Dakar, Moto, Tappa 6: Barreda fa tris, ma in testa c'è Price

Il pilota della Honda entra definitivamente nella storia. Con il 27esimo successo alla Dakar sale sul podio all-time ed eguaglia Jordi Arcarons: sono i due che hanno vinto più tappe senza imporsi alla fine della gara. Il settimo tempo odierno però è bastato a Price per portare la sua KTM in vetta ad una classifica che vede i primi sette racchiusi in appena 6'25".

Dakar, Moto, Tappa 6: Barreda fa tris, ma in testa c'è Price

La Dakar continua a regalare scossoni alla classifica generale ogni giorno e non è stata esente la sesta tappa, l'ultima prima della giornata di riposo, che conduceva da Al Qaisumah ad Ha il, con un percorso che è stato accorciato di 150 km tra speciale e trasferimento poco prima del via.

Joan Barreda continua la sua gara sulle montagne russe, alternando una vittoria di tappa ad una giornata in cui finisce per perdere minuti preziosi dovendo aprire la pista. Quella di oggi però è stata quella buona per conquistare la vittoria di tappa numero 27 alla Dakar, la terza in questa edizione, che lo pone sul podio di tutti i tempi per la categoria moto, andando a pareggiare i conti con Jordi Arcarons, che fino ad oggi era quello ad aver conquistato più tappe senza aver alzato il trofeo di vincitore della classifica generale.

Un successo importante per il pilota della Honda, che nella generale riduce nuovamente il suo distacco a 6'25" e riguadagna la settima posizione. La Casa giapponese però ha perso la leadership della corsa, che è passata nelle mani di Toby Price. L'australiano della KTM ha chiuso settimo, con un ritardo di 3'54", ma questo gli è bastato per scavalcare i tre piloti che lo precedevano ieri nell'assoluta, che però rimane davvero apertissima se si pensa che siamo già arrivati al giro di boa.

Nella sua scia infatti ci sono le due Honda dell'ex leader Kevin Benavides e quella di José Cornejo che pagano meno di tre minuti. L'argentino è stato stoico, perché nonostante fosse ancora dolorante ad una caviglia ed al naso, è riuscito a limitare i danni, chiudendo 16esimo a 9'12" e quindi avrà una buonissima posizione di partenza quando la gara riprenderà domenica, pur essendo a soli 2'16" da Price. Con l'11esimo posto di giornata, a 6'52", il cileno si è invece confermato terzo nella generale, riuscendo anche a ridurre il distacco che pagava ieri fino a 2'57".

E' stata una giornata positiva anche per Ross Branch, che è andato veramente ad un soffio dalla sua prima affermazione in questa edizione. Il portacolori della Yamaha, infatti, si è inchinato a Barreda per appena 13 secondi, provando un recupero proprio nel tratto conclusivo. In ogni caso per il pilota del Botswana le cose si mettono piuttosto bene, visto che nella generale è quarto a 3'41", medesimo distacco dell'Husqvarna di Xavier de Soultrait, oggi forse meno brillante delle giornate precedenti (14esimo a 8'47"), ma ancora pienamente in corsa per la vittoria finale.

Uno che probabilmente fin qui è stato sottovalutato, ma zitto zitto rimane sempre lì è Sam Sunderland. Il vincitore dell'edizione 2017 oggi si è piazzato nono con la sua KTM, ma il distacco di 5'54" lo tiene a soli 4'23" dal compagno di squadra Price nella generale, nonostante abbia perso una posizione, arretrando in sesta. Detto del settimo posto di Barreda, a completare la top 10 c'è poi un terzetto di piloti sempre competitivi, che però hanno visto salire il loro distacco ad oltre 10 minuti: a comandarlo c'è lo statunitense Skyler Howes, che con la sua KTM precede la Sherco di Lorenzo Santolino e la Husqvarna di Pablo Quintanilla.

C'è poi un gruppetto di piloti che in questo momento non ha troppe velleità di classifica, ma si sono resi protagonisti di una buona prestazioni. Tra questi, non si può non citare Daniel Sanders, perché per la terza volta in sette giorni di gara l'australiano della KTM si è issato nella top 3 di tappa. Davvero niente male per un rookie, che ha chiuso con soli 53" di ritardo su un veterano come Barreda ed ora anche nella generale è subito fuori dalla top 10, 12esimo a 18 minuti.

