Formula 1 MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
21 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
27 giorni
WRC
26 feb
Evento concluso
22 feb
Prossimo evento tra
47 giorni
Formula E
10 apr
Prossimo evento tra
35 giorni
WEC
G
Sebring
17 mar
Cancellato
02 apr
Prossimo evento tra
27 giorni

Dakar, Moto, Tappa 1: svetta Price, sprofonda Brabec

Nella prima tappa "vera" della Dakar 2021 c'è stata la riscossa delle KTM, con la 13esima affermazione di giornata in carriera di Price, che si prende anche la leadership. Dopo aver trionfato nel Prologo, Brabec ha perso oltre 18 minuti. Male anche Barreda e Quintanilla, che pagano oltre un quarto d'ora. Alle spalle del leader ci sono invece Kevin Benavides e Walkner.

Dakar, Moto, Tappa 1: svetta Price, sprofonda Brabec

Se il Prologo aveva sorriso alla Honda, la prima tappa vera e propria della Dakar 2021 ha le tinte arancio della KTM, con i portacolori della Casa di Mattighofen che hanno occupato tre delle prime quattro posizione nei 277 cronometrati previsti tra Jeddah e Bisha.

A spuntarla è stato Toby Price, firmando la sua 13esima vittoria di tappa alla Dakar. L'australiano ha sfruttato una buona posizione di partenza, la nona, e dopo un avvio guardingo ha preso le redini della classifica al km 135 e da lì le ha mantenute fino al traguardo.

Negli ultimi 50 km hanno provato un recupero sia Kevin Benavides che Matthias Walkner, che al km 222 si erano presentati rispettivamente con un ritardo di 1'33" e di 3'44" sul due volte vincitore della classifica generale. Il loro colpo di reni è stato importante, ma alla fine si sono dovuti accontentare di chiudere secondo e terzo nello stesso ordine, con un gap di 31" e 32".

E con i risultati odierni, Price, Benavides e Walkner sono i primi tre anche nella classifica generale riservata alle moto, nella quale il distacco dell'argentino della Honda rispetto al battistrada è inferiore, appena 23". L'austriaco della KTM invece è a 1'12" dal compagno di squadra.

Vincere il Prologo e dover aprire la "pista" invece è stato davvero deleterio per il campione in carica Ricky Brabec. Dopo appena 37 km, lo statunitense si trovava già a dover inseguire con un ritardo di oltre 13 minuti. Negli oltre 200 restanti poi è riuscito a limitare i danni, pur presentandosi sul traguardo con un gap di 18'32", che lo pone ad oltre 17 minuti nella generale.

E' andata di poco meglio al compagno Joan Barreda, che lo seguiva nell'ordine di partenza e si è beccato 15'39", ritrovandosi a 14'49" anche nella generale. Tra gli uomini di classifica, male anche Pablo Quintanilla, che ha pagato 15'30" con la sua Husqvarna. Si sono difese abbastanza bene invece le due sorprese di ieri, Ross Branch ed il rookie Daniel Sanders, rispettivamente staccati di 9'47" e 12'51" e rimasti non troppo distanti dalla top 10 nella generale.

E' il caso però di parlare anche di quelli che invece se la sono cavata bene e non si può non citare il britannico Sam Sunderland, quarto con la sua KTM sia nella tappa che nella generale, nella quale è distante 4'11" da Price, pur avendogli recuperato circa tre minuti negli ultimi 50 km. Ottima però anche la tappa di Lorenzo Santolino, capace di portare la Sherco al quinto posto sia di giornata che dell'assoluta.

Dopo un grande avvio, che lo aveva visto comandare fino al km 92, Xavier de Soultrait si è dovuto accontentare di chiudere con il sesto tempo. Il francese della Husqvarna infatti ha perso la pista giusta nella seconda parte della speciale, perdendo oltre quattro minuti e mezzo su Price. Solo settima quindi la migliore delle Yamaha, quella dell'argentino Franco Caimi, che è anche il pilota meglio piazzato della Casa di Iwata nella generale, nella quale invece è sesto, pochi secondi davanti proprio a de Soultrait.

Restando in casa Yamaha, dopo il buon sesto posto di ieri, Andrew Short è arretrato al decimo nella generale alle spalle anche della KTM di Skyler Howes e della Husqvarna di Luciano Benavides. Tra quelli che avevano brillato ieri c'era anche il tedesco Sebastian Buhler, che però oggi ha perso oltre mezz'ora con la sua Hero, precipitando decisamente distante dalla posizioni di vertice. Così come non è stata una buona tappa neppure per Laia Sanz, arrivata sul traguardo con oltre 36 minuti di ritardo con la sua Gas Gas, più della metà rimediati negli ultimi 100 km.

Il migliore dei piloti italiani è stato anche oggi Maurizio Gerini, autore del 38esimo tempo con la sua Husqvarna, con un ritardo di 44 minuti. Nella generale invece occupa la 40esima piazza, staccato di poco meno di 50 minuti nei confronti del battistrada Price.

