Al via la prima serie Gran Turismo a emissioni zero!

Nel 2017 la Electric GT World Series si svolgerà su sette appuntamenti con dieci squadre e venti Tesla Model S P85+ identiche per tutti, ma è già aperta a nuovi modelli e costruttori...

Il primo campionato Gran Turismo a emissioni zero mai concepito al mondo ha messo gli occhi sul 2017 come stagione inaugurale. La Electric GT World Series, così si chiamerà, è infatti nata e pronta al debutto per diventare il primo torneo riservato alle supercar al 100 per cento “pulite”.

Gli organizzatori stanno provando a reclutare 10 squadre (in analogia numerica con il parco partenti della Formula E) con obiettivo il prossimo anno. I piani prevedono anche già una stagione di sette gare, tra i quali dovrebbero essere inseriti eventi in Europa, America e Asia. L'annuncio ufficiale menziona specificamente, e per il momento, i tracciati di Barcellona, Donington Park, Mugello ed Estoril.

Ragionando della base tecnica tecnica del progetto, va specificato che l’inedita categoria ha deliberato la Tesla Model S P85+ come proprio pacchetto standard. La supercar elettrica è capace di un’accelerazione da a 0 a 60 miglia orarie in appena 3”2 in assetto stradale. La versione da corsa avrà tuttavia migliorie alle sospensioni e ai freni, nonché implementato il raffreddamento e ridotto il peso a vuoto.

"Abbiamo scelto il modello Tesla S semplicemente perché è una delle migliori auto mai realizzate, e certamente uno dei mezzi top fra quelli al cento per cento elettrici", ha detto Agustin Payá, direttore tecnico della Electric Holdings GT, società proprietaria e promotrice dell’inedito campionato. "Siamo convinti che la condivisione del suo impressionante potenziale nelle corse in circuito contribuirà a ispirare molte persone verso il trasporto sostenibile”.

"Anche se a prima vista si tratta di una lussuosa ‘berlinona’, essa sembra essere fatta apposta per le corse, soprattutto per la distribuzione dei pesi e il sorprendentemente basso centro di gravità, a dispetto della notevole massa. Più di due tonnellate di peso - non modificato – le permettono una velocità in curva incredibile, senza dimenticare una coppia motrice pressoché illimitata, che ne fanno una straordinaria macchina da corsa”.

E ancora: "Le 10 scuderie e le 20 vetture, che in corsa nella prima stagione saranno identiche fra loro e nonché molto simili alla versione stradale, avranno 416 cavalli di potenza e 601 Nm di coppia. Non c'è davvero bisogno di aggiungere nulla al motore”.

"Abbiamo già testato la macchina sul Circuit de Catalunya, usato dalla Formula 1 a Barcellona, così come sul leggendario tracciato del Jarama, vicino Madrid, i quali vengono ambedue utilizzati come centro per i test operativi”, continua l’imprenditore spagnolo.

"Il modello S è destinato a diventare un... campione del Gran Turismo. Il divertimento connesso alla categoria GT Electric non è destinato a finire qui, perché stiamo andando a verificare quali altri modelli disponibili in commercio si possono vedere per le strade e allo stesso tempo correre sui circuiti di tutto il mondo. Questa è l'idea alla base del nostro progetto, mentre la nostra missione è quella di promuovere la mobilità sostenibile".

Le altre marche sono benvenute

Benché la serie sia destinata a iniziare con le manifeste caratteristiche di un monomarca di fatto della Tesla, Agustin Payá dice con chiarezza che altre marche saranno le benvenute in futuro.

"Abbiamo scelto la Model S in quanto è un fantastico veicolo ad alte prestazioni al cento per cento elettrico, nonché prodotto in grandi numeri per il mercato mondiale, ma noi incoraggiamo e sollecitiamo ogni Casa automobilistica ad aderire alla Electric GT World Series. La accoglieremo a braccia aperte", ha aggiunto. "Sarà fantastico vedere altri costruttori di supercar elettriche unirsi alla nostra categoria in un prossimo futuro".

Le gare come “festival della tecnologia”

Secondo gli organizzatori, le gare della Electric GT World Series non saranno soltanto gare, ma un vero e proprio itinerante “festival della tecnologia e dell’innovazione”.

"Tutto è iniziato e ha preso il via dal nostro desiderio di accelerare il cambiamento verso la mobilità sostenibile, che ci permetterà di porre finalmente termine all’era dei motori endotermici", ha dichiarato Mark Gemmell, co-fondatore e amministratore delegato della Electric Holdings GT.

"Il team esecutivo della società, a partire da me, condividono la convinzione che sia arrivato il momento di far sapere a tutti che c'è una via d'uscita all’economia basata sul combustibile fossile. La tecnologia ci permette di connettere tutto, ed è quello che vogliamo. Quello che faremo sarà qualcosa di molto, molto più importante di una serie di singole competizioni: daremo vita a un dialogo aperto permanente con tutti coloro che vorranno partecipare”.

Concludendo: "Il fatto è che, grazie alla tecnologia di cui ci avvaliamo e ai nostri partner nella comunicazione, l'interazione con i piloti, le squadre, i dirigenti sportivi, gli organi politici, i tifosi e i media niente sarà più come prima...". 

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati EGT
Evento Electric GT Championship, la presentazione
Sub-evento Presentazione
Circuito Circuit de Barcelona-Catalunya
Piloti Agustín Payá
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag elettricità, gran turismo