Dakar, Verzeletti: "Con la Panda abbiamo vinto una sfida personale"

I grandi sforzi del Team Orobica Raid finalmente sono stati ripagati e quest'anno l'equipaggio Verzeletti-Cabini è riuscito a condurre la piccola utilitaria al traguardo di Buenos Aires: una vera impresa!

Dakar, Verzeletti: "Con la Panda abbiamo vinto una sfida personale"
Giulio Verzeletti
Atmosfera all'arrivo
Fiat Panda #356: Giulio Verzeletti, Antonio Cabini
Fiat Panda #356: Giulio Verzeletti, Antonio Cabini
Antonio Cabini
Fiat Panda #356 di Giulio Verzeletti, Antonio Cabini
Fiat Panda #356: Giulio Verzeletti, Antonio Cabini
Messa a punto della PanDakar prima della partenza
#356 Pandakar Orobica Raid: Giulio Verzeletti, Antonio Cabini
Controllo pressione gomme della PanDakar e dell'Iveco Eurocargo #550
#356 Pandakar Orobica Raid: Giulio Verzeletti, Antonio Cabini
PanDAKAR
Messa a punto della PanDakar prima della partenza

"L'ho corsa in moto, poi in camion, e ora con la Panda, e l'ho sempre finita. Con la Panda è la terza, ma la prima finta, ma in totale credo siano 15, forse 16". Giulio Verzeletti non è solo il pilota della Fiat Panda numero 356 del team Orobica Raid, è anche l'unico essere umano al mondo ad essere riuscito a fare una Dakar con una utilitaria reale, non pompata sotto e modesta sopra, nelle linee, nell'estetica.

Da 1 a 10 felicità? Ci pensa un nano secondo e poi dice: "Cento...- e subito aggiunge – mila. Nel senso che ci abbiamo lavorato tanto tanto tanto... era un po' una sfida personale e adesso ci siamo riusciti. A costo di sacrifici, ma anche e soprattutto grazie ai ragazzi che ci hanno dato una mano".

E li elenca chiamandoli tutti per nome: "Antonio, Loris, Beppe, Paolo, Yuri, Marco, tutti tutti veramente. Li abbiamo fatti faticare, lavorare di notte, a tutte le ore, giù il cambio, e giù differenziali, e braccetti e ruote, radiatore l'altra sera. Li abbiamo fatti lavorare tanto ma loro sono stati impeccabili, ma non solo. Sono stati di conforto perchè in qualche maniera mi tiravano su di morale, anche quando eravamo distrutti 'in qualche maniera facciamo' dicevano, ed è stato vero".

E neanche l'ultimo giorno è stato tranquillo perchè Verzeletti-Cabini sono arrivati al bivacco alle 6 meno dieci...su tre ruote. Avevano forato subito fuori dalla speciale, ma non ce la facevano più e di cambiare una ruota non si è neanche parlato. L'hanno consumata tutta, arrivando sul cerchio e anche l'anteriore dello stesso lato a sinistra, stava per cedere, già smangiucchiata sulla spalla.

Quando sono arrivati al cancello di entrata del bivacco, per timbrare la loro tabella, il commissario non li ha riconosciuti, o meglio, non ha capito che quella piccoletta tutta impolverata era in gara. Mentre tendevano la tabella da far timbrare ha cercato di farli allontanare dicendo che stava partendo la gara e che le moto dovevano passare. Voleva farli spostare nonostante loro avessero ancora in testa il casco e indosso la tuta ignifuga. "Ho iniziato a chiedergli se era matto e lui quando si è reso conto del suo errore ha cominciato a correrci dietro per scusarsi".

Non poteva credere probabilmente che quella macchina avesse fatto tutta la Dakar. Una volta al bivacco si sono presentati al camion assistenza che ha tirato giù la ruota e le ha cambiate tutte per sicurezza, controllando al volo – perchè tempo non ce n'era – che tutto fosse a posto e rimettendoli in grado di ripartire per l'ultima ps di questa Dakar 2017.

"I ragazzi sono sempre stati accanto a me, Loris Calubini per primo quando ha assecondato per la prima volta questa sfida, sapevamo che era una cosa difficile però ci abbiamo sempre creduto". E ci sono voluti quattro anni. "In realtà no, dobbiamo calcolarne 10, da quando cioè abbiamo comprato il progetto. Poi noi ci abbiamo lavorato sopra cinque, sei anni e abbiamo partecipato quattro volte negli ultimi anni".

C'è stato un momento in cui hanno pensato di non finiare neanche questa volta: "Sì, il giorno che abbiamo perso la ruota anteriore. Lì ho pensato che potevo aver combinato un grosso guaio, mentre invece la robustezza e il lavoro fatto, praticamente hanno fatto si che la macchina non si sia fatta neanche un graffio ed è bastato rimettere su la ruota, pur senza colonnette, prendere i bulloni dalle altre tre gomme e ripartire. Poi certo, i momenti difficili in una gara sono tanti, per esempio quando abbiamo rotto il differenziale l'altro ieri e abbiamo voluto lo stesso entrare in speciale e questo ci ha compromesso la tappa, perchè l'abbiamo corsa tutta di notte. E quando siamo arrivati i nostri meccanici si sono messi a rifare il cambio sotto il sole, ad oltre 50 gradi...mi sono sentito davvero in colpa, con loro sotto la macchina a lavorare... mi sono venute le lacrime agli occhi perchè era colpa mia se stavano facendo quella faticata".

E Antonio Cabini? "Antonio è un altro di quelli duri nel senso che lui non molla mai, è sempre positivo 'ma sì facciamo, andiamo...' ed è anche grazie a lui che ce l'abbiamo fatta".

condivisioni
commenti
Dakar: l'impresa di Tassi, al traguardo al debutto in sedia a rotelle
Articolo precedente

Dakar: l'impresa di Tassi, al traguardo al debutto in sedia a rotelle

Prossimo Articolo

Dakar, i gemelli De Lorenzo: "Non appendiamo la tuta al chiodo!"

Dakar, i gemelli De Lorenzo: "Non appendiamo la tuta al chiodo!"
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021