12 Ore del Golfo: trionfo Audi. Rossi 3° e vince in Pro-Am!

Valentino, Marini e "Uccio" vincono la classifica Pro-Am, mentre le Audi del team Attempto Racing fanno 1-2 dopo aver dominato la gara. Bravo anche Capirossi: 7° assoluto.

12 Ore del Golfo: trionfo Audi. Rossi 3° e vince in Pro-Am!
Carica lettore audio

La 12 Ore del Golfo 2019, disputata sul tracciato di Yas Marina di Abu Dhabi, è il palcoscenico per Audi, che festeggia una strepitosa doppietta grazie alle R8 numero 66 e 55 del team Attempto Racing che hanno letteralmente dominato la gara che, ricordiamo, è stata divisa in due parti.

A tagliare per prima il traguardo è stata la numero 66, quella affidata a Mies, Vanthoor e Salikhov, che battuto la gemella numero 55 del nostro Mattia Drudi, Foster e Sultanov facendo inoltre segnare il nuovo record di distanza avendo percorso 316 giri, uno in più del record precedente firmato nell'edizione scorsa. Nelle prime battute della seconda parte di gara le due R8 GT3 si erano scambiate le posizioni per un'irregolarità a un pit stop della numero 66, ma poi questa si è ripresa la vetta andando a vincere la classifica assoluta e quella dedicata alle vetture Pro.

I riflettori, però, erano tutti puntati sulla presenza di Valentino Rossi, in gara assieme al fratello Luca Marini e all'amico di sempre Alessio "Uccio" Salucci al volante di una Ferrari 488 GT3 preparata dal team svizzero Kessel Racing.

L'equipaggio tutto italiano, capeggiato dal 9 volte iridato del Motomondiale, è stato autore di una gara strepitosa che lo ha portato al terzo posto assoluto della classifica e a vincere la classifica dedicata alle vetture Pro-Am. Davvero notevole la prova di Rossi, che ha dato prova di quanto sia capace anche sulle 4 ruote da competizione. I suoi stint sono stati i migliori per tutte le 12 ore di gara, ma va sottolinato anche come Luca Marini sia riuscito a migliorare esponenzialmente nell'arco di tutto il fine settimana di Abu Dhabi.

Rossi, Marini e Salucci sono stati in lotta nelle ultime ore con l'Audi R8 GT3 Evo del team Spirit Race Uwe Alzen Automotive di Alzen, Haggenmueller e Konrad. Marini e Rossi hanno dato gli strappi decisivi per firmare il podio nonostante una penalità di 5" da aggiungere al tempo di gara della Ferrari numero 46 per aver guadagnato tempo in maniera impropria.

La prima Porsche, quella del team GPX, ha accarezzato l'idea di centrare il podio fino a 2 ore dalla fine, quando è sprofondata in quinta posizione davanti alla prima Mercedes AMG GT3, quella del team SPS Automotive Performance.

Bella rimonta per la Ferrari 488 GT3 numero 65 del team Kessel Racing, quella che vedeva impegnato anche Loris Capirossi oltre a De Bernardi e Cadei. L'equipaggio italiano ha recuperato sino a chiudere in settima posizione assoluta e seconda di classe.

12 Ore del Golfo - Classifica finale

Partenza, #48 HTP Motorsport Mercedes AMG GT3: Maximilian Goetz, Dominik Baumann, Al Zubair Al Faisal
Partenza, #48 HTP Motorsport Mercedes AMG GT3: Maximilian Goetz, Dominik Baumann, Al Zubair Al Faisal
1/16

Foto di: FotoSpeedy

Partenza, #48 HTP Motorsport Mercedes AMG GT3: Maximilian Goetz, Dominik Baumann, Al Zubair Al Faisal
Partenza, #48 HTP Motorsport Mercedes AMG GT3: Maximilian Goetz, Dominik Baumann, Al Zubair Al Faisal
2/16

Foto di: FotoSpeedy

77 Barwell Motorsport Lamborghini Huracán GT3 Evo: Adrian Amstutz, Miguel Amos, Jordan Witt, Patrick Kujala
77 Barwell Motorsport Lamborghini Huracán GT3 Evo: Adrian Amstutz, Miguel Amos, Jordan Witt, Patrick Kujala
3/16

