Dakar, Moto, Tappa 5: rispunta Price, ma Sunderland va ko

E' stata una giornata di alti e bassi per la KTM: da una parte si è rilanciato l'australiano, ma dall'altra c'è stato il ritiro di Sundeland. Brabec chiude quarto, dietro alle Husqvarna di Quintanilla e Short e mantiene 9' su Price. Perdono terreno Kevin Benavides e Cornejo.

Non c'è che dire, la prima edizione saudita della Dakar si sta rivelando davvero ricca di colpi di scena nella categoria moto, perché in ognuna di queste prime cinque giornate di gara ci sono stati scossoni alla classifica o ritiri illustri.

Nella quinta tappa, che prevedeva 353 km cronometrati tra Al Ula e Ha'il, a spuntarla è stato Toby Price, diventando il primo capace di portarsi a casa due speciali nel 2020, dopo aver vinto quella inaugurale a Jeddah.

Con una seconda parte di speciale in pieno deserto, tra le dune, anche oggi la navigazione aveva un ruolo fondamentale e non è un caso che i piloti che sono stati costretti ad aprire il gruppo, come José Cornejo e Kevin Benavides, siano tra quelli che oggi hanno fatto più fatica a trovare la traccia giusta.

Dal canto suo, Price invece è stato abile a sfruttare la sua posizione di partenza (era sesto), prendendo le redini della speciale al km 103 e tenendole fino al traguardo, dove si è presentato con un margine rispettivamente di 1'12" e di 2'31" sulle due Husqvarna di Pablo Quintanilla ed Andrew Short, che hanno fatto un grande lavoro di squadra, andando a braccetto per aiutarsi con la navigazione.

Ancora una volta, però, anche Ricky Brabec ha confermato di essere un serissimo candidato alla vittoria finale: il pilota della Honda ha limitato i danni, staccando il quarto tempo a 3'03" da Price e nella generale quindi comanda sempre lui, con un margine di 9'06" sull'australiano della KTM.

Come detto, non è stata una giornata semplice per Kevin Benavides, che ha chiuso con un ritardo di oltre 12 minuti nei confronti del vincitore, ma comunque si è mantenuto in zona podio nella generale, anche se a 11'32" dal compagno di squadra. E' andata peggio invece a Cornejo, che oggi di minuti ne ha persi ben 14 ed ora è scivolato quinto nella generale, alle spalle anche di Quintanilla.

La posizione di partenza molto arretrata ha invece favorito Matthias Walkner. L'austriaco della KTM era addirittura leader dopo i primi 51 km, poi si è dovuto accontentare di chiudere quinto, ma in questo modo è risalito fino al sesto posto nella classifica generale, anche se con oltre mezz'ora di ritardo.

Con la caduta di ieri che ha riacutizzato il dolore alla costola fratturata, Joan Barreda ha badato soprattutto a portare la sua Honda al traguardo e lo ha fatto con il sesto tempo a poco meno di dieci minuti. Un risultato che lo tiene al settimo posto nella generale, con un gap di 31'24" sulla Honda gemella del leader Brabec. Continua a stupire poi Ross Branch, anche oggi ottimo settimo con la sua KTM, ma sempre attardato nella generale a causa del tempo perso nella terza tappa.

Come detto, questa per ora è stata però anche la Dakar dei ritiri illustri: dopo quelli delle Yamaha di Adrien van Beveren e Xavier de Soultrait, oggi è stata la volta di Sam Sunderland. Il pilota della KTM, che aveva vinto la speciale di ieri prima di incappare in una penalità di 5 minuti, è caduto al km 187 e nell'impatto si è procurato un infortunio alla schiena ed alla spalla sinistra, che gli hanno impedito di proseguire la corsa.

Prosegue in maniera positiva la gara dei due italiani del Solarys Racing, con Jacopo Cerutti che oggi è riuscito a centrare addirittura la top 20 con un ritardo di 23'09" e Maurzio Gerini poco più indietro a 26'33". Nella generale ora sono uno nella scia dell'altro, con Gerini 24esimo proprio davanti a Cerutti.

Dakar 2020 - Top 10 Moto dopo la 5° Tappa

Pos Pilota Moto Tempo/Gap Penalità
1 Ricky Brabec Honda 19.07'19"  
2 Toby Price KTM +9'06" +2'00"
3 Kevin Benavides Honda +11'32"  
4 Pablo Quintanilla Husqvarna +16'01"  
5 José Cornejo Honda +20'25" +1'00"
6 Matthias Walkner KTM +30'54"  
7 Joan Barreda Honda +31'24"  
8 Luciano Benavides KTM +34'00"  
9 Skyler Howes Husqvarna +49'47"  
10 Stefan Svitko KTM +56'53"  
condivisioni
commenti
Dakar, Barreda dolorante: "Momento complicato, devo resettare"

Articolo precedente

Dakar, Barreda dolorante: "Momento complicato, devo resettare"

Prossimo Articolo

Dakar, Auto, Tappa 5: Sainz concede il bis battendo Al-Attiyah

Dakar, Auto, Tappa 5: Sainz concede il bis battendo Al-Attiyah
Carica commenti
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021