Dakar, Price tranquillo nonostante il distacco da Barreda

Nonostante i 32 minuti persi oggi sul rivale Joan Barreda, Toby Price ha spiegato di non essere per niente allarmato, anche se il distacco sulla carta sembra pesante.

Dakar, Price tranquillo nonostante il distacco da Barreda

Il due volte vincitore della Dakar ha aperto la "pista" nella speciale da 447 km di oggi, dopo essersi imposto nella prima tappa, ma ha faticato parecchio sul percorso sabbioso, chiudendo in 28esima posizione e con un distacco di 32 minuti sul vincitore Barreda.

L'australiano ha dovuto fare i conti anche con un piccolo problema al sistema di alimentazione della sua KTM, che lo ha infastidito soprattutto nella seconda parte della tappa.

Dopo aver faticato nella tappa d'apertura, Barreda è in testa alla generale, seguito dalla Honda gemella di Ricky Brabec, mentre Price è 16esimo, staccato di 17'39" da "Bang Bang".

Price però non si lascia intimorire da questo distacco, ribadendo che secondo lui nell'edizione di quest'anno vedremo tanti alti e bassi in classifica in base alla posizione di partenza.

"Abbiamo fatto solo un piccolo errore di navigazione, ho girato in tondo per un po', ma mi sembra di aver fatto bene sia a livello di guida che di orientamento", ha detto.

"Verso la fine abbiamo avuto anche un problema con la moto, a circa 130 km dal traguardo. C'era qualcosa che non andava, ma ad una decina di chilometri dalla fine è tornato tutto normale, quindi potrebbe essere stata la pompa della benzina o un iniettore".

"Sulla carta, la classifica non ha un bell'aspetto, ma sicuramente siamo ancora in gara. Penso che vedremo ancora tanti situazioni così, con i piloti che vanno su e giù. Vedremo come andranno le cose".

Sfumano le chanche di podio di Walkner

Mentre Price si vede ancora in lizza, lo stesso non si può dire per il suo compagno di squadra Matthias Walkner, le cue speranze di un secondo trionfo alla Dakar sembrano essere sfumate.

Il pilota austriaco si è fermato all'inizio della speciale per risolvere un problema alla trasmissione della sua KTM ed è ripartito dopo aver lavorato per oltre due ore e un quarto.

"Dopo 45 minuti mi sono fermato su una duna. Sono tornato indietro e poi ho avuto un problema alla frizione", ha ricordato Walkner. "Ho impiegato molto tempo per preparare la moto, perché frizione era andata ed ho dovuto fermare alcuni piloti per aiutarmi".

"Un ragazzo indiano molto amichevole (Ashish Raorane), si è fermato e mi ha aiutato, ma poi ho perso gli attrezzi nella sabbia perché mi sono caduti".

"E' piuttosto brutto quando al secondo giorno è già così. Alla fine poi ho continuato senza la frizione e mi sono comunque divertito a guidare. Ma ormai non c'è più la possibilità di lottare per il podio e questo mi rende un po' triste".

Sam Sunderland è il pilota ufficiale della KTM piazzato meglio nella classifica generale con il suo 12esimo posto, a 12'50" da Barreda.

#52 Red Bull KTM Factory Team: Matthias Walkner

#52 Red Bull KTM Factory Team: Matthias Walkner

Photo by: A.S.O.

 

condivisioni
commenti

Video correlati

Dakar, Peterhansel: "Buon avvio, ma la gara è ancora lunga"

Articolo precedente

Dakar, Peterhansel: "Buon avvio, ma la gara è ancora lunga"

Prossimo Articolo

Fotogallery Dakar 2021: nella Tappa 2 iniziano le dune

Fotogallery Dakar 2021: nella Tappa 2 iniziano le dune
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Autore Jamie Klein
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021