Dakar 2019: Auto
Topic

Dakar 2019: Auto

Toyota ammette di avere un piano per portare Fernando Alonso alla Dakar

condivisioni
commenti
Toyota ammette di avere un piano per portare Fernando Alonso alla Dakar
Di:
13 gen 2019, 08:49

Il marchio giapponese ha richiesto due mesi fa alla sua filiale sudafricana un progetto su ciò che sarebbe necessario per schierare Fernando Alonso alla Dakar.

Fernando Alonso, Wayne Taylor Racing
#301 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Nasser Al-Attiyah, Matthieu Baumel
#301 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Nasser Al-Attiyah, Matthieu Baumel
#10 Konica Minolta Cadillac DPi-V.R. Cadillac DPi, DPi: Fernando Alonso
#302 Toyota Gazoo Racing Toyota Hilux: Giniel de Villiers, Dirk von Zitzewitz
#302 Toyota Gazoo Racing SA: Giniel De Villiers, Dirk Von Zitzewitz
Fernando Alonso, McLaren Renault

Negli ultimi due mesi, la Toyota ha capito che esiste la possibilità che Fernando Alonso possa decidere di provare a partecipare anche alla Dakar. Stando a quando ha appreso Motorsport.com, la Casa giapponese ha quindi contattato Glyn Hall, responsabile del suo progetto Cross Country attraverso Gazoo Racing South Africa, ed ha lavorato ad un piano su ciò che sarebbe necessario nel caso in cui lo spagnolo decidesse di fare questo passo.

Come aveva anticipato Nasser Al-Attiyah nei giorni scorso, lo spagnolo lo ha contattato per verificare se fosse possibile fare un test con la sua Hilux alla fine di febbraio o all'inizio di marzo, ma questo piano della Gazoo Racing va oltre. L'idea è quella di fare un primo test "in un ambiente controllato" con l'asturiano al volante, per provare il feeling, confrontarsi con uno dei piloti ufficiali del marchio e permettere ad entrambe le parti di valutare il potenziale.

"Abbiamo già vissuto una situazione simile con Giniel de Villiers, che è stato quattro volte campione turismo e non aveva mai guidato sulla terra. Due anni dopo, nel 2013, è arrivato quarto alla Dakar, quindi tutto è possibile, ma non è una gara facile" ha dichiarato Glyn Hall a Motorsport.com.

Leggi anche:

Hall non ha dubbi sul fatto che l'asturiano abbia la stoffa, anche se lo stesso Alonso qualche mese ha mostrato grande rispetto questo gara: "Devo essere onesto e sapere che non è detto che io abbia il talento per farla".

"Se sei un buon pilota, hai delle capacità. Una delle cose che ho visto di Fernando in Formula 1 è che ha la capacità di ascoltare e pensare quando guida al limite: questa è un'abilità fondamentale nei raid, perché devi ascoltare un navigatore, inoltre è una corsa che richiede molto di pensare". ha detto Hall.

Gazoo Racing South Africa ha intenzione di organizzare un test in Africa, nel quartier generale della squadra. E non è esclusa la presenza di Al-Attiyah per dare una mano allo spagnolo, anche se Hall ha chiarito che in questo primo passo Alonso non avrà bisogno di un co-pilota.

"Penso che sarebbe il secondo passo, ma dove abbiamo intenzione di fare il test non servirà un co-pilota. La prima cosa è 'sentire' la macchina, confrontare le sensazioni con un altro pilota di livello".

"Sarebbe un'occasione fantastica, non solo per Toyota e per la squadra, ma per l'intera Dakar, per l'intera comunità Cross Country. Sarebbe un'ispirazione ed una storia incredibile da raccontare. Sarebbe molto emozionante se Fernando arrivasse alla Dakar, perché farebbe 'esplodere' il nostro sport" ha concluso.

Prossimo Articolo
Dakar, la ASO accetta le critiche di Elena e ammette l'errore nel roadbook della Tappa 3

Articolo precedente

Dakar, la ASO accetta le critiche di Elena e ammette l'errore nel roadbook della Tappa 3

Prossimo Articolo

Dakar: ritirato anche Cerutti, tra le moto restano in gara solamente tre italiani

Dakar: ritirato anche Cerutti, tra le moto restano in gara solamente tre italiani
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Giorno di riposo ad Arequipa
Piloti Fernando Alonso Acquista adesso
Autore Sergio Lillo
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie