Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
50 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
57 giorni
MotoGP
G
GP del Qatar
05 mar
-
08 mar
Prossimo evento tra
43 giorni
G
GP della Thailandia
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
57 giorni
WRC
13 feb
-
16 feb
Prossimo evento tra
22 giorni
WSBK
G
Phillip Island
28 feb
-
01 mar
Prossimo evento tra
37 giorni
G
Losail
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
51 giorni
Formula E
17 gen
-
18 gen
Evento concluso
14 feb
-
15 feb
Prossimo evento tra
23 giorni
WEC
12 dic
-
14 dic
Evento concluso
22 feb
-
23 feb
Prossimo evento tra
31 giorni

Dakar, Moto, Tappa 6: Brabec prova il primo allungo

condivisioni
commenti
Di:
10 gen 2020, 11:55

Seconda vittoria di tappa per il pilota della Honda, che approfitta della rottura del motore del compagno Benavides e della giornata no di Price per portare a 20' il margine sul diretto inseguitore, che ora è Quintanilla. Barreda risale quinto. Grande prova di Gerini e Cerutti, 12esimo e 13esimo.

La prima edizione saudita della Dakar è arrivata alla conclusione della prima settimana di gara e bisogna dire che anche la sesta tappa ha regalato dei colpi di scena importanti, che hanno permesso al leader Ricky Brabec di provare a prendere il largo.

Dopo essersi portato a casa la terza tappa, il pilota della Honda ha concesso il bis sui 477 km cronometrati che separavano Ha'il da Riyadh. Partito per quarto, lo statunitense si è sempre mantenuto nelle posizioni di vertice ed ha preso il comando delle operazioni al km 213.

Da lì, è stato tallonato fino a 44 km dal termine dal compagno di squadra Kevin Benavides, che però poi ha visto andare in fumo i suoi sogni di gloria insieme al propulsore della sua CRF450. L'argentino è rimasto fermo in speciale e poi è stato trainato fino al traguardo, ma alla fine ha pagato la bellezza di 3 ore e 37 minuti, precipitando al 27esimo posto nella generale.

Questo però non è stato il solo colpo di scena dei km conclusivi: anche Toby Price, che aveva già dovuto fare i conti con la difficoltà di aprire la traccia dopo la vittoria di tappa di ieri, ha accusato un problema nel finale e quindi ha pagato 16' nei confronti di Brabec. In questo modo è arretrato dal secondo al terzo posto nella generale, con un ritardo di 25'39" nei confronti del leader.

Tra Brabec ed il rivale della KTM si è infilata quindi la Husqvarna di Pablo Quintanilla, oggi quarto sul traguardo di Riyadh ed ora distanziato di 20'56" nella generale. La tappa odierna ha finalmente sorriso a quello che fino ad ora era stato un protagonista mancato, ovvero Joan Barreda.

Lo spagnolo della Honda è arrivato in Arabia Saudita con una costola fratturata poco prima del Natale e in questa sesta tappa è arrivato davvero vicino a piazzare la sua prima zampata, chiudendo a solo 1'34" dal compagno di squadra. Un risultato che gli ha permesso di scalare la generale fino al quinto posto, alle spalle anche dell'altro compagno José Cornejo (sesto oggi), rimettendo nel mirino il podio, che ora dista solo meno di otto minuti.

Anche Matthias Walkner ha provato a rilanciare la sua candidatura al podio piazzandosi terzo nella prova odierna. Al momento però l'austriaco della KTM figura ancora a 33'39" nella generale, incalzato dall'altro Benavides, il compagno di squadra Luciano.

Prosegue positivamente anche la gara dello statunitense Skyler Howes, ormai presenza fissa nella top 10 e risalito fino all'ottava piazza nella generale. Buona poi anche la prova di Franco Caimi, che riporta la Yamaha nella top 10 generale grazie al settimo posto odierno. Precipita in classifica invece Andrew Short, che oggi ha pagato 35 minuti oltre a dover fare i conti con ben 30 di penalità.

Sfortunato anche Johnny Aubert, che prima si è dovuto fermare per delle riparazioni sulla sua Sherco, poi è caduto a soli 2 km dal traguardo, venendo evacuato dal personale medico. Tanto pure il terreno perso da Ross Branch, che ha dovuto fare i conti con la gomma posteriore letteralmente distrutta, precipitando al 25esimo posto nella classifica generale, staccato di oltre tre ore.

Belle notizie anche da parte dei ragazzi di casa nostra, con il duo del Solarys Racing che si è reso protagonista di una prova maiuscola: Maurizio Gerini e Jacopo Cerutti si sono presi il 12esimo ed il 13esimo tempo di giornata, staccati rispettivamente di 20'16" e 22'32" con le loro Husqvarna. I due viaggiano a braccetto anche nella generale, nella quale occupano nello stesso ordine la 20esima e la 21esima posizione, separati tra loro da 12 minuti circa.

Dakar 2020 - Top 10 Moto dopo la 6° Tappa

Pos Pilota Moto Tempo/Gap Penalità
1 Ricky Brabec Honda 23.43’47”  
2 Pablo Quintanilla Husqvarna +20'56"  
3 Toby Price KTM +25'39" +2'00"
4 José Cornejo Honda +25'41" +1'00"
5 Joan Barreda Honda +32'58"  
6 Matthias Walkner KTM +33'39"  
7 Luciano Benavides KTM +39'02"  
8 Skyler Howes Husqvarna +1.04'50"  
9 Stefan Svitko KTM +1.07'49"  
10 Franco Caimi Yamaha +1.10'24" +5'00"
Prossimo Articolo
Incubo forature per i big della Dakar 2020

Articolo precedente

Incubo forature per i big della Dakar 2020

Prossimo Articolo

Dakar, Quad, Tappa 6: Vitse a segno, K.O. Enrico, Casale gestisce

Dakar, Quad, Tappa 6: Vitse a segno, K.O. Enrico, Casale gestisce
Carica commenti