Dakar, Moto, Tappa 10: Cornejo si ritira, Brabec si rilancia

La Honda piazza una bella tripletta con la vittoria di tappa del californiano, ma il colpo di scena è la caduta dell'ex leader Cornejo, che raggiunge il traguardo a 17 minuti, poi alza bandiera bianca. Ora il leader è Benavides, ma Brabec è solo a 51", quindi si va verso una grande battaglia in casa HRC. Ma occhio alla KTM di Sunderland, perché è solo a 10 minuti.

Dakar, Moto, Tappa 10: Cornejo si ritira, Brabec si rilancia

Si prospettava una grande battaglia in casa Honda per designare il vincitore della Dakar 2021. A due giorni dal termine, infatti, sono ben tre i portacolori della HRC che sono separati tra loro da appena 1'07", ma solo due di questi se la potranno giocare fino alla fine. Anche oggi purtroppo la categoria moto ha perso uno dei suoi grandi protagonisti lungo i 342 km cronometrati che conducevano da Neom ad Al Ula.

La ripartenza dopo il giorno di riposo è stata durissima: nella settima tappa è finito ko Ross Branch, il giorno successivo a Xavier de Soultrait e ieri a Toby Price. Ma oggi il colpo di scena è ancora più grande, perché ad essere finito fuori dai giochi è quello che comandava la classifica generale fino a ieri, ovvero Nacho Cornejo.

Il cileno, che fino al km 90 era stato addirittura il più veloce, è incappato in una caduta al km 252, dalla quale sembrava essersi rialzato senza particolari conseguenze, ma che comunque gli è costata un ritardo di ben 17'42" al traguardo, che lo ha fatto arretrare al terzo posto nella generale. Una volta finita la speciale, però, non si sentiva bene e quindi ha deciso di farsi visitare dai medici, che ne hanno immediatamente disposto il trasferimento in elicottero all'ospedale di Tabuk, perché pare che nella caduta abbia sbattuto la testa in maniera piuttosto violenta.

Il KO di Cornejo ha rilanciato prepotentemente la candidatura alla vittoria finale di Ricky Brabec. Dopo una prima settimana molto complicata, nella quale ha avuto grossi problemi a livello di navigazione, il californiano è stato nettamente il migliore del lotto per ora nella seconda settimana di gara, collezionando due vittorie di tappa, inclusa quella di oggi da Neom ad Al Ula (342 km cronometrati), oltre ad un secondo e ad un terzo posto. Risultati che lo hanno riportato a soli 51" dalla vetta, che ora è occupata da Kevin Benavides.

All'argentino è bastato chiudere terzo e completare la tripletta Honda di tappa per riprendere il comando nella generale, anche se i 5'11" pagati su Brabec gli hanno garantino un margine di appena 51" sul vincitore della passata edizione, che ora ha tutti i motivi per credere al bis, dopo il suo terzo successo di tappa di quest'anno (il primo era arrivato nel Prologo).

Se ora è lecito attendersi due giorni infuocati tra i due piloti superstiti della HRC, è altrettanto vero che dovranno stare attenti a non esagerare, perché il risultato odierno tiene ancora in corsa anche Sam Sunderland. L'ultimo baluardo della KTM non ha sicuramente vissuto una giornata da ricordare, chiudendo solo con l'ottavo tempo a 12'37" da Brabec.

La caduta di Cornejo però ha accorciato la classifica anche per lui, che ora è quarto (e quindi erediterà il terzo posto), ma a 10'36", quindi ad una distanza che gli potrebbe ancora permettere di approfittare di eventuali errori degli uomini Honda.

Ha ridotto sensibilmente il suo gap dalla vetta anche Joan Barreda, oggi secondo a 3'15", ma per lo spagnolo sembra piuttosto complicato ambire al bersaglio grande, perché comunque è a 15:40 da Benavides. Sappiamo però anche che la miglior caratteristica di "Bang Bang" è il saper attaccare e nei prossimi due giorni lo potrà fare senza remore, non avendo più niente da perdere.

