DTM: capolavoro Wittmann-BMW nello show di Gara 1 ad Assen

Il pilota della Walkenhorst beffa gli ottimi Bortolotti e Lawson nonostante una penalità di 5". Spettacolo fin dal via, finale mozzafiato con amarezza per K.Van Der Linde, che perde il primato in campionato.

DTM: capolavoro Wittmann-BMW nello show di Gara 1 ad Assen

Marco Wittmann è stato autore di un vero e proprio capolavoro tattico nella spettacolare Gara 1 del DTM che abbiamo visto andare in scena ad Assen.

Sul tracciato olandese è successo veramente di tutto, da incidenti a scelte strategiche ed episodi controversi che alla fine hanno incoronato il portacolori della BMW.

Il Bi-Campione della serie tedesca era scattato dalla prima fila al fianco del poleman Liam Lawson, ma già nei primi metri si è capito che non sarebbe stata una corsa tranquilla.

I contatti di centro gruppo hanno visto andare in pezzi le Mercedes-AMG di Vincent Abril (HRT), Daniel Juncadella (GruppeM Racing) e Arjun Maini (GetSpeed Performance). Ingresso della Safety Car che ha impedito la fuga di Lawson, ma soprattutto l'assalto al primato di Mirko Bortolotti, che si era fatto largo salendo davanti a Wittmann e a Maximilian Götz, con quest'ultimo ad inaugurare la girandola delle soste alla tornata numero 6, una volta ricominciate le ostilità.

In quel mentre, Bortolotti ha rotto gli indugi, salendo al comando con la sua Lamborghini Huracán passando la Ferrari 488 di Lawson. La battaglia fra i due e le decisioni dei rispettivi team T3 Motorsport e AF Corse di richiamarli ai giri 8 e 7 hanno consentito proprio a Götz di guadagnare e ritrovarsi primo.

Wittmann ha optato per proseguire fino al giro 11 e questo lo ha fatto finire dietro anche alla Mercedes di Philipp Ellis (Team Winward), mentre al Team Abt Sportsline si è preferito giocare la tattica della sosta molto ritardata per le Audi R8 LMS di Kelvin Van Der Linde e Mike Rockenfeller.

Il primo colpo di scena è avvenuto al 15° passaggio, quando detriti sparsi in pista hanno spinto la direzione gara a rimandare la Safety Car sul tracciato. Doccia gelata per K.Van Der Linde e Rockenfeller, che assieme a Maximilian Buhk (Mücke Motorsport) hanno trovato pit-lane chiusa e vantaggio volatilizzarsi in un amen.

Pulito il fondo stradale, al giro 17 altro schieramento e via in stile Indy che ha visto K.Van Der Linde provare ad allungare, protetto benissimo da Rockenfeller a fare da tappo a Götz, Lawson, Wittmann, Bortolotti ed Ellis, ossia quelli in piena lotta per il possibile successo, e dietro tutti gli altri.

Wittmann ha usato maniere un po' troppo forti con Lawson per avere la meglio del ragazzo griffato Red Bull al giro 20, spingendolo sull'erba e prendendosi 5" di penalità dai giudici.

Intanto i due hanno scavalcato pure Götz al 22° passaggio, imitati da Bortolotti al 25°, ma il vero problema in quel momento era rappresentato da Rockenfeller, che doveva chiudere ogni spazio rallentando il gruppo pure di fare guadagnare il suo compagno K.Van Der Linde.

Il più sveglio ad attaccare di forza "Rocky" è stato proprio Wittmann, che affiancandolo all'esterno se n'è sbarazzato potendo avere pista libera per spingere. Coi sopracitati 5" sul groppone, al portacolori della Walkenhorst Motorsport non restava che sperare in un Rockenfeller ancora in versione tappo sugli altri.

Al Team Abt hanno scelto di fermare i loro piloti negli ultimi due giri, ma a quel punto Wittmann aveva già allungato ad 8" su Bortolotti, che solo al terz'ultimo è riuscito a superare Lawson prendendosi la piazza d'onore.

Per il giovane di Red Bull/AF Corse il terzo posto è comunque preziosissimo perché lo proietta in testa alla classifica di campionato, visto che K.Van Der Linde dopo la sosta piomba in 12a posizione.

