Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

Dakar | Moto, Tappa 1: Sanders in vetta, Sunderland subito out

Giornata di luci ed ombre per la GasGas, che prende il comando delle operazioni grazie alla vittoria di tappa di Sanders, ma perde il suo uomo di punta, perché Sunderland abdica al trono dopo appena 52 km per una caduta. Dietro all'australiano c'è un terzetto di Honda sia nella speciale che nella generale.

#18 Red Bull GASGAS Factory Racing: Daniel Sanders

GasGas Factory Racing

Dakar 2023 | Moto

Tutti gli aggiornamenti sulla Dakar 2023

La prima tappa vera e propria della Dakar 2023, un anello che prevedeva 367 chilometri cronometrati (cui ne andavano aggiunti 234 di trasferimento) con partenza e ritorno al bivacco del Sea Camp, ha regalato gioie e dolori alla GasGas.

Il marchio spagnolo ha infatti perso il suo uomo di punta, il vincitore della passata edizione Sam Sunderland, costretto ad alzare bandiera bianca dopo appena 52 km a causa di una brutta caduta. Il britannico ha accusato un forte dolore alla schiena e per questo è stato evacuato all'ospedale di Yunbu per tutti gli accertamenti del caso, dicendo subito addio alla corsa ed alla possibilità di concedere il bis del successo di 12 mesi fa.

Leggi anche:

Daniel Sanders però non ci ha messo molto a prendere il testimone ed i galloni di prima guida, perché è stato proprio il pilota australiano a conquistare questa prima tappa, prendendo anche la leadership nella classifica generale della corsa.

Dopo aver chiuso con il secondo tempo nel Prologo di ieri, Sanders aveva scelto di partire per 25° oggi. Una decisione che ha dato i suoi dividendi soprattutto nella parte conclusiva del percorso. Al km 168, pur essendo secondo, aveva accumulato un ritardo di 1'26" nei confronti di un ottimo Mason Klein.

Lo statunitense però ha visto il suo vantaggio ridursi a soli 20" al controllo del km 277, perdendo ulteriore terreno nel finale e transitando sotto al traguardo con un ritardo di 54" nei confronti di Sanders. Una prestazione che alla fine lo ha relegato solamente al sesto posto di tappa, senza inficiare comunque quella che è stata un'ottima performance per il 21enne californiano, alla sua seconda Dakar dopo essere stato il miglior rookie nel 2022 con il nono posto finale.

Sanders ha completato la speciale con un tempo di 3.31'0", centrando la terza affermazione di tappa in carriera alla Dakar e precedendo un terzetto tutto griffato Honda. Alle sue spalle si è piazzato il cileno Pablo Quintanilla, con un gap di appena 7 secondi, seguito da Ricky Brabec a 10" e dal veterano Joan Barreda a 20". Proprio lo spagnolo, uscito quest'anno dalla squadra ufficiale HRC, è il diretto inseguitore di Sanders nella generale, con un distacco di un minuto esatto. Terzo poi c'è Brabec, 15" più indietro. Quintanilla invece è quarto a 1'22".

Dopo il terzetto di Honda, nella classifica odierna c'è spazio per tre KTM, con quella del già citato Klein che si trova stretta a sandwich tra quelle di Kevin Benavides e di Toby Price. L'argentino ha fatto segnare esattamente lo stesso tempo dello statunitense, quindi ha chiuso a 54" da Sanders, mentre il veterano australiano, vincitore del Prologo di ieri, ha sfiorato i due minuti di distacco. Anche la Generale vede il sudamericano come miglior pilota del marchio di Mattighofen, quinto a 1'34", con Price che invece paga 1'54" e precede Klein, settimo a 2'29".

Inizia a prendere le misure alla Honda anche Adrien Van Beveren, che ha cambiato colori dopo tanti anni a tinte Yamaha. Il francese oggi ha staccato il nono tempo a 3'57", alle spalle dell'Husqvarna di Skyler Hower. Nella generale però i due sono a posizioni invertite, con lo statunitense che è poco meno di un minuto più indietro. Dopo la caduta di ieri, ha vissuto un'altra giornata complicata Nacho Cornejo, che si è ritrovato ad aprire la pista partendo per secondo, ma è riuscito a limitare abbastanza i danni con il decimo tempo.

