Dakar, Moto, Tappa 10: ancora Honda con Metge, Quintanilla si ritira!

Terza vittoria di fila per la HRC, che oggi ha fatto anche appello per la penalità di un'ora dei suoi piloti. Quintanilla si arrende ad un colpo di calore ed ora nella generale ci sono tre KTM al vertice, con Sunderland sempre al comando.

Dakar, Moto, Tappa 10: ancora Honda con Metge, Quintanilla si ritira!
#15 Monster Energy Honda Team: Michael Metge
#15 Monster Energy Honda Team: Michael Metge
#11 Monster Energy Honda Team: Joan Barreda
#11 Monster Energy Honda Team: Joan Barreda
Pablo Quintanilla, Husqvarna Factory Racing
#3 Husqvarna Factory Racing: Pablo Quintanilla
#14 Red Bull KTM Factory Racing: Sam Sunderland
#14 Red Bull KTM Factory Team: Sam Sunderland
#16 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
Matthias Walkner, Red Bull KTM Factory Racing
#8 Himoinsa Racing Team KTM: Gerard Farrés
#8 Himoinsa Racing Team KTM: Gerard Farrés
#2 KTM: Stefan Svitko
#2 KTM: Stefan Svitko
#67 Honda: Franco Caimi
#67 Honda: Franco Caimi

La Honda continua a mantenere fede alla promessa di una seconda settimana tutta all'attacco nella Dakar 2017. Dopo i successi di Ricky Brabec e di Joan Barreda, la decima tappa, quella che conduceva da Chilecito a San Juan, ha regalato il primo acuto in carriera di Michael Metge.

Ma questa è una giornata che può avere una certa rilevanza per lo squadrone HRC, anche perché è stato presentato un appello contro la penalità di un'ora rimediata nella quarta tappa per aver effettuato un rifornimento non consentito, facendo riferimento a Stephane Peterhansel, che lo scorso anno tra le auto l'aveva fatta franca per la stessa infrazione.

E in questo senso pesa il secondo posto odierno di Barreda, perché lo spagnolo ha chiuso a soli 55" dal compagno di squadra e in questo modo ha ridotto a 53'47" il suo ritardo nei confronti del leader Sam Sunderland. Dunque, sarebbe virtualmente in testa qualora dovesse essere accolto il reclamo.

In ogni caso la giornata ha sorriso anche alla KTM, perché il leader Sunderland ha avuto delle difficoltà di navigazione nella prima parte del percorso, ma poi si è ripreso alla grande, pagando alla fine 18 minuti su Metge, ma rimanendo comunque saldamente in testa alla classifica generale.

Anche perché in questo è stato decisamente favorito dalle difficoltà dei suoi diretti inseguitori: dispiace soprattutto per Pablo Quintanilla, che è stato costretto alla resa definitiva, subendo un colpo di calore dopo circa 400 km. Va detto comunque che il cileno dell'Husqvarna viaggiava già piuttosto staccato oggi.

Non è andata bene neppure alla Yamaha di Adrian van Beveren, perché il francese ha pagato oltre 30 minuti rispetto al vincitore di tappa, quindi ha perso la sua posizione in zona podio, arretrando fino alla quarta piazza. Possono invece gongolare in casa KTM, perché ora al vertice c'è una grande tripletta, con Matthias Walkner secondo a 30'01" e Gerard Farres terzo a 38'43".

Grazie alla bella prova di oggi invece Barreda è risalito fino alla quinta piazza ed è distante di una quindicina di minuti dal podio. Per lui quindi la terza posizione potrebbe anche non essere un obiettivo utopistico, a prescindere da quelle che saranno le decisioni sulla penalità.

Peccato per Ricky Brabec, rimasto fermo a 12 km dal traguardo, dopo essere stato in lizza per la vittoria della speciale per almeno due terzi del percorso odierno. Lo statunitense della Honda ha accusato prima un problema tecnico e poi un malore. Decisamente attardato anche Xavier de Soultrait, che con la sua Yamaha ha pagato quasi un'ora, arretrando all'ottavo posto nell'assoluta.

E' stata invece una giornata positiva per Stefan Svitko, Franco Caimi e Pela Renet, che hanno chiuso rispettivamente terzo, quarto e quinto, consolidando anche le loro posizioni nella classifica generale. Il primo però è stato soccorso subito dopo la conclusione della speciale per un malore ed ora è in viaggio verso l'ospedale di San Juan

Da segnalare anche il ritiro di Luca Manca: il pilota sardo ha accusato un dolore al torace ed è stato trasportato al vicino ospedale di Villa Union per ulteriori accertamenti. Sfortunato anche Simon Marcic, che nella prima parte della speciale di oggi è stato vittima di un incidente che ha coinvolto pure la Peugeot di Peterhansel ed è stato portato via dal team medico.

Pos.PilotaMotoTempo/GapPenalità
1 Sam Sunderland KTM 28.07'59"  
2 Matthias Walkner KTM +30'01" +5'00"
3 Gerard Farres KTM +38'43"  
4 Adrian van Beveren Yamaha +41'57"  
5 Joan Barreda Honda +53'47" +1.01'00"
6 Pela Renet Husqvarna +55'24"  
7 Paulo Goncalves Honda +1.00'11" +48'20"
8 Xavier de Soultrait Yamaha +1.32'55" +9'00"
9 Michael Metge Honda +1.35'33" +1.11'30"
10 Franco Caimi Honda +1.37'57" +1.05'00"

 

condivisioni
commenti
Dakar, De Rooy: "Se si torna in Bolivia nel 2018, ci saranno problemi!"
Articolo precedente

Dakar, De Rooy: "Se si torna in Bolivia nel 2018, ci saranno problemi!"

Prossimo Articolo

Dakar, Auto, Tappa 10: poker di Loeb. La vittoria finale è vicina!

Dakar, Auto, Tappa 10: poker di Loeb. La vittoria finale è vicina!
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021