La Toyota alla Dakar 2018 con de Villiers, Al-Attiyah e Ten Brinke

condivisioni
commenti
La Toyota alla Dakar 2018 con de Villiers, Al-Attiyah e Ten Brinke
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
13 nov 2017, 14:54

La Casa giapponese ha annunciato la sua formazione ufficiale, alla quale affiderà la versione aggiornata della Hilux, con l'obiettivo di provare a battagliare per la vittoria.

Toyota Hilux
Toyota Hilux
Bernard ten Brinke, Michel Périn, Toyota Gazoo Racing
Toyota Hilux
Toyota Hilux
Toyota Hilux
Toyota Hilux

La Toyota ha confermato oggi la formazione ufficiale con cui affronterà la Dakar 2018, con l'obiettivo di portare al successo la versione aggiornata della Hilux. E bisogna dire che i tre equipaggi sono di altissimo livello, perché alla guida ci saranno Giniel de Villiers, Nasser Al-Attiyah e Bernard Ten Brinke.

De Villiers, che dividerà l'abitacolo con il navigatore Dirk von Zitzewitz, ha vinto con la Volkswagen l'edizione 2009 della grande classica, la prima disputata in Sudamerica, ma successivamente ha regalato anche altri tre podi alla Casa giapponese, chiudendo secondo lo scorso anno.

Nasser Al-Attiyah non ha bisogno di troppe presentazioni, visto che ha già al suo attivo due successi alla Dakar, uno con la Volkswagen ed uno con la Mini. Lo scorso anno invece è stato costretto al ritiro nella terza tappa, quando era leader della corsa.

"La Toyota Hilux ha una grande reputazione a livello di affidabilità" ha detto il pilota del Qatar, che avrà alla navigazione Matthieu Baumel. "Questa nuova versione ci assicurerà tutte le caratteristiche positive di quella precedente, portandoci anche qualche piccolo vantaggio a livello di bilanciamento".

A completare la line-up c'è Bernhard Ten Brinke, navigato dal francese Michel Perin. Ormai si può quasi considerarlo un veterano della Dakar, visto che partecipa dal 2012, anche se quella dell'anno prossimo sarà la sua prima apparizione da pilota ufficiale a tutti gli effetti.

"Non vedo l'ora di entrare a far parte della squadra ufficiale" ha detto Ten Brinke. "Ho sempre avuto un grande rispetto per la squadra e sono davvero orgoglioso di poterne diventare membro.

Prossimo articolo Dakar
Dakar 2018: la Mini sfida la Peugeot con un buggy 2 ruote motrici

Previous article

Dakar 2018: la Mini sfida la Peugeot con un buggy 2 ruote motrici

Next article

Peugeot conferma: il programma Dakar chiude dopo l'edizione 2018

Peugeot conferma: il programma Dakar chiude dopo l'edizione 2018