Price racconta i soccorsi a Gonçalves: "Otto minuti durati un'ora"

Il pilota KTM Toby Price racconta che gli otto minuti passati ad aspettare l'arrivo dell'elicottero medico sul luogo dell'incidente di Paulo Goncalves sono stati i più lunghi della sua vita.

Toby Price è stato il primo ad assistere il pilota del team Hero, Paulo Goncalves dopo la caduta dalla moto, avvenuta durante la settima tappa tra Riyadh e Wadi Al Dawasir, che gli ha procurato un arresto cardiaco. L'organizzatore della Dakar, ASO, ha ricevuto un'allerta sull'incidente di Goncalves alle ore 10:08 (ora locale) ed un elicottero medico è stato inviato immediatamente. Questo è atterrato otto minuti dopo, alle ore 10:16. 

Il pilota portoghese era incosciente quando è arrivato lo staff medico ed è stato trasportato subito all'ospedale Layla, dove è stato dichiarato deceduto. ASO ha così deciso di cancellare l'ottava tappa di moto e quad, mentre il team di Goncalves, Hero, si è ritirato dal resto dell'evento. 

Price afferma: "La caduta è avvenuta su un vasto e veloce altopiano, un tratto molto rapido che si fa in piena accelerazione. Nel momento in cui si è attivato l'allarme sul sistema GPS ho guardato in avanti e ho visto in lontananza una moto a terra. Non è mai un buon segno, perché la zona dove ci trovavamo richiede una velocità piuttosto alta". 

"Poi sono arrivato e ho visto Paulo a terra - prosegue Price - all'inizio non avevo capito bene chi fosse, avevo solamente visto un pilota a terra, ma ho subito capito che fosse Paulo. Ho compreso che la situazione era abbastanza seria e che stava molto male. Abbiamo provato a fare il possibile, a chiedergli una risposta. Abbiamo chiamato gli elicotteri ed informati la direzione gara il prima possibile. Ho provato a metterlo su un lato, perché era problematico assisterlo nella posizione in cui era, di schiena. Abbiamo continuato a chiamare aiuto e ci hanno risposto che l'elicottero stava arrivando". 

"Abbiamo provato a fare quello che abbiamo potuto e verificare le funzioni vitali. Sfortunatamente non abbiamo ricevuto risposta da lui e abbiamo sperato che l'elicottero arrivasse il prima possibile. Sono stati gli otto minuti più lunghi della mia vita, mi è sembrato che durassero un'ora. I ragazzi hanno risposto velocemente, c'era anche Luc [Alphand, ex campione Dakar che lavora per la televisione francese, ndr] ad aiutarci e ha provato a darmi conforto". 

Price continua nel racconto: "Stefan Svitko è arrivato un paio di minuti dopo di me. C'era un piccolo gruppo di noi che provava a fare il possibile, ma sfortunatamente le cose non sono andate come avremmo voluto. Per il mondo delle moto è una giornata dura, abbiamo perso un grande amico e rivale". 

Toby Price afferma che lo 'consola' il fatto di aver compromesso il proprio rally per assistere Goncalves e che ora trova nel pilota portoghese la sua motivazione per proseguire. Il campione in carica arriva alla nona tappa in quarta posizione nella classifica generale, a 28 minuti dal leader Ricky Brabec (Honda). 

"Sono felice di essere rimasto lì, per quanto ho potuto, e questo mi consola. Ricordo che Goncalves si è fermato per me nel 2017 quando mi sono rotto la gamba in quell'edizione della Dakar e restare era la cosa più giusta da fare. Abbiamo dato una mano per farlo salire sull'elicottero e questo mi ha fatto perdere altri 15 o 20 minuti prima di poter proseguire. Ma almeno sapevo di esserci stato e di averlo assistito nei limiti del possibile. I miei pensieri e le mie preghiere sono rivolti alla sua famiglia, ai suoi amici ed a tutti in Portogallo. Hanno perso un guerriero, questo è sicuro". 

"Alla fine, lo farei ogni giorno della settimana, Sicuramente è una gara importante, ma in fondo è solo una gara. Siamo umani e dobbiamo prenderci cura l'uno dell'altro. Ora dobbiamo provare a rimanere uniti ed arrivare al traguardo ottenendo il miglior risultato possibile per Paulo. Sicuramente, il risultati al momento non è buono, ma non sono molto preoccupato. Avrei preferito avere Paulo qui con noi al bivacco in tutti gli altri giorni della settimana".

#8 Hero Motosports Team Rally: Paulo Goncalves

#8 Hero Motosports Team Rally: Paulo Goncalves

Photo by: A.S.O.

condivisioni
commenti
Fotogallery: l'ottava tappa della Dakar 2020

Articolo precedente

Fotogallery: l'ottava tappa della Dakar 2020

Prossimo Articolo

Dakar, Tappa 9: con sterrato e pietre è alto pericolo forature!

Dakar, Tappa 9: con sterrato e pietre è alto pericolo forature!
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021