Formula 1 MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
20 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
26 giorni
WRC
26 feb
Evento concluso
22 feb
Prossimo evento tra
46 giorni
Formula E
10 apr
Prossimo evento tra
34 giorni
WEC
G
Sebring
17 mar
Cancellato
02 apr
Prossimo evento tra
26 giorni

Dakar: Short ritirato perché c'era acqua nella benzina!

La seconda tappa della Dakar 2021 ha visto il ritiro di uno dei migliori nella categoria moto, lo statunitense Andrew Short, dovuto ad una contaminazione della benzina con l'acqua.

Dakar: Short ritirato perché c'era acqua nella benzina!

La seconda tappa della Dakar, da Bisha a Wadi Ad-Dawasir, ha portato azione ed entusiasmo, ma anche le prime battute d'arresto tra i grandi favoriti.

Matthias Walkner ha visto la sua moto fermarsi prima del km 46 e l'austriaco, vincitore della Dakar 2018, si è fermato per due ore e un quarto per ripararla, riuscendo a raggiungere il traguardo con un ritardo di 2 ore e 26 minuti nei confronti del leader Joan Barreda (Honda). Le prime dune della 43esima edizione quindi sembrano aver già spazzato via le sue chance di vittoria finale.

Ma Andrew Short, che era decimo nella generale e nella top 8 di giornata, ha avuto la peggio quando al km 273 la sua WR450F Rally si è fermata improvvisamente in una zona di piste veloci e sabbiose all'interno di una grande valle di montagne rocciose.

L'americano ci ha provato in tutti i modi, ma ha finito per salire sull'elicottero dell'organizzazione, mettendo fine al sogno di migliorare il decimo posto del 2020 ed il sesto del 2019.

Il ritiro sarebbe stato una grande delusione per Short e per la Yamaha, che perde uno dei suoi piloti di punta per la generale della Dakar 2021, se non fosse che quando la moto è tornata al bivacco di Wadi Ad-Dawasir, intorno alle ore 19:00 locali, quello che hanno trovato è stato, a dir poco, sorprendente.

Avvisati dai problemi che Toby Price (KTM) aveva avuto con il carburante in uno dei serbatoi della sua moto al termine della speciale, hanno deciso di controllare quelli della WR450F... e hanno trovato dell'acqua al loro interno, stando a quanto ha appreso Motorsport.com.

Leggi anche:

Le moto, i quad e le SSV/T3 vengono rifornite con autobotti di un fornitore locale, che vengono portate ad ogni bivacco ed ai punti di rifornimento designati dall'ASO (ieri erano al km 94, al 267 - sette prima del problema di Short - e un altro alla fine della speciale).

La Yamaha a quel punto ha provare ad introdurre benzina normale nel serbatoio di Short e la moto è ripartita senza problemi, suggerendo che il problema è stato causato dalla presenza di acqua in quella che l'americano ha imbarcato al km 267. Si parla di circa due litri, secondo quanto il team ha confermato a Motorsport.com.

La ragione per cui la sua moto si è fermata e quelle dei suoi rivali non lo hanno fatto (oltre a quella di Price) sarebbe la grande quantità di acqua presente, dato che anche il suo compagno di squadra Franco Caimi (Yamaha) aveva acqua nei serbatoi.

La squadra ha presentato una richiesta per fare in modo che i tempi fossero validi solo fino al CP2 (km 267), in maniera tale che Short potesse proseguire la corsa.

I commissari hanno analizzato la benzina intorno alle 21:00 ora locale, mentre l'organizzatore ha valutato quali fossero le misure necessarie da prendere, visto che c'erano diversi piloti interessati, come ha saputo Motorsport.com.

Ma alla fine, intorno alla mezzanotte locale, la Direzione Gara ha stabilito che Short non sarebbe stato ammesso alla partenza della terza tappa.

"Sono triste e deluso per Andrew. Ha messo molta energia e tempo per prepararsi alla Dakar. E' il suo primo anno con la Monster Energy Yamaha ed avevamo grandi speranze. Andrew ha ricevuto del carburante contaminato dall'acqua durante il secondo rifornimento della seconda tappa", ha detto Alexandre Kowalski, direttore off-road di Yamaha Europe.

"Vederlo fuori dal rally per qualcosa che è completamente fuori dal nostro controllo è incredibilmente frustrante. Poiché il carburante è stato fornito dagli organizzatori, abbiamo presentato un reclamo alla FIM per congelare i risultati, cosa che gli avrebbe permesso di continuare la gara, ma l'hanno respinto".

"E' deludente per tutti, ma la gara continua ed ora dobbiamo concentrarci sui piloti che ci sono rimasti, che stanno facendo un ottimo lavoro. Quest'anno siamo nella battaglia e continueremo a spingere fino alla fine", ha concluso.

condivisioni
commenti

Video correlati

Dakar 2021, moto: gli highlights della seconda tappa

Articolo precedente

Dakar 2021, moto: gli highlights della seconda tappa

Prossimo Articolo

Dakar, Moto, Tappa 3: bis di Price, Howes leader a sopresa

Dakar, Moto, Tappa 3: bis di Price, Howes leader a sopresa
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Stage 2
Piloti Andrew Short
Autore Sergio Lillo
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021
Dakar: Honda, è l'inizio di una nuova "dinastia"? Prime

Dakar: Honda, è l'inizio di una nuova "dinastia"?

Quella di Kevin Benavides è stata la prima vittoria di un motociclista sudamericano, ma soprattutto la seconda consecutiva della Honda, che in questa edizione 2021 ha dato la sensazione di avere la forza per aprire un ciclo lungo.

Dakar
16 gen 2021
Dakar: c'è il caso del copilota abbandonato nel deserto! Prime

Dakar: c'è il caso del copilota abbandonato nel deserto!

Ricardo Ramilo con il buggy #438 nella tappa di giovedì ha lasciato il suo navigatore, Xavi Blanco, lungo la speciale dopo un alterco ed è ripartito per completare la tappa da solo. Il 56enne galiziano si è perso e si è dovuto ritirare, mentre il catalano è stato recuperato dopo un'ora da un mezzo di assistenza del team Buggy Masters. Ecco una storia incredibile vissute sulle dune dell'Arabia Saudita.

Dakar
15 gen 2021
Dakar 2021: Horn lancia la sfida con l'idrogeno Prime

Dakar 2021: Horn lancia la sfida con l'idrogeno

Il copilota di Despres, Mike Horn è un avventuriero che ha portato a termine ogni impresa impossibile, dal Polo Nord all’Himalaya all’Amazzonia. Ieri nel bivacco di Neom della Dakar ha presentato il progetto della Gen-Z la vettura a idrogeno con la quale sarà in gara nel 2023, aprendo una porta sulle corse del futuro.

Dakar
13 gen 2021