Formula 1 MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
22 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
29 giorni
WRC
26 feb
Evento concluso
22 feb
Prossimo evento tra
49 giorni
Formula E
10 apr
Prossimo evento tra
37 giorni
WEC
G
Sebring
17 mar
Cancellato
02 apr
Prossimo evento tra
29 giorni

Il miracolo della Dakar: così ASO ha salvato l'edizione 2021

L’organizzatore della Dakar, Amaury Sport Organisation, è riuscito a noleggiare 18 voli charter per garantire la presenza dei concorrenti di fronte alle restrizioni dell'Arabia Saudita da parte di COVID-19.

Il miracolo della Dakar: così ASO ha salvato l'edizione 2021

La chiusura per terra, mare e aria dell'Arabia Saudita 13 giorni prima dell'inizio della seconda Dakar sulla penisola arabica ha fatto scattare tutti gli allarmi all'Amaury Sport Organisation (ASO), organizzatore del leggendario rally.

Nel pieno delle vacanze di Natale e con migliaia di concorrenti, meccanici e altri membri del bivacco di Dakar preoccupati per la cancellazione dei loro voli per Jeddah, David Castera e il suo team - guidato dal coordinatore generale Thomas Cerf-Mayer - hanno indossato le loro tute da corsa. L'obiettivo è che nessun concorrente venga lasciato a terra a causa delle misure dell'ultimo minuto del regno saudita.

Per farlo, oltre alla loro forza economica e ai contatti di alto livello con il governo del paese che ospita la 43esima edizione della Dakar, hanno dovuto schierare la loro versione migliore. Un totale di 18 aerei charter sono stati utilizzati per trasportare i concorrenti e le squadre a Jeddah con permessi speciali dall'Arabia Saudita su un totale di 21 voli.

Questi hanno sostituito i voli commerciali che un terzo del totale dei concorrenti (509 in assenza di controlli tecnici e amministrativi il 1° e il 2 gennaio) e degli assistenti aveva prenotato in proprio. ASO aveva previsto 10 voli da Madrid, Barcellona, Lisbona, Parigi, Amsterdam, Francoforte, Monaco e Praga per trasferire i restanti due terzi del rally.

“In questi giorni ci ringraziano ancora prima della partenza, la gente è arrivata a pensare che non c'era modo di fare questa Dakar e ora che sono qui sono molto contenti – assicura David Castera a Motorsport.com pochi giorni prima della partenza del rally – Se siamo qui è perché lo volevano i sauditi. Ho visto il telegiornale molto tardi, intorno alle 22.15 di domenica 20 dicembre. Ho subito chiamato i miei capi e mi hanno detto che per prima cosa la mattina dopo avremmo parlato con i nostri contatti sauditi. Ci hanno detto subito che il paese era chiuso, ma che se fossimo riusciti a portare lì i concorrenti non ci sarebbero stati problemi. Era complicato, dovevamo trovare persone per lavorare nel bel mezzo del Natale, abbiamo fatto un ottimo lavoro, ma la notte da domenica a lunedì è stata terribile”.

In soli tre giorni prima di Natale, ASO è riuscita ad aggiungere altri otto aerei charter - che dovevano rispettare l'80% della capacità e non dovevano trasportare molto carico per evitare di dover fare rifornimento - che sono partiti da Dubai, Parigi e Praga.

Un terzo dei concorrenti, degli assistenti e degli altri membri del bivacco (circa 700 persone) sono stati trasferiti da 47 paesi diversi. Il caso degli inglesi è stato speciale, poiché grazie al team Bahrain Raid Xtreme gestito dalla Prodrive ha noleggiato un aereo privato, l'ASO è stato in grado di mettere il resto dei membri britannici che erano stati lasciati indietro. In altri casi, come molti piloti che volano dall'Argentina, ci sono stati momenti di tensione perché hanno dovuto aspettare diverse ore per ritardi e cancellazioni.

