Gara 2: Ekstrom si riscatta e trionfa, Mortara costretto al ritiro

Vittoria mai messa in discussione per lo svedese che comanda dal primo all'ultimo giro riuscendo a tenere a bada Tambay. Sfortunato Edoardo Mortara costretto ad un pit stop supplementare per una foratura e poi ritiratosi. Wittimann chiude 4°.

Dopo aver vissuto un weekend da assoluto protagonista, Edoardo Mortara è incappato in una giornata decisamente storta sul tracciato dell'Hungaroring.

Il pilota del team ABT, splendido vincitore di Gara 1, dopo aver conquistato la seconda pole position consecutiva, è stato protagonista di un avvio incerto che lo ha visto subito entrare in contatto con Marco Wittmann. Mortara ha tentato di resistere all'ottimo scatto del tedesco, accompagnandolo sull'erba, ma il pilota BMW ha tenuto giù il piede ed ha continuato ad affiancare l'Audi #48. 

Tra i due è stato inevitabile il contatto, con Wittmann che, sfiorato nel lato posteriore destro, ha perso inizialmente il controllo della propria vettura andando ad impattare contro l'Audi di Green, mentre Mortara ha accusato una lenta foratura che l'ha costretto ad un pit stop imprevisto che ne ha pregiudicato irrrimediabilmente la gara.

Il caso scatenatosi all'inizio ha così consentito a Mattias Ekstrom e Adrien Tambay di prendere subito il largo indisturbati, mentre alle loro spalle Juncadella ha preceduto un plotone BMW composto da Wittmann, Da Costa, Blomqvist, Glock e Tomczyk.

La gara non ha successivamente regalato particolari emozioni, ed anche le soste obbligatorie ai box non hanno rivoluzionato la classifica apparsa congelata già dopo pochi giri. Ekstrom, entrato in pit lane al giro 24, è riuscito a mantenere la prima posizione davanti a Tambay, autore del cambio gomme due giri prima, ed ha così potuto festeggiare un trionfo che sa di rivincita dopo la sfortuna patita in Gara 1.

Juncadella ha sempre navigato tranquillamente in terza posizione, riscattando così un weekend decisamente opaco per la Mercedes, mentre Wittmann, dopo aver effettuato la sosta al giro 19, non ha avuto difficoltà nel sopravanzare Da Costa per recuperare una quarta piazza finale preziosissima ai fini del campionato.

La BMW ha monopolizzato le posizioni dalla quarta alla settima. Alle spalle dei citati Wittmann e Da Costa si sono infatti piazzati Blomqvist e Glock, mentre maggiori emozioni sono giunte dalla lotta per la conquista dell'ottava posizione con Timo Scheider abile ad infilare al giro 32 Maxime Martin all'interno della prima curva. 

Mike Rockenfeller ha completato la top ten portando la sua Audi in decima posizione, un risultato al di sotto delle aspettative visto lo strapotere della casa di Ingolstadt nel corso dell'intero weekend.

Mortara, come detto, dopo aver effettuato la sosta per cambiare lo pneumatico forato già al secondo giro, ha tentato una strategia aggressiva rientrando ai box per il cambio gomme obbligatorio al tredicesimo passaggio, ma non è mai riuscito ad emergere, restando confinato in ultima posizione, ed ha così deciso a pochi giri dalla fine di ritirarsi definitivamente.

Alla luce dei risultati odierni, Wittmann torna a guadagnare terreno in classifica piloti portandosi a quota 188 punti, mentre Mortara rimane fermo a 162 seguito da Green, anch'egli costretto al ritiro, terzo con 137 punti.

Cla #PilotaAutoGiriTempoGapDistaccoPitsPunti
1   5  Mattias Ekström  Audi RS5 DTM 36 59'09.402       25
2   27  Adrien Tambay  Audi RS5 DTM 36 59'13.752 4.350 4.350   18
3   12  Daniel Juncadella  Mercedes-AMG C63 DTM 36 59'25.272 15.870 11.520   15
4   11  Marco Wittmann  BMW M4 DTM 36 59'32.697 23.295 7.425   12
5   13  Antonio Félix Da Costa  BMW M4 DTM 36 59'33.611 24.209 0.914   10
6   31  Tom Blomqvist  BMW M4 DTM 36 59'35.469 26.067 1.858   8
7   16  Timo Glock  BMW M4 DTM 36 59'36.215 26.813 0.746   6
8   10  Timo Scheider  Audi RS5 DTM 36 59'41.194 31.792 4.979   4
9   36  Maxime Martin  BMW M4 DTM 36 59'47.712 38.310 6.518   2
10   99  Mike Rockenfeller  Audi RS5 DTM 36 59'48.077 38.675 0.365   1
11   100  Martin Tomczyk  BMW M4 DTM 36 59'49.368 39.966 1.291    
12   6  Robert Wickens  Mercedes-AMG C63 DTM 36 59'49.729 40.327 0.361    
13   88  Felix Rosenqvist  Mercedes-AMG C63 DTM 36 59'50.112 40.710 0.383    
14   7  Bruno Spengler  BMW M4 DTM 36 59'50.719 41.317 0.607    
15   3  Paul di Resta  Mercedes-AMG C63 DTM 36 59'51.179 41.777 0.460    
16   8  Christian Vietoris  Mercedes-AMG C63 DTM 36 59'51.754 42.352 0.575    
17   22  Lucas Auer  Mercedes-AMG C63 DTM 36 59'52.157 42.755 0.403    
18   2  Gary Paffett  Mercedes-AMG C63 DTM 36 59'52.417 43.015 0.260    
19   84  Maximilian Götz  Mercedes-AMG C63 DTM 36 59'54.790 45.388 2.373    
20   17  Miguel Molina  Audi RS5 DTM 36 1:00'16.436 1'07.034 21.646    
21   48  Edoardo Mortara  Audi RS5 DTM 33 55'38.564 3 giri 3 giri    
  dnf 51  Nico Müller  Audi RS5 DTM 8 14'40.645 28 giri 25 giri    
  dnf 18  Augusto Farfus  BMW M4 DTM 2 3'49.953 34 giri 6 giri    
  dnf 53  Jamie Green  Audi RS5 DTM 1 2'11.047 35 giri 1 giro
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati DTM
Evento Budapest
Circuito Hungaroring
Piloti Mattias Ekström , Adrien Tambay , Daniel Juncadella
Team Audi Sport Team ABT
Articolo di tipo Gara