Alle sue spalle, si è scaldata quella che diventerà la lotta per la top 5, con Skyler Howes che è riuscito a scavalcare Daniel Sanders. Lo statunitense ha fatto segnare un ottimo quarto tempo di tappa, primo tra i piloti KTM, con un ritardo di appena 5'48". L'australiano invece ha pagato 9'07" con il sesto tempo e ora quindi nella generale è alle spalle di Howes di 1'17".

Rispetto a loro invece ha perso colpi Lorenzo Santolino, che con la sua Sherco è una decina di minuti più indietro. A seguire nella generale troviamo poi Pablo Quintanilla ed Adrien van Beveren, ultimi alfieri rimasti in gara per Husqvarna e Yamaha.

Per quanto riguarda la Original by Motul, continua a comandare la classifica il lituano Arunas Gelazninkas, che è stato il migliore anche oggi tra i piloti in gara senza assistenza, staccando il 22esimo tempo assoluto di giornata. Stessa posizione che occupa nella generale, nella quale ha un margine di circa un'ora da poter amministrare sul suo inseguitore Emanuel Gyenes.

Guardando agli italiani invece, Cesare Zacchetti è il migliore con il 41esimo tempo di tappa ed il 40esimo posto nella generale, che gli vale anche il settimo tra i piloti iscritti alla Original by Motul.

Quad: tappa a Copetti, Andujar è sempre leader

Passando ai Quad, oggi è arrivata la seconda vittoria di tappa in questa edizione per lo statunitense Pablo Copetti. Una bella soddisfazione, che però pesa poco nelle sue chance di reinserirsi nella lotta per la vittoria finale, visto che nella generale paga un ritardo di poco meno di tre ore nei confronti del leader Manuel Andujar.

Anche in questa decima tappa, l'argentino è riuscito a gestire al meglio la situazione, perché con il terzo tempo ha addirittura incrementato il proprio margine nei confronti dei suoi inseguitori. A due tapppe dal termine quindi può amministrare un margine di 21 minuti su Alexandre Giroud, oggi quarto, e di 27'04" su Giovanni Enrico, quinto al traguardo.

Buona anche la prova di Italo Pedemonte, che si è visto sfuggire la speciale per appena 20 secondi a favore di Copetti. Il cileno quindi continua a pressare lo statunitense anche nella generale: i due sono separati da meno di otto minuti nella lotta per la quarta posizione finale.

Dakar 2021 - Classifica generale Moto dopo la Tappa 10

Pos Pilota Moto Tempo/Gap Penalità
1 Kevin Benavides Honda 40.20’08” +2'00"
2 Ricky Brabec Honda +51"  
3 José Cornejo Honda +1'07"  
4 Sam Sunderland KTM +10'36"  
5 Joan Barreda Honda +15'40"  
6 Skyler Howes KTM +29'38" +6'00"
7 Daniel Sanders KTM +30'55" +7'00"
8 Lorenzo Santolino Sherco +40'41"  
9 Pablo Quintanilla Husqvarna +1.04'02"  
10 Adrien van Beveren Yamaha +1.12'22" +15'00"

Dakar 2021 - Classifica generale Quad dopo la Tappa 10

Pos Pilota Quad Tempo/Gap Penalità
1 Manuel Andujar Yamaha 50.56'43"  
2 Alexandre Giroud Yamaha +21'00"  
3 Giovanni Enrico Yamaha +27'04"  
4 Pablo Copetti Yamaha +2.54'28" +16'00"
5 Italo Pedemonte Yamaha +3.02'09" +5'00"
6 Karol Wisniewski Yamaha +6.19'22" +1'00"
7 Tomas Kubiena Yamaha +6.54'25" +3'00"
8 Romain Dutu Yamaha +7.35'31"  
9 Laisvydas Kancius Yamaha +11.27'50" +6'00"
10 Toni Vingut Yamaha +14.07'37 +7'00"
condivisioni
commenti
Dakar, Price scherza: "Mi sono rotto il mio 30esimo osso..."
Articolo precedente

Dakar, Price scherza: "Mi sono rotto il mio 30esimo osso..."

Prossimo Articolo

Dakar, Auto, Tappa 10: è bis di Al Rajhi. Peterhansel controlla

Dakar, Auto, Tappa 10: è bis di Al Rajhi. Peterhansel controlla
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021