DTM | Ufficiale: il marchio passa sotto il controllo di ADAC

La conferma che la serie tedesca verrà presa in mano dalla Federazione locale è arrivata oggi, con Berger e ITR che si faranno da parte convinti di aver lasciato in buone mani un campionato in espansione dopo il rilancio degli ultimi anni con le GT3.

DTM | Ufficiale: il marchio passa sotto il controllo di ADAC
Carica lettore audio

Ora è ufficiale: il DTM passa sotto il controllo di ADAC a partire dal 2023, come si era vociferato da alcuni giorni e con le prime conferme delle trattative che erano emerse dalle parti interessate.

ITR, la società che fa capo a Gerhard Berger, dal 2020 si era occupata della gestione del campionato tedesco, che dopo la conclusione dell'era Class 1 ha adottato il concetto GT3 per le sue corse sprint.

Dopo il termine della stagione 2022, Berger e soci hanno dovuto far fronte alle problematiche economiche che il campionato - seppur in notevole espansione - si era tirato dietro a seguito della crisi derivata dalla pandemia.

Dovendo trovare una soluzione, alla fine l'accordo con la Federazione tedesca è risultata la scelta più logica che si potesse adottare per rilanciare la piattaforma, come lo stesso Berger ha tenuto a sottolineare.

Giro di formazione

Giro di formazione

Photo by: DTM

"Con questa decisione stiamo gettando le basi per un futuro a lungo termine del motorsport nel mondo di lingua tedesca. Per l'enorme comunità di fan del DTM, questa è una buona notizia", ha dichiarato l'austriaco.

"Il DTM è cresciuto in modo eccellente negli ultimi anni grazie al sostegno dei nostri dipendenti e collaboratori sul fronte dei Costruttori e dei fornitori di servizi. Nel 2022 si è svolta una stagione eccezionale, con una griglia di partenza da record, piloti di livello mondiale, numerosi marchi di spicco nello schieramento di partenza e una notevole diffusione globale su tutti i canali".

"Ci sono state emozioni fino all'ultima gara, oltre a duri duelli ruota a ruota che è esattamente ciò che i fan hanno sempre voluto. Ora è giunto il momento di creare le basi per il futuro a lungo termine del DTM. Ho quindi deciso di trasferire il marchio ad ADAC".

"Sono fermamente convinto che ora sia nelle mani giuste perché è una azienda che ha la conoscenza necessaria per offrire a tutti gli appassionati di motorsport un'esperienza unica in futuro".

"Grazie all'esperienza a lungo termine, alle strutture consolidate e all'impegno dell'associazione nel campo del motorsport, ADAC è in grado non solo di creare le migliori sinergie possibili, ma anche di sviluppare ulteriormente il DTM. In questo modo, ci sono i migliori presupposti per continuare a vedere una serie di successo ai massimi livelli per molti anni ancora".

Arjun Maini, Mercedes-AMG Team HRT Mercedes-AMG GT3

Arjun Maini, Mercedes-AMG Team HRT Mercedes-AMG GT3

Photo by: Alexander Trienitz

Questo significa che ITR esce di scena e non si occuperà più dell'organizzazione internazionale del DTM, né della sua promozione.

"Il fatto che siamo riusciti a portare il DTM a questo livello negli ultimi due anni è dovuto, non da ultimo, al lavoro di molti collaboratori e di un team forte DTM - aggiunge Benedikt Böhme, amministratore delegato di ITR GmbH - È proprio per questo che ora è molto importante per noi affrontare tutti i temi con ordine".

"A questo proposito, vogliamo anche continuare a essere corretti e affidabili come siamo sempre stati per tutte le parti che hanno contribuito in modo sostanziale al successo del DTM".

Ora per il futuro del DTM bisognerà attendere le decisioni di ADAC, che come sappiamo ha già il GT Masters nel suo portafoglio di campionati, cosa che in alcuni modi andrà inevitabilmente a cozzare con le necessità i programmi di squadre, piloti e Case coinvolte.

condivisioni
commenti

Le Lamborghini di GRT tra DTM e IMSA: "Aspettiamo, ma non troppo"

Berger: "Non ho venduto il DTM per farlo sparire, avrà un futuro"