Dakar 2019: Moto
Topic

Dakar 2019: Moto

Dakar, Moto, Tappa 8: il motore Honda tradisce Brabec e le KTM ne approfittano

condivisioni
commenti
Dakar, Moto, Tappa 8: il motore Honda tradisce Brabec e le KTM ne approfittano
Di:
15 gen 2019, 18:39

Lo statunitense è rimasto a piedi dopo 56 km e quindi ora in testa alla generale c'è Price. La speciale la vince Walkner davanti a Quintanilla, di nuovo secondo con la sua Husqvarna, a 1'03" dal leader.

Ogni giorno una svolta. Bisogna proprio dire che quella riservata alle moto è la gara più accesa di tutte a questa Dakar 2019. L'ottava tappa, che portava da San Juan de Marcona a Pisco, ha dato un altro scossone alla classifica oltre ad azzerare praticamente le speranze di vittoria della Honda.

Il grande colpo di scena è arrivato al 56esimo dei 361 km cronometrati: il motore della Honda di Ricky Brabec è andato in fumo, così come i sogni di gloria dello statunitense, che nelle prime sette giornate si era reso protagonista di una corsa praticamente perfetta ed aveva messo nel mirino il successo finale. E non poteva essere diversamente, visto che fino al momento del ko era lui a comandare la generale.

Ed ecco quindi che le KTM ne hanno approfittato immediatamente per salire in cattedra, con Matthias Walkner che si è preso la vittoria di tappa, la seconda per lui in questa edizione, e Toby Price che ne ha approfittato per portarsi in vetta alla classifica generale. E la cosa curiosa è che l'australiano, che non è al 100% essendo stato operato ad un polso nel mese di novembre, è primo senza essere ancora riuscito a portarsi a casa una speciale nel 2019.

Come detto, a spuntarla oggi è stato l'austriaco, che quindi continua a cullare il sogno di bissare il successo del 2018, e sul traguardo di Pisco ha preceduto di appena 45" la Husqvarna di Pablo Quintanilla, che continua quindi la sua gara in stile montagne russe, con una giornata da grande protagonista che si alterna sistematicamente ad una da dimenticare.

Leggi anche:

Terzo poi c'è proprio Price, che però nella generale ora guarda tutti dall'alto, con un margine di 1'03" proprio sul cileno della Husqvarna e 6'35" sul compagno Walkner. Quarto, sia nella tappa che nella generale, troviamo invece Sam Sunderland. E anche il britannico è ancora decisamente in corsa per la vittoria finale, essendo appena 3" più indietro rispetto a Walkner.

Così come in lizza rimane anche Adrien van Beveren, nonostante il pilota della Yamaha abbia vissuto una giornata poco esaltante, incassando 11'48" da Walkner con il sesto tempo. Tuttavia, il francese rimane ancora a meno di dieci minuti dalla vetta, precisamente a 9'54".

Molto buona invece la prova del crossista Andrew Short, autore del quinto tempo con la sua Husqvarna. Tra le altre cose, in un colpo solo lo statunitense si è portato dal decimo al settimo posto nella generale, sfruttando il ritiro di Brabec, ma anche quello del veterano Stefan Svitko, fermato da una caduta piuttosto rovinosa per la quale è stato anche elitrasportato in ospedale. Inoltre ha superato Xavier de Soultrait, che anche oggi ha pagato un quarto d'ora con la sua Yamaha.

In apertura vi abbiamo parlato di una giornata da dimenticare per la Honda ed in effetti si fa fatica a dire il contrario: la miglior CRF450 Rally sul traguardo di Pisco è stata quella di Josè Ignacio Cornejo, ottavo. Ma quel che è peggio per la Casa giapponese è che ora la miglior Honda nella generale, quella dell'argentino Kevin Benavides si ritrova sesta, ma ad oltre 21 minuti da Price. Dunque, avrebbe bisogno di un vero e proprio miracolo per riuscire nell'impresa, visto che ormai mancano solo due tappe.

Prosegue positivamente anche la gara di Maurizio Gerini, autore del 18esimo tempo di tappa. Una prestazione che, sommata anche ai ritiri odierni, ha portato la sua Husqvarna addirittura all'interno della top 15, per la precisione in 15esima posizione. Scala posizioni anche Laia Sanz, ora 13esima a poco meno di tre ore dal battistrada Price con la sua KTM.

Pos. Pilota Moto Tempo/Gap Penalità
1 Toby Price KTM 28.53'08" +1'33"
2 Pablo Quintanilla Husqvarna +1'03"  
3 Matthias Walkner KTM +6'35" +3'00"
4 Sam Sunderland KTM +6'38" +2'00"
5 Adrien van Beveren Yamaha +9'54"  
6 Kevin Benavides Honda +21'41"  
7 Andrew Short Husqvarna +39'27"  
8 Xavier de Soultrait Yamaha +46'17" +1'00"
9 Luciano Benavides KTM +1.04'24"  
10 José Ignacio Cornejo Honda +1.05'44" +15'00"

 

Prossimo Articolo
Dakar 2019: quando il sensore si sposta di 2 mm e manda in tilt il Cursor 13

Articolo precedente

Dakar 2019: quando il sensore si sposta di 2 mm e manda in tilt il Cursor 13

Prossimo Articolo

Dakar: recuperata la moto di Barreda con elicottero e 70m di corda

Dakar: recuperata la moto di Barreda con elicottero e 70m di corda
Carica commenti