Bisogna registrare purtroppo anche i primi forfait e tra questi c'è quello di Jhon Trejos, costretto ad alzare bandiera bianca per un infortunio alla caviglia destra rimediato in una caduta al km 98. Così come dopo un incidente è parso dolorante ad una gamba anche Xavier Flick, che però è tornato in sella alla sua Husqvarna ed ha proseguito la tappa. Probilmente sarà costretto al ritiro anche Willy Jobard, che per lui sarebbe il quinto consecutivo alla Dakar. Il veterano, che era al via con una moto ibrida ad idrogeno, è caduto dopo 93 km procurandosi un infortunio all'anca sinistra.

Giroud concede il bis tra i Quad

Per quanto riguarda la gara riservata ai Quad, Alexander Giroud ha concesso il bis del successo ottenuto nel Prologo di ieri, venendo fuori negli ultimi 50 chilometri. Al passaggio al km 222, infatti, il francese era passato con il quarto tempo e con 3'10" da recuperare nei confronti del vincitore dell'edizione 2019, Nicolas Cavigliasso.

Quando si sono presentati sul traguardo, però, Giroud aveva completamente ribaltato la situazione ed era lui ad avere quasi cinque minuti di margine nei confronti dell'argentino, che nel frattempo è precipitato dal primo al quarto posto.

Davanti a lui si sono infilati anche Giovanni Enrico e Pablo Copetti, che hanno chiuso rispettivamente a 2'52" e 4'54" da Giroud, che ovviamente guida anche la classifica generale, nella quale i due diretti inseguitori sono gli stessi a 3'32" e 5'18". Cavigliasso invece è quinto a 6'31, alle spalle anche di Manuel Andujar.

Dakar 2021 - Classifica generale Moto dopo la 1° Tappa

Pos Pilota Moto Tempo/Gap Penalità
1 Toby Price KTM 3.43'58"  
2 Kevin Benavides Honda +23"  
3 Matthias Walkner KTM +1'12"  
4 Sam Sunderland KTM +4'11"  
5 Lorenzo Santolino Sherco +4'59"  
6 Franco Caimi Yamaha +5'16"  
7 Xavier de Soultrait Husqvarna +5'23"  
8 Skyler Howes KTM +5'45"  
9 Luciano Benavides Husqvarna +7'05"  
10 Andrew Short Yamaha +8'30"  

Dakar 2021 - Classifica generale Quad dopo la 1° Tappa

Pos Pilota Quad Tempo/Gap Penalità
1 Alexandre Giroud Yamaha 4.32'12"  
2 Giovanni Enrico Yamaha +3'32"  
3 Pablo Copetti Yamaha +5'18"  
4 Manuel Andujar Yamaha +6'07"  
5 Nicolas Cavigliasso Yamaha +6'31"  
6 Tomas Kubiena Yamaha +10'44"  
7 Karol Wisniewski Yamaha +19'48"  
8 Romain Dutu Yamaha +23'45"  
9 Italo Pedemonte Yamaha +25'07"  
10 Santiago Hansen Yamaha +30'45"  
condivisioni
commenti
Dakar 2021: ecco come sarà la prima tappa "vera"

Articolo precedente

Dakar 2021: ecco come sarà la prima tappa "vera"

Prossimo Articolo

Dakar, Auto, Tappa 1: ruggito di Sainz. MINI scatenate

Dakar, Auto, Tappa 1: ruggito di Sainz. MINI scatenate
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Stage 1
Piloti Toby Price , Ricky Brabec
Autore Matteo Nugnes
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021
Dakar: Honda, è l'inizio di una nuova "dinastia"? Prime

Dakar: Honda, è l'inizio di una nuova "dinastia"?

Quella di Kevin Benavides è stata la prima vittoria di un motociclista sudamericano, ma soprattutto la seconda consecutiva della Honda, che in questa edizione 2021 ha dato la sensazione di avere la forza per aprire un ciclo lungo.

Dakar
16 gen 2021
Dakar: c'è il caso del copilota abbandonato nel deserto! Prime

Dakar: c'è il caso del copilota abbandonato nel deserto!

Ricardo Ramilo con il buggy #438 nella tappa di giovedì ha lasciato il suo navigatore, Xavi Blanco, lungo la speciale dopo un alterco ed è ripartito per completare la tappa da solo. Il 56enne galiziano si è perso e si è dovuto ritirare, mentre il catalano è stato recuperato dopo un'ora da un mezzo di assistenza del team Buggy Masters. Ecco una storia incredibile vissute sulle dune dell'Arabia Saudita.

Dakar
15 gen 2021
Dakar 2021: Horn lancia la sfida con l'idrogeno Prime

Dakar 2021: Horn lancia la sfida con l'idrogeno

Il copilota di Despres, Mike Horn è un avventuriero che ha portato a termine ogni impresa impossibile, dal Polo Nord all’Himalaya all’Amazzonia. Ieri nel bivacco di Neom della Dakar ha presentato il progetto della Gen-Z la vettura a idrogeno con la quale sarà in gara nel 2023, aprendo una porta sulle corse del futuro.

Dakar
13 gen 2021