Formula 1 MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
22 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
28 giorni
WRC
26 feb
Evento concluso
22 feb
Prossimo evento tra
48 giorni
Formula E
10 apr
Prossimo evento tra
36 giorni
WEC
G
Sebring
17 mar
Cancellato
02 apr
Prossimo evento tra
28 giorni

Dakar, Moto, Prologo: Brabec riparte subito forte

Il vincitore della passata edizione è stato il più veloce nei primi 11 km cronometrati della Dakar 2021, precedendo l'altra Honda di Barreda. La sorpresa è il rookie Sanders, terzo con la KTM. Gerini primo tra gli italiani in 52esima posizione.

Dakar, Moto, Prologo: Brabec riparte subito forte

La Dakar è ripartita da dove aveva lasciato un anno fa per la categoria Moto. Ad imporsi nel prologo di Jeddah, che prevedeva appena 11 km cronometrati, è stato infatti il vincitore della passata edizione, Ricky Brabec.

Partendo per ultimo, in virtù dell'ordine invertito di questo primo tratto cronometrato, lo statunitense ha beffato proprio in extremis il compagno di squadra Joan Barreda, sul quale ha avuto la meglio per appena 6", centrando così la sua quinta affermazione di giornata alla Dakar e regalando una bella doppietta alla Honda.

La sorpresa di questa prima giornata di gara è stata il nuovo arrivato nel team ufficiale KTM, ovvero Daniel Sanders. Al debutto alla Dakar, l'australiano ha staccato il terzo tempo, chiudendo con un distacco di 13" nei confronti del campione in carica.

Quarto tempo per la migliore delle Yamaha con Ross Branch. Dopo essere stato il miglior rookie nel 2019 ed aver vinto una tappa lo scorso anno, il pilota del Botswana quest'anno si è presentato al via con rinnovate ambizioni e sicuramente ha iniziato con il piede giusto, pagando appena 14".

La top 5 si completa con la Hero del tedesco Sebastian Buhler, che si è infilato davanti all'altro statunitense Andrew Short, passato quest'anno a difendere i colori della Yamaha. A seguire c'è poi un bel terzetto di uomini di classifica: in settima posizione troviamo la Honda di Kevin Benavides, seguita dalla Husqvarna di Pablo Quintanilla e dalla KTM di Toby Price, tutti distanziati di circa una ventina di secondi.

Sono diversi però i big che se la sono presa con "calma", nonostante il coefficiente 4 di questa prima speciale (i tempi saranno moltiplicati per 4, per evitare giochi strategici). Luciano Benavides, al debutto con la Husqvarna, non è andato oltre al 15esimo tempo. Poi nelle posizioni comprese tra la 17esima e la 19esima troviamo Adrien van Beveren, Matthias Walkner e Xavier de Soultrait. Ancora più indietro Josè Cornejo e Sam Sunderland, rispettivamente 25esimo e 26esimo, anche se con un ritardo inferiore al minuto. 32esimo tempo invece per Laia Sanz.

Per quanto riguarda i piloti italiani, il migliore è stato Maurizio Gerini, che ha chiuso 52esimo a 1'50" con l'Husqvarna del Solarys Racing. Poco più indietro, in 55esima posizione, troviamo la Beta di Tiziano Interno, tallonata dalla KTM di Cesare Zacchetti. 60esimo tempo per il veterano Franco Picco, che ha chiuso a 2'31".

67esimo invece c'è Davide Cominardi, mentre bisogna scendere fino alla 79esima posizione per incontrare Lorenzo Piolini. Due posizioni più indietro c'è invece Francesco Catanese. Il gruppo dei nostri si completa con l'83esimo posto di Angelo Pedemonte e l'84esimo di Giovanni Stigliano.

Domani si comincia a fare sul serio, quando i chilometri cronometrati saranno 277, e l'ordine di partenza si baserà su quello di arrivo di oggi, quindi con Brabec e Barreda davanti a tutti.

Tra i Quad la vittoria va a Giroud

Ad aprire la carovana questa mattina sono stati i protagonisti della categoria Quad, che quest'anno vede al via appena 16 piloti. Il più veloce è stato il francese Alexandre Giroud, che quindi sembra deciso a riscattare il ritiro dell'edizione 2020.

