiesta R5, il pilota della Russian Performance Motorsport è riuscito a risultare il più rapido lungo i 21,99km della PS11 "Tronqueira", nonostante un testacoda per un errore commesso in curva a causa di un problema ai freni.

Detta così può sembrare strana o impossibile come cosa, se non fosse che lo stesso sbaglio lo ha commesso nella medesima prova anche il suo accerrimo rivale, Ricardo Moura, giratosi con la ŠKODA Fabia R5 della ARC Sport. E meglio non è andata al compagno di squadra di quest'ultimo, Bruno Magalhães, che ha rotto il differenziale posteriore e sta stringendo i denti.

Il trio ha resistito ai rispettivi guai anche nella Super Speciale 12 "Grupo Marques" (3,95km) e ora la graduatoria dice che Lukyanuk vanta 37"8 su Moura e 31"1 su Magalhães quando mancano solo tre prove alla bandiera a scacchi.

Interessante anche quanto sta accadendo alle loro spalle, dove abbiamo il terzetto di piloti che occupano il podio della Classe ERC Junior U28. La ŠKODA Fabia R5 di Chris Ingram è giunta all'arrivo della PS11 con la posteriore sinistra a terra e l'episodio ha consentito a quelle di Martin Koči (ŠKODA Slovakia Motorsport) e Fredrik Åhlin di portarsi rispettivamente a 2"6 e 47"4 dal britannico della Toksport WRT.

Bernardo Sousa (Raly/Autoaçoreana Racing) ha invece dovuto alzare bandiera bianca per i troppi danni riportati dal motore della sua Citroën DS3 R5 dopo l'incidente della PS10. Sale quindi al settimo posto assoluto, molto distante dal trio sopracitato, un ritrovato Łukasz Habaj (Ford Fiesta R5 - Rallytechnology), secondo nella Super Speciale 12 battuto per un soffio da Hubert Ptaszek (Fabia R5).

Il polacco è in piena lotta con la ŠKODA Fabia R5 di Norbert Herczig (MOL Racing Team), la Ford Fiesta R5 di un Luis Rego in forma splendida e con la ŠKODA Fabia R5 di Dávid Botka (Sysinfo Rallye Team) per le restanti posizioni della Top10. Il quartetto è racchiuso in appena 13" e nulla è definito.

Anche perché Rhys Yates (ŠKODA Fabia R5) per il momento è scivolato indietro, ma il britannico ha dovuto alzare il piede forzatamente nella PS11 per via dell'incidente occorso a Frank Tore Larsen, che essendosi piantato in mezzo alla strada con la sua Fiesta dopo aver sbattuto ha costretto i giudici a sospendere momentaneamente la prova. Yates è in attesa di ricevere un tempo d'ufficio dai giudici e quindi dovrebbe rientrare in zona punti.

 

Nella PS11 foratura anche per Tamara Molinaro alla posteriore destra della sua Ford Fiesta R5, ma la comasca mantiene ugualmente la vetta dell'ERC Ladies' Trophy, dove Catie Munnings (Peugeot 208 R2 - Saintéloc Junior Team) è troppo lontana per impensierirla.

 

Diogo Gago resta primo in Classe ERC Junior Under 27 / ERC3, con il portoghese della Peugeot 208 R2 sempre davanti alla Opel Adam R2 ufficiale di Mārtiņš Sesks per 9"3. Simon Wagner completa il podio della categoria con la 208 R2 del Saintéloc Junior Team.

I colpi di scena non sono mancati nemmeno in Classe ERC2. L'inarrestabile Juan Carlos Alonso (Mitsubishi Lancer Evo X) ha completato rimonta e sorpasso ai danni di Sergei Remennik (Mitsubishi Lancer Evo X), sfruttando l'errore commesso dal pilota della Russian Performance Motorsport nella PS11 che gli è costato la leadership. Nessun problema per Luís Pimentel (Mitsubishi), terzo a distanza siderale dai primi due, mentre il turbo ha tradito ancora Zelindo Melegari (Subaru Impreza STI), finito mestamente in fondo alla graduatoria.

 

 

ERC - Azzorre: PS11

ERC - Azzorre: PS12

Azzorre, PS10: Lukyanuk suona la sveglia al via della Tappa 2

Articolo precedente

Azzorre, PS10: Lukyanuk suona la sveglia al via della Tappa 2

Prossimo Articolo

Azzorre, PS13-14: Lukyanuk ad un passo dal successo, gran duello Ingram-Koči

Azzorre, PS13-14: Lukyanuk ad un passo dal successo, gran duello Ingram-Koči
Carica commenti