Nino Vaccarella si è spento ad 88 anni: addio Preside Volante

Il pilota siciliano, grande protagonista della Targa Florio e nell'endurance, è morto a Palermo questa mattina.

Nino Vaccarella si è spento ad 88 anni: addio Preside Volante

Il mondo dei motori piange la scomparsa di Nino Vaccarella.

Nato a Palermo il 4 marzo del 1933, il "Preside Volante" come era soprannominato per il ruolo ricoperto nella scuola privata di famiglia, si è spento questa mattina all'Ospedale Civico della sua città.

L'88enne era uno dei miti del motorsport tricolore e soprattutto siciliano, 3 volte vincitore della leggendaria Targa Florio e protagonista in Formula 1 e alla 24 Ore di Le Mans.

A metà anni '50, Vaccarella comincia le prime scorribande con le vetture da corsa, ma è all'alba del decennio successivo che arrivano le partecipazioni alle più importanti competizioni automobilistiche.

Sul Circuit de la Sarthe trionfa nel 1964 al volante della Ferrari 275 P in coppia con il francese Jean Guichet, con il quale centra un podio di Classe 5 anni dopo su Matra.

La Formula 1 gli ha riservato solamente qualche apparizione fra il 1961 e il 1965 con marchi del calibro di De Tomaso, Lotus, Porsche e Ferrari, senza però mai ottenere alcun punto.

Le soddisfazioni maggiori sono infatti giunte nelle gare endurance, come Sebring e Nürburgring: nella 1000km dell'Inferno Verde rischiò anche la vita, vittima di un bruttissimo incidente dal quale uscì per miracolo solo con qualche frattura.

"Ninni" regalò gioie ed emozioni però nella sua terra natia, mettendo la firma sulle edizioni 1965, 1971 e 1975 della Targa Florio, rispettivamente in equipaggio con Lorenzo Bandini, Toine Hezemans ed Arturo Merzario, guidando Ferrari ed Alfa Romeo, aggiungendo un paio di podi.

A lui verrà intitolata l'edizione 2021 della Targa Florio Classica, come ha annunciato il Presidente dell'Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani.

“Un gesto minimo e solamente un primo modo di ricordare questo grande uomo, campione assoluto ma anche persona dallo stile inconfondibile e dalla intelligenza unica - dice Sticchi Damiani - La sua passione e la competenza sono sempre state al servizio dello sport, esemplare il suo entusiasmo, quanto le sue luminose vittorie e tutte le imprese che lo hanno visto protagonista”.

A tutta la famiglia ed amici di Nino Vaccarella vanno le condoglianze della Redazione di Motorsport.com.

condivisioni
commenti
Il nuovo capo di Porsche Motorsport è Thomas Laudenbach
Articolo precedente

Il nuovo capo di Porsche Motorsport è Thomas Laudenbach

Prossimo Articolo

La Bahrain ProAm 1000 spostata al 29 gennaio 2022

La Bahrain ProAm 1000 spostata al 29 gennaio 2022
Carica commenti