Dakar 2018: Motul

Pain è il primo pilota Elite che vince la Dakar nella Original by Motul

Il pilota francese ha chiuso la gara in quella che è l'ex categoria "Malle moto" e lo ha fatto da pilota Elite. E' il primo nella storia.

Olivier Pain ce l'ha fatta. Prima di tutto ha finito la sua Dakar forse più bella, forse più complicata e soprattutto sofferta. Un pilota Elite che corre nella malle moto, da quest'anno Original by Motul, non era mai successo.

Lui l'ha fatto. Ha dimostrato di esserne capace e ha raggiunto quel traguardo tanto agognato. “Ovviamente è sempre bellissimo finire una Dakar – dice al traguardo di Cordoba – ed era il mio primo obiettivo. Farla senza assistenza poi e finirla è ancora più bello. E infine ciliegina sulla torta ho anche vinto il challenge malle moto, Original by Motul. Inoltre sono 28° in classifica generale e credo che sia un bel piazzamento”.

Detto da uno che nel 2014 era arrivato terzo come pilota ufficiale Yamaha denota una umiltà e una semplicità in questo ragazzo francese davvero encomiabili. “Alla mia prima partecipazione alla Dakar, nel 2006, avevo chiuso in 28. posizione. E' la peggiore posizione, nella mia carriera, ma ha un sapore tutto speciale e per tutti è un piazzamento dignitoso, specie alla fine di una edizione così dura. La missione è compiuta”.

Quindi era fattibile? La dimostrazione è servita? “E' stato top. L'ho vissuta bene pur con bel po' di lavori da fare sulla moto alla sera. Il serbatoio posteriore all'inizio della gara, poi piccoli lavoretti e infine il motore. Ho deciso di cambiarlo all'inizio della seconda settimana e devo dire che mi ha aiutato molto Romain Leloup, anche lui iscritto nella malle moto. Mi ha dato una mano a cambiarlo, ha lavorato al mio fianco ed stato davvero gentile a farlo, lo ringrazio ancora una volta. E' stata in definitiva una buona esperienza, che ho apprezzato moltissimo, correre senza la pressione del risultato è tutt'altra cosa”.

E a ore di sonno come siamo andati? “Beh, sì in effetti non moltissime, nell'ultima settimana mai più di tre in media per notte. Però durante la giornata non esageravo, andavo bene sulle speciali ma la parte difficile erano i trasferimenti, più noiosi, dove ti veniva sonno. Ma è stata davvero una bella esperienza”.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Dakar
Evento Dakar
Sub-evento Stage 14: Córdoba - Córdoba
Piloti Olivier Pain
Articolo di tipo Ultime notizie
Topic Dakar 2018: Motul