“Per fortuna, quando è arrivato il secondo lockdown, abbiamo preso la decisione di noleggiare e ne avevamo già 10, con più della metà dei concorrenti. Fortunatamente, abbiamo dovuto solo integrare e non creare un dispositivo da zero. La cosa più complicata è stato il trasporto iniziale al charter, perché qui ci sono 47 nazionalità. Tutti quelli che non sono qui sono qui a causa degli affari di COVID [come gli spagnoli Francesc Ester e Jordi Ballbé o lo slovacco Ivan Jakes] e non a causa del trasporto, che era il nostro obiettivo”, spiega Castera.

Quando gli è stato chiesto se temeva che questa Dakar non sarebbe stata tenuta o rinviata, chiarisce che il futuro delle incursioni dipendeva da essa: “La notte tra domenica e lunedì ho pensato 10.000 cose, ma appena abbiamo parlato con i sauditi mi sono calmato. Sono sempre positiva e sapevo che ce l'avremmo fatta. Non c'era altra opzione perché se non ci fosse stata questa Dakar, sarebbe stato molto, molto complicato per le squadre dopo un anno di quasi nessuna competizione. Molte squadre sarebbero cadute. Si trattava anche di salvare l'economia del rally per il futuro”.

Le parole di Jordi Viladoms, team manager di KTM Factory Racing, a Motorsport.com sono un esempio della gratitudine che le squadre e i partecipanti stanno dimostrando in questi giorni a Castera e a tutta la sua squadra: “La verità è che siamo tutti qui e che le cose vanno nella giusta direzione e l'ASO merita le nostre congratulazioni, perché con tutti gli impedimenti e i problemi della COVID-19 a livello internazionale, portare tutti qui è quasi un miracolo. Siamo molto grati che siano riusciti a farlo”.

Il miracolo di ASO a Natale permetterà alla 43esima edizione della Dakar di partire sabato 2 gennaio con un prologo di 11 km contro il tempo.

condivisioni
commenti
Dakar: i motociclisti criticano le nuove regole sulle gomme

Articolo precedente

Dakar: i motociclisti criticano le nuove regole sulle gomme

Prossimo Articolo

Dakar: Team Orobica Raid al via con due camion evoluti

Dakar: Team Orobica Raid al via con due camion evoluti
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Autore Sergio Lillo
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021
Dakar: Honda, è l'inizio di una nuova "dinastia"? Prime

Dakar: Honda, è l'inizio di una nuova "dinastia"?

Quella di Kevin Benavides è stata la prima vittoria di un motociclista sudamericano, ma soprattutto la seconda consecutiva della Honda, che in questa edizione 2021 ha dato la sensazione di avere la forza per aprire un ciclo lungo.

Dakar
16 gen 2021
Dakar: c'è il caso del copilota abbandonato nel deserto! Prime

Dakar: c'è il caso del copilota abbandonato nel deserto!

Ricardo Ramilo con il buggy #438 nella tappa di giovedì ha lasciato il suo navigatore, Xavi Blanco, lungo la speciale dopo un alterco ed è ripartito per completare la tappa da solo. Il 56enne galiziano si è perso e si è dovuto ritirare, mentre il catalano è stato recuperato dopo un'ora da un mezzo di assistenza del team Buggy Masters. Ecco una storia incredibile vissute sulle dune dell'Arabia Saudita.

Dakar
15 gen 2021
Dakar 2021: Horn lancia la sfida con l'idrogeno Prime

Dakar 2021: Horn lancia la sfida con l'idrogeno

Il copilota di Despres, Mike Horn è un avventuriero che ha portato a termine ogni impresa impossibile, dal Polo Nord all’Himalaya all’Amazzonia. Ieri nel bivacco di Neom della Dakar ha presentato il progetto della Gen-Z la vettura a idrogeno con la quale sarà in gara nel 2023, aprendo una porta sulle corse del futuro.

Dakar
13 gen 2021