Dopo un paio di giornate difficili, è tornato a mostrare lampi del suo talento anche Ricky Brabec. Lo statunitense della Honda ha realizzato il quarto tempo di giornata, a 2'24", e in questo modo ha riportato il suo gap dalla vetta a meno di 20 minuti, che non lo taglia del tutto fuori dai giochi con altre sei tappe da disputare prima del ritorno a Jeddah. Diversa la situazione per Matthias Walkner, oggi buon quinto, ma ormai troppo distante in classifica a causa del tempo perso quando la sua KTM ha avuto un problema alla trasmissione nella seconda tappa.

Anche oggi Maurizio Gerini è stato il migliore tra i piloti italiani, con un 35esimo tempo che gli ha permesso di mantenersi al comando della classifica della Original by Motul, riservata ai piloti senza assistenza, pur avendo perso poco meno di tre minuti nei confronti del lituano Arunas Gelazninkas. Ora sono 28esimo e 29esimo nella generale, distanziati tra loro di 4'24" a favore dell'imperiese.

Purtroppo nell'elenco dei piloti che non hanno preso il via alla tappa odierna ce ne sono anche due di casa nostra: il primo è Lorenzo Piolini, che ieri è stato evacuato in ospedale dopo essersi fratturato una clavicola in una caduta. Tra quelli che hanno alzato bandiera bianca però c'è anche Davide Cominardi.

Quad: Giroud si riscatta, ma Cavigliasso allunga

Dopo aver perso oltre 40 minuti ieri, Alexandre Giroud è riuscito di nuovo a dare una svolta positiva alla sua gara: il francese ha centrato la sua terza vittoria di tappa tra i Quad in questa Dakar 2021, compresa quella del Prologo, anche se non ha limato più di tanto il suo gap dalla vetta.

Alla fine l'ha spuntata per appena 34" nei confronti del cileno Giovanni Enrico, che come lui ha riscattato la brutta prova di ieri. Con il terzo posto però Nicolas Cavigliasso ha decisamente limitato i danni, presentandosi sul traguardo con appena un paio di minuti di ritardo nei confronti di Giroud.

Anzi, l'argentino ha consolidato ulteriormente la sua leadership, perché il diretto inseguitore Manuel Andujar ha chiuso alle sue spalle e gli ha concesso altri 9'30". Ora quindi nella generale sono separati da 33'18", con Giroud terzo a 45'22" ed Enrico quarto a 50'19". Staccatissimi invece tutti gli altri, con lo statunitense Pablo Copetti che chiude la top 5 a quasi due ore e mezza.

Dakar 2021 - Classifica generale Moto dopo la Tappa 6

Pos Pilota Moto Tempo/Gap Penalità
1 Toby Price KTM 24.08'43"  
2 Kevin Benavides Honda +2'16" +2'00"
3 José Cornejo Honda +2'57"  
4 Ross Branch Yamaha +3'41" +1'00"
5 Xavier de Soultrait Husqvarna +3'41"  
6 Sam Sunderland KTM +4'23"  
7 Joan Barreda Honda +6'25"  
8 Skyler Howes KTM +10'12" +1'00"
9 Lorenzo Santolino Sherco +13'46"  
10 Pablo Quintanilla Husqvarna +15'13"  

Dakar 2021 - Classifica generale Quad dopo la Tappa 6

Pos Pilota Quad Tempo/Gap Penalità
1 Nicolas Cavigliasso Yamaha 29.15'55"  
2 Manuel Andujar Yamaha +33'18"  
3 Alexandre Giroud Yamaha +45'22"  
4 Giovanni Enrico Yamaha +50'19"  
5 Pablo Copetti Yamaha +2.24'39" +16'00"
6 Italo Pedemonte Yamaha +2.38'41" +5'00"
7 Tomas Kubiena Yamaha +3.40'15" +2'00"
8 Karol Wisniewski Yamaha +4.07'51"  
9 Romain Dutu Yamaha +5.00'39"  
10 Toni Vingut Yamaha +5.37'31"  
condivisioni
commenti
Dakar: sesta tappa accorciata di 100 km e ritardata

Articolo precedente

Dakar: sesta tappa accorciata di 100 km e ritardata

Prossimo Articolo

Dakar, Auto, Tappa 6: il ritorno di re Sainz. Loeb KO

Dakar, Auto, Tappa 6: il ritorno di re Sainz. Loeb KO
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Stage 6
Piloti Joan Barreda , Toby Price
Autore Matteo Nugnes
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021