Le Hero invece sono state protagoniste un grande prologo, ma non sono riuscite a ripetersi oggi, con nessuno dei suoi piloti piazzati nella top 10 di giornata. Tuttavia, Joaquim Rodrigues per ora continua a completare quella della generale, seppur distanziato già di 8'25" nei confronti di Sanders. Bisognerà vedere però se resterà davanti alla KTM di Matthias Walkner, perché l'austriaco si è presentato sul traguardo con un ritardo di 18 minuti, ma si è fermato a prestare soccorso a Sunderland, quindi per lui arriverà sicuramente un abbuono.

Per quanto riguarda gli italiani, oggi a spiccare è stato Paolo Lucci, autore del 25° tempo di giornata a poco meno di 23 minuti dal vincitore. Il portacolori della PL Racing è il migliore dei nostri anche nella generale, nella quale occupa il 24° posto a 25'53". Prosegue bene però anche la gara di Tommaso Montanari e di Alex Salvini, rispettivamente 34° e 40° dopo la prima vera giornata di gara.

Quad: subito battaglia tra Andujar e Giroud

Questa prima tappa è stata piuttosto tirata anche tra i Quad. A spuntarla alla fine è stato Manuel Andujar, che ha ritrovato un successo che gli mancava dal 2021, quando si era imposto nella classifica generale.

L'argentino ha duellato praticamente per tutti gli oltre 300 km cronometrati con il campione in carica Alexandre Giroud. Anzi, all'ultimo controllo, quello del km 277, era proprio il francese a comandare con 15" di margine. Sotto al traguardo però la situazione si è completamente ribaltata, con il sudamericano a fare festa per 44". Tuttavia, nella Generale a comandare è il campione 2022, con un margine di 21" nei confronti del rivale.

Già molto più staccati tutti gli altri, con il brasiliano Marcelo Medeiros che si è visto rifilare oltre dieci minuti e mezzo oggi e quindi ha un gap di poco inferiore ai 10 minuti nella generale. Dopo il grande avvio del Prologo, oggi Daniel Vila ha faticato parecchio, pagando ben 47 minuti. Gap che lo ha fatto precipitare fuori dalla top 10 anche nella generale, nella quale invece la top 5 si completa con Francisco Moreno (+13'00") e Pablo Copetti (+14'07").

Dakar 2023 | Classifica generale moto dopo la Tappa 1

Pos Pilota Moto Tempo/Gap Penalità
1 Daniel Sanders GasGas 4.12'55”  
2 Joan Barreda Honda +1'00"  
3 Ricky Brabec Honda +1'15"  
4 Pablo Quintanilla Honda +1'22"  
5 Kevin Benavides KTM +1'34"  
6 Toby Price KTM +1'54"  
7 Mason Klein KTM +2'29"  
8 Adrien Van Beveren Honda +5'32"  
9 Skyler Howes Husqvarna +6'27"  
10 Joaquim Rodrigues Hero +8'25"  

Dakar 2023 | Classifica generale quad dopo la Tappa 1

Pos Pilota Quad Tempo/Gap Penalità
1 Alexandre Giroud Yamaha 4.55'28”  
2 Manuel Andujar Yamaha +0'21"  
3 Marcelo Medeiros Yamaha +9'52"  
4 Francisco Moreno Yamaha +13'00"  
5 Pablo Copetti Yamaha +14'07"  
6 Laisvydas Kancius Yamaha +16'33"  
7 Axel Dutrie Yamaha +19'12"  
8 Kamil Wisniewski Yamaha +23'29"  
9 Giovanni Enrico Yamaha +25'01"  
10 Abdulaziz Ahli Yamaha +27'05"  

Be part of Motorsport community

Join the conversation

Video correlati

Articolo precedente Dakar | Sainz Jr in Arabia Saudita per seguire papà Carlos
Prossimo Articolo Dakar | Quintanilla: "Sundeland out? Il mio approccio non cambia"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia