Dakar 2022 | Moto
Topic

Dakar 2022 | Moto

Dakar | Moto: neutralizzata la Tappa 6, per ora senza classifica

La tappa di venerdì è stata fermata al km 101 a causa delle cattive condizioni del terreno e dopo diversi incidenti, con i piloti che sono stati fatti tornare anticipatamente al bivacco.

Dakar | Moto: neutralizzata la Tappa 6, per ora senza classifica
Carica lettore audio

Per il secondo giorno di fila, la Dakar ha dovuto neutralizzare la tappa delle moto e dei quad. Se giovedì il problema è stato legato alla mobilitazione degli elicotteri medici, oggi era legato alle cattive condizioni del fondo della prova speciale dopo che le auto e i camion l'avevano completata il giorno prima.

La sesta tappa della Dakar 2022 prevedeva per le moto 109,75 km di trasferimento dal bivacco di Riyadh, poi 404,4 km cronometrati, seguiti da altri 108,9 per tornare al bivacco. Tuttavia, ne sono stati completati appena 101 dopo le lamentele dei piloti al primo rifornimento.

I primi 60 km erano ad alta velocità, in zone con piste aperte su un altopiano e con un po' di vegetazione, ed è stato lì che Daniel Sanders (partito 14°) ha imposto il suo ritmo. Il pilota australiano della GasGas ha guadagnato 26 secondi su Pablo Quintanilla (Honda) e 55 secondi su Ricky Brabec (Honda), che sembrava intenzionato a rimontare dopo una prima parte di gara in ombra.

Nonostante la botta alla spalla rimediata ieri, Joan Barreda alla fine ha deciso di prendere il via, ma ha perso quasi due minuti nei primi 40 km. Più o meno lo stesso gap accusato da Lorenzo Santolino, quinto nella generale con la sua Sherco.

Al secondo punto di riferimento, al km 80, in una sezione molto lenta con piste di pietre, seguita da una sabbiosa con delle rocce nascoste, Sanders ha portato a 1'26" il suo margine sul diretto inseguitore Matthias Walkner (KTM), mentre il leader della generale, il suo compagno Sam Sunderland, lo seguiva di 1'47".

Danilo Petrucci, vincitore a sorpresa della quinta tappa, ha dovuto aprire la pista per la prima volta nella sua carriera e si trovava già staccato di 11'50" dopo 80 km, essendo anche incappato in una caduta senza conseguenze pochi chilometri dopo il via della speciale.

Ma lo stato del percorso, dopo che questa speciale era stata affrontata ieri da auto e camion, era pericoloso secondo molti piloti, quindi gli organizzatori hanno deciso di neutralizzare la speciale al rifornimento del km 101, dove erano già passati i primi nove piloti (Petrucci, Walkner, Price, Klein, Brabec, Luciano Benavides, Cornejo, Short e Kevin Benavides).

Tra le altre cose, Ross Branch (Yamaha) ha dovuto essere evacuato in elicottero al centro medico del bivacco dopo un incidente nei primi chilometri, dopo aver preso il via per secondo. Il pilota del Botswana ha patito diverse contusioni, come è stato confermato dal team Yamaha a Motorsport.com.

I concorrenti quindi sono stati raggruppati e convogliati al bivacco e la FIM sta cercando di elaborare la classifica finale con i tempi di arrivo al rifornimento.

"È molto pericoloso, con molte zone rocciose che le auto hanno lasciato molto distrutte. Inoltre, si viaggia ad una velocità media elevata e con il terreno così rovinato è un po' una lotteria non cadere, soprattutto quando ci sono zone morbide con sotto rocce e gradini duri. Infatti, Ross Branch è caduto su un cordolo che non si vedeva da nessuna parte... Per ragioni di sicurezza hanno tagliato la speciale. Ho iniziato con cautela, la moto si muoveva molto, ho cercato di uscire dalle linee delle macchina e al km 51 ho fatto un errore perché c'erano due Way Point nello stesso chilometro", ha detto lo spagnolo Lorenzo Santolino.

condivisioni
commenti
Fotogallery Dakar | La prima tappa ad anello intorno a Riyadh
Articolo precedente

Fotogallery Dakar | La prima tappa ad anello intorno a Riyadh

Prossimo Articolo

La Francia vuole fermare la Dakar dopo l’esplosione di Jeddah

La Francia vuole fermare la Dakar dopo l’esplosione di Jeddah
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021