Foto di: FotoSpeedy

77 Barwell Motorsport Lamborghini Huracán GT3 Evo: Adrian Amstutz, Miguel Amos, Jordan Witt, Patrick Kujala
77 Barwell Motorsport Lamborghini Huracán GT3 Evo: Adrian Amstutz, Miguel Amos, Jordan Witt, Patrick Kujala
4/16

Foto di: FotoSpeedy

77 Barwell Motorsport Lamborghini Huracán GT3 Evo: Adrian Amstutz, Miguel Amos, Jordan Witt, Patrick Kujala
77 Barwell Motorsport Lamborghini Huracán GT3 Evo: Adrian Amstutz, Miguel Amos, Jordan Witt, Patrick Kujala
5/16

Foto di: FotoSpeedy

#46 Monster VR46 Kessel Ferrari 488 GT3: Valentino Rossi, Luca Marini, Alessio Salucci
#46 Monster VR46 Kessel Ferrari 488 GT3: Valentino Rossi, Luca Marini, Alessio Salucci
6/16

Foto di: FotoSpeedy

Valentino Rossi, Monster VR46 Kessel
Valentino Rossi, Monster VR46 Kessel
7/16

Foto di: FotoSpeedy

#46 Monster VR46 Kessel Ferrari 488 GT3: Valentino Rossi, Luca Marini, Alessio Salucci
#46 Monster VR46 Kessel Ferrari 488 GT3: Valentino Rossi, Luca Marini, Alessio Salucci
8/16

Foto di: FotoSpeedy

#46 Monster VR46 Kessel Ferrari 488 GT3: Valentino Rossi, Luca Marini, Alessio Salucci
#46 Monster VR46 Kessel Ferrari 488 GT3: Valentino Rossi, Luca Marini, Alessio Salucci
9/16

Foto di: FotoSpeedy

Valentino Rossi, Monster VR46 Kessel
Valentino Rossi, Monster VR46 Kessel
10/16

Foto di: FotoSpeedy

Valentino Rossi, Monster VR46 Kessel
Valentino Rossi, Monster VR46 Kessel
11/16

Foto di: FotoSpeedy

#46 Monster VR46 Kessel Ferrari 488 GT3
#46 Monster VR46 Kessel Ferrari 488 GT3
12/16

Foto di: FotoSpeedy

#46 Monster VR46 Kessel Ferrari 488 GT3
#46 Monster VR46 Kessel Ferrari 488 GT3
13/16

Foto di: FotoSpeedy

Valentino Rossi con Al Tareq Al Ameri, CEO del circuito di Yas Marina e Abdulrahman Al Shamsi, Supply Chain Director
Valentino Rossi con Al Tareq Al Ameri, CEO del circuito di Yas Marina e Abdulrahman Al Shamsi, Supply Chain Director
14/16

Foto di: Gulf 12 Hours

Valentino Rossi con Al Tareq Al Ameri, CEO del circuito di Yas Marina e Abdulrahman Al Shamsi, Supply Chain Director
Valentino Rossi con Al Tareq Al Ameri, CEO del circuito di Yas Marina e Abdulrahman Al Shamsi, Supply Chain Director
15/16

Foto di: Gulf 12 Hours

Valentino Rossi con Al Tareq Al Ameri, CEO del circuito di Yas Marina e Abdulrahman Al Shamsi, Supply Chain Director
Valentino Rossi con Al Tareq Al Ameri, CEO del circuito di Yas Marina e Abdulrahman Al Shamsi, Supply Chain Director
16/16

Foto di: Gulf 12 Hours

condivisioni
commenti
12h del Golfo, 6° Ora: Audi prime, Valentino 6° e leader PRO-AM
Articolo precedente

12h del Golfo, 6° Ora: Audi prime, Valentino 6° e leader PRO-AM

Prossimo Articolo

Scott Dixon con Kelly e Dennis a Bathurst sulla Aston Martin

Scott Dixon con Kelly e Dennis a Bathurst sulla Aston Martin