Ivan Cervantes trionfa ancora all'Xtreme di Lumezzane

condivisioni
commenti
Ivan Cervantes trionfa ancora all'Xtreme di Lumezzane
Elisabetta Caracciolo
Di: Elisabetta Caracciolo
05 ago 2014, 15:45

Impressionante la folla di oltre 10mila spettatori che ha assiepato le colline del Passo del Cavallo

Lumezzane ha vissuto quest'anno, domenica sera 3 agosto, l'ottava edizione della Xtreme. Mai così tanto pubblico aveva gremito il dente del diavolo, forse perchè è agosto, forse perchè la due giorni di Mondiale di Enduro aveva richiamato tante persone a seguire l'evento, fattosta che oltre 10 mila persone si sono assiepate fin dal pomeriggio sul 'catino' in terra e sassi allestito per l'occasione al Passo del Cavallo.

Il Moto Club Lumezzane, insieme a tanti altri Moto Club che sono venuti a dare una mano, ma soprattutto Alessandro Botturi e Alberto Dall'Era, hanno tracciato quest'anno un percorso da sogno. Una bella speciale, in mezzo al bosco che terminava con un bagno di folla, e una serie di salite e discese mozzafiato fino al dente del diavolo, ultimo ostacolo impossibile di una gara folle e per questo unica nel suo genere.

La gente ha cominciato a invadere pacificamente la zona già dalle tre di pomeriggio, mentre altri avevano dormito addirittura lì negli ultimi due giorni con tende e sacchi a pelo. Poi alle 18 la chiusura della strada e la lunga passeggiata di 3 chilometri, con servizio di navette annesse, per raggiungere il Passo del Cavallo.

Ed alle 20 il via alla prima moto, con 4 coraggiosi ragazzini con i Cinquantini, osannati ed acclamati dal pubblico come veri eroi: Ramon Bregoli 'Er Tigre', Lorenzo Macoritto venuto apposta da San Daniele del Friuli, Gianluca Caroli, premiato come più giovane al traguardo con i suoi 16 anni, e Fabio Gobbi. Per tutti loro si trattava della prima esperienza all'Xtreme di Lumezzane e sono stati all'altezza dell'impegno, tirati su dalle numerose Compagnie della spinta in più di qualche punto del percorso.

La vittoria di questa ottava edizione è andata ad Ivan Cervantes che ha scritto il suo nome per la terza volta nel palmares della competizione, battendo Antoine Meo che l'aveva vinta due volte, nelle ultime due edizioni.
La classifica si costruisce manche dopo manche – sono tre in tutto – e Cervantes (Ktm) apre benissimo il primo giro perchè ottiene un 3'21”05 contro il 3'23”22 di Thomas Oldrati (Husqvarna) e il 3'34”30 di Deny Philippaerts (Beta).

Nel secondo passaggio lo spagnolo si ripete e di nuovo con un tempo da paura: 3'23”83 sempre davanti ad Oldrati (3'27”11) e Philippaerts (3'27”11). Salvini manda in visibilio il pubblico così come Rudy Moroni con i suoi salti lunghissimi, ed il bolognese riesce a strappare il miglior tempo solo nell'ultimo passaggio battendo tutti i record 2014 con un incredibile 3'13”80.

Si migliora anche Oldrati che riesce a stappare un 3'20”99 ma Cervantes con il suo 3'22”19 è campione indiscusso dell'Xtreme e Oldrati per la terza volta, è secondo. Deny Philippaerts per la prima volta sale sul podio in terza posizione e al quarto posto c'è un grande Oscar Balletti, che al pomeriggio aveva vinto la sua prima di Mondiale 2014 in E3, e quinto il giovanissimo Davide Soreca su Yamaha anche lui sul podio, sabato della Youth.

La classifica è importante all'Xtreme, certo, ma quasi non interessa al pubblico che vuole solo starsene a guardare i suoi eroi. Perchè i piloti che affrontano l'Xtreme sono davvero eroi. Dei 41 partiti 14 non avevano corso al mondiale ma erano saliti a Lumezzane solo per disputare questa prova che si corre ogni due anni e fra loro anche un austriaco, Helmut Maier venuto apposta per questa sfida.

Prossimo articolo Enduro

Su questo articolo

Serie Enduro
Autore Elisabetta Caracciolo
Tipo di articolo Ultime notizie