Dakar, Moto, Tappa 4: ancora Barreda, comanda de Soultrait

Secondo centro alla Dakar 2021 e 26esimo in carriera per lo spagnolo della Honda, che risale secondo nella generale. Al comando, ma con soli 15" di vantaggio, c'è l'Husqvarna di de Soultrait, ma occhio a Kevin Benavides, che si mantiene terzo e domani avrà un'ottima posizione di partenza.

Dakar, Moto, Tappa 4: ancora Barreda, comanda de Soultrait

Joan Barreda sembra non volerne sapere di giocare di strategia: anche se i primi giorni di questa Dakar 2021 hanno dimostrato che aprire la pista può essere un grande handicap per le moto, il pilota della Honda ha ribadito che se c'è l'occasione di portarsi a casa una tappa, lui non se la fa sfuggire.

"Bang Bang" ha sfruttato il suo 30esimo posto nell'ordine di partenza ed ha fatto segnare il miglior tempo lungo i 337 km cronometrati tra Wadi Ad-Dawasir e Riyadh, centrando così la sua 26esima vittoria di tappa alla Dakar. Una prova di forza per lo spagnolo, che si è presentato sul traguardo con un margine di 5'57" su Ross Branch e di 6'09" sul rookie Daniel Sanders, che continua a regalare zampate degne di nota con la sua KTM, nonostante sia anche incappato in una caduta senza conseguenze.

Barreda ha fatto nuovamente un grande salto nella classifica generale, risalendo dall'ottavo al secondo posto. E anche oggi cambia nuovamente il volto del leader, perché ora a guardare tutti dall'alto è Xavier de Soultrait, quinto a 7'19" con la sua Husqvarna nella tappa odierna. Un gap che gli ha permesso di tenersi dietro Barreda di appena 15 secondi.

Attenzione però anche a Kevin Benavides, perché il pilota della Honda sembra essere quello che oggi ha lavorato meglio a livello di strategia. Pur pagando 11'49", ha infatti mantenuto il terzo posto nella generale a 3'24". Davvero un ottimo risultato se si considera che domani sarà 14esimo nell'ordine di partenza e che quindi troverà delle piste ben delineate.

Il secondo posto odierno ha fatto risalire al quarto posto Branch, che rimane il migliore tra i piloti Yamaha a 4'24" dalla vetta. Ma è stata tutto sommato una giornata positiva anche per l'ex leader Skyler Howes. Il pilota americano ha chiuso solo con il 20esimo tempo di tappa, ma il distacco di poco più di 13 minuti lo mantiene comunque al quinto posto nella generale, a soli 4'26", come primo dei piloti KTM.

In sesta posizione nella generale troviamo poi l'altro Benavides, Luciano, che con la sua Husqvarna oggi ha fatto segnare il quarto tempo di giornata. Alle sue spalle ci sono poi le due KTM ufficiali di Sam Sunderland e Toby Price. L'australiano ha pagato la vittoria di tappa di ieri, che gli ha imposto di aprire la pista, e si è ritrovato a pagare 14'42".

La cosa curiosa è che nei primi 80 km era riuscito ad essere il più veloce, ma poi ha commesso un errore di navigazione ed ha visto il suo gap aumentare fino al traguardo. Nella generale comunque rimane molto vicino ai migliori, a 7'47", e domani potrà usufruire di una buonissima posizione di partenza.

Il quadro delle prime dieci posizioni si completa poi con la Honda di José Cornejo e con la Husqvarna di Pablo Quintanilla. Quest'ultimo oggi ha dato la sensazione di non attaccare a fondo, nonostante la sua posizione di partenza, perché così si è guadagnato una buona posizione di partenza per domani, mantenendo un distacco inferiore ai 10 minuti nella generale.

Discorso che avrebbe potuto valere anche per il vincitore della passata edizione, lo statunitense Ricky Brabec, che ha viaggiato con un ritardo di circa cinque minuti per tutta la speciale, ma poi ha perso quasi otto minuti negli ultimi 40 km. Nella generale quindi resta solamente in 18esima posizione, anche se il distacco di 16'21" lo tiene ancora ampiamente in corsa con otto tappe da disputare.