I distacchi però sono stati davvero minimi, perché ha avuto la meglio per appena un secondo nei confronti di Manuel Andujar. Ed anche Kamil Wisniewski, che occupa la terza posizione, si trova ad appena 4". Questo vuol dire che, nonostante il coefficiente 4 di questa speciale, i distacchi sono veramente molto ravvicinati.

Prudente invece l'avvio del campione in carica Nicolas Cavigliasso che, pur avendo già trovato le tracce dei rivali, essendo partito per ultimo, ha chiuso solamente ottavo, seppur con un ritardo di appena 24".

La classifica del Prologo Moto

Pos Pilota Moto Tempo/Gap Penalità
1 Ricky Brabec Honda 6'01"  
2 Joan Barreda Honda +6"  
3 Daniel Sanders KTM +13"  
4 Ross Branch Yamaha +14"  
5 Sebastian Buhler Hero +16"  
6 Andrew Short Yamaha +17"  
7 Kevin Benavides Honda +20"  
8 Pablo Quintanilla Husqvarna +22"  
9 Toby Price KTM +22"  
10 Joaquim Rodrigues Hero +23"  

La classifica del Prologo Quad

Pos Pilota Quad Tempo/Gap Penalità
1 Alexandre Giroud Yamaha 7'35"  
2 Manuel Andujar Yamaha +1"  
3 Karol Wisniewski Yamaha +4"  
4 Pablo Copetti Yamaha +6"  
5 Giovanni Enrico Yamaha +10"  
6 Tomas Kubiena Yamaha +14"  
7 Santiago Hansen Yamaha +19"  
8 Nicolas Cavigliasso Yamaha +24"  
9 Italo Pedemonte Yamaha +32"  
10 Tobias Juan Carrizo Yamaha +1'00"  
condivisioni
commenti
Dakar 2021: i protagonisti

Articolo precedente

Dakar 2021: i protagonisti

Prossimo Articolo

Audi alla Dakar 2022 con il motore termico DTM come supporto?

Audi alla Dakar 2022 con il motore termico DTM come supporto?
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Autore Matteo Nugnes
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021
Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza Prime

Dakar, Auto: Peterhasel ha battuto Al-Attiyah con la pazienza

Terminata la 43esima edizione della Dakar 2021, andiamo ad analizzare quanto accaduto nella categoria Auto che ha visto prevalere Stéphane Peterhansel (MINI) dopo un bel duello con Nasser Al-Attiyah (Toyota).

Dakar
16 gen 2021
Dakar: Honda, è l'inizio di una nuova "dinastia"? Prime

Dakar: Honda, è l'inizio di una nuova "dinastia"?

Quella di Kevin Benavides è stata la prima vittoria di un motociclista sudamericano, ma soprattutto la seconda consecutiva della Honda, che in questa edizione 2021 ha dato la sensazione di avere la forza per aprire un ciclo lungo.

Dakar
16 gen 2021
Dakar: c'è il caso del copilota abbandonato nel deserto! Prime

Dakar: c'è il caso del copilota abbandonato nel deserto!

Ricardo Ramilo con il buggy #438 nella tappa di giovedì ha lasciato il suo navigatore, Xavi Blanco, lungo la speciale dopo un alterco ed è ripartito per completare la tappa da solo. Il 56enne galiziano si è perso e si è dovuto ritirare, mentre il catalano è stato recuperato dopo un'ora da un mezzo di assistenza del team Buggy Masters. Ecco una storia incredibile vissute sulle dune dell'Arabia Saudita.

Dakar
15 gen 2021
Dakar 2021: Horn lancia la sfida con l'idrogeno Prime

Dakar 2021: Horn lancia la sfida con l'idrogeno

Il copilota di Despres, Mike Horn è un avventuriero che ha portato a termine ogni impresa impossibile, dal Polo Nord all’Himalaya all’Amazzonia. Ieri nel bivacco di Neom della Dakar ha presentato il progetto della Gen-Z la vettura a idrogeno con la quale sarà in gara nel 2023, aprendo una porta sulle corse del futuro.

Dakar
13 gen 2021