In Top5 troviamo anche Götz e la McLaren di un combattivo Christian Klien (JP Motorsport), seguiti dalla BMW di Rowe Racing affidata a Sheldon Van Der Linde.

Punti li prendono pure Ellis, nonostante le difficoltà nel finale, Esteban Muth con la seconda Lamborghini di T3 Motorsport, Sophia Flörsch sull'Audi della ABT Sportsline e Lucas Auer con la Mercedes del Team Winward.

La Flörsch si è pure distinta per una escursione nell'erba e un contatto che ha mandato in testacoda Esmee Hawkey con la terza Lamborghini della T3 Motorsport, undicesima e davanti al duo K.Van Der Linde-Rockenfeller.

Oltre ai già citati Maini, Juncadella e Abril, si sono ritirati per problemi tecnici Timo Glock (BMW-Rowe Racing), Buhk, Nico Müller (Audi-Team Rosberg) e Alex Albon (Ferrari-AF Corse/AlphaTauri).

Cla   # Pilota Auto Giri Tempo Gap Distacco Pit stop Punti
1   11 Germany Marco Wittmann BMW M6 GT3 35 1:00'16.354     2 25
2   63 Italy Mirko Bortolotti Lamborghini Huracán GT3 Evo 35 1:00'19.454 3.100 3.100 2 18
3   30 New Zealand Liam Lawson Ferrari 488 GT3 Evo 2020 35 1:00'20.690 4.336 1.236 2 15
4   4 Germany Maximilian Götz Mercedes-AMG GT3 Evo 35 1:00'21.382 5.028 0.692 2 12
5   15 Austria Christian Klien McLaren 720S GT3 35 1:00'21.882 5.528 0.500 2 10
6   31 South Africa Sheldon Van Der Linde BMW M6 GT3 35 1:00'22.530 6.176 0.648 2 8
7   57 United Kingdom Philip Ellis Mercedes-AMG GT3 Evo 35 1:00'23.156 6.802 0.626 2 6
8   10 Belgium Esteban Muth BMW M6 GT3 35 1:00'24.323 7.969 1.167 2 4
9   99 Germany Sophia Floersch Audi R8 LMS Evo 35 1:00'27.501 11.147 3.178 2 2
10   22 Austria Lucas Auer Mercedes-AMG GT3 Evo 35 1:00'28.969 12.615 1.468 2 1
11   26 United Kingdom Esmee Hawkey Lamborghini Huracán GT3 Evo 35 1:00'33.283 16.929 4.314 2  
12   3 South Africa Kelvin van der Linde Audi R8 LMS Evo 35 1:00'48.117 31.763 14.834 2  
13   9 Germany Mike Rockenfeller Audi R8 LMS Evo 35 1:00'59.416 43.062 11.299 2  
  dnf 18 Germany Maximilian Buhk Mercedes-AMG GT3 Evo 17 31'39.100 18 Laps 18 Laps 2  
  dnf 51 Switzerland Nico Müller Audi R8 LMS Evo 13 24'25.803 22 Laps 4 Laps 3  
  dnf 23 Thailand Alexander Albon Ferrari 488 GT3 Evo 2020 11 20'44.337 24 Laps 2 Laps 2  
  dnf 16 Germany Timo Glock BMW M6 GT3 7 14'55.170 28 Laps 4 Laps 2  
  dnf 36 India Arjun Maini Mercedes-AMG GT3 Evo 1 1'39.363 34 Laps 6 Laps 1  
  dnf 5 France Vincent Abril Mercedes-AMG GT3 Evo 1 3'08.860 34 Laps 1'29.497 1  
  dnf 8 Spain Daniel Juncadella Mercedes-AMG GT3 Evo 0          
condivisioni
commenti
Berger: "DTM sulla buona strada, torneremo in Italia nel 2022"
Articolo precedente

Berger: "DTM sulla buona strada, torneremo in Italia nel 2022"

Prossimo Articolo

DTM: Auer resiste a Lawson e vince Gara 2 ad Assen

DTM: Auer resiste a Lawson e vince Gara 2 ad Assen
Carica commenti