Per quanto riguarda gli italiani, oggi il migliore è stato il veterano Franco Picco, autore del 46esimo tempo a 55'56" con la sua Husqvarna. E' stata invece una giornata complicata per Maurizio Gerini, che dopo essere stato intorno alla 30esima posizione nei primi 125 km è sparito dai radar, salvo poi presentarsi al traguardo con un ritardo di un'ora e un quarto.

Un peccato per l'imperiese, che in questo modo è sceso al 37esimo posto nella generale, ma soprattutto ha ceduto la leadership della Original by Motul al ceco Roman Krejci ed ora è quarto nella classifica riservata ai piloti che corrono in "solitaria". Purtroppo bisogna registrare il ritiro di Tiziano Internò, che si è fratturato un polso. Ieri era caduto anche Angelo Pedemonte e si è fermato a causa dei danni riportati alla moto. Tuttavia, sembra intenzionato a riprendere la gara con la modalità "Dakar Experience", classifica riservata a quei piloti che hanno alzato bandiera bianca, ma hanno modo di riparare il proprio mezzo e ripartire.

Quad: primo centro di Andujar, Cavigliasso nuovo leader

Cambia il nome in cima alla classifica anche per quanto riguarda i Quad. Nicolas Cavigliasso ci ha messo qualche giorno a carburare sui fondi dell'Arabia Saudita, ma oggi il vincitore dell'edizione 2019, l'ultima in Sud America, si è portato in vetta alla classifica generale, anche se per appena 9 secondi.

L'argentino ha chiuso la quarta tappa al secondo posto, a 1'08" da uno scatenato Manuel Andujar, che quindi è riuscito a togliersi la soddisfazione di centrare la sua prima affermazione in carriera alla Dakar, riducendo anche il suo gap in classifica a 22'07".

Ad Alexandre Giroud invece non è bastato chiudere terzo a 3'52" per riprendersi la leadership nella generale, andata appunto per un soffio a Cavigliasso, anche se la battaglia tra i due continua a rimanere apertissima.

Non è stata una giornata facile invece per l'ex leader Giovanni Enrico: il cileno ha pagato 15'22 ed in un colpo solo è precipitato dal primo al terzo posto, pagando ora un ritardo di 7'33" nella generale. E' andata anche peggio però a Pablo Copetti, perché lo statunitense ha perso addirittura 43'01" e ora nell'assoluta è sesto, alle spalle anche di Italo Pedemonte, pagando praticamente il medesimo distacco.

Dakar 2021 - Classifica generale Moto dopo la Tappa 4

Pos Pilota Moto Tempo/Gap Penalità
1 Xavier de Soultrait Husqvarna 15.00'25"  
2 Joan Barreda Honda +15"  
3 Kevin Benavides Honda +3'24"  
4 Ross Branch Yamaha +4'24"  
5 Skyler Howes KTM +4'26"  
6 Luciano Benavides Husqvarna +5'31" +1'00"
7 Sam Sunderland KTM +7'13"  
8 Toby Price KTM +7'47"  
9 José Cornejo Honda +8'06"  
10 Pablo Quintanilla Husqvarna +9'31"  

Dakar 2021 - Classifica generale Quad dopo la Tappa 4

Pos Pilota Quad Tempo/Gap Penalità
1 Nicolas Cavigliasso Yamaha 18.31'48"  
2 Alexandre Giroud Yamaha +9"  
3 Giovanni Enrico Yamaha +7'33"  
4 Manuel Andujar Yamaha +22'07"  
5 Italo Pedemonte Yamaha +41'38"  
6 Pablo Copetti Yamaha +43'02" +1'00"
7 Tomas Kubiena Yamaha +1.27'13" +2'00"
8 Romain Dutu Yamaha +2.00'07"  
9 Karol Wisniewski Yamaha +2.19'24"  
10 Toni Vingut Yamaha +2.53'48"  
condivisioni
commenti
Fotogallery Dakar 2021: l'anello di Wadi Ad-Dawasir

Articolo precedente

Fotogallery Dakar 2021: l'anello di Wadi Ad-Dawasir

Prossimo Articolo

Dakar, Auto, Tappa 4: Al-Attiyah firma il tris. Peterhansel 2°

Dakar, Auto, Tappa 4: Al-Attiyah firma il tris. Peterhansel 2°
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Stage 4
Piloti Joan Barreda , Xavier de Soultrait
Autore Matteo Nugnes
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021