Dakar, Moto: l'edizione 2017 è di Sam Sunderland e della KTM

La Casa austriaca completa addirittura una tripletta con secondo Walkner e terzo Farres, oggi autore del miglior tempo alla pari con van Beveren. Resteranno però anche le polemiche legate alla penalità delle Honda nella quarta tappa.

Dakar, Moto: l'edizione 2017 è di Sam Sunderland e della KTM
#14 Red Bull KTM Factory Team: Sam Sunderland
Sam Sunderland, Red Bull KTM Factory Team
#14 Red Bull KTM Factory Racing: Sam Sunderland
#16 Red Bull KTM Factory Team: Matthias Walkner
Matthias Walkner, Red Bull KTM Factory Racing
#16 Red Bull KTM Factory Racing: Matthias Walkner
#8 Himoinsa Racing Team KTM: Gerard Farrés
#8 Himoinsa Racing Team KTM: Gerard Farrés
#6 Yamaha Official Rally Team: Adrien van Beveren
#6 Yamaha Official Rally Team: Adrien van Beveren
#11 Monster Energy Honda Team: Joan Barreda
#11 Monster Energy Honda Team: Joan Barreda
#17 Monster Energy Honda Team: Paulo Goncalves
Paulo Goncalves, Monster Energy Honda Team

Sam Sunderland è il vincitore della Dakar 2017 per quanto riguarda la categoria moto. Per certificare definitivamente la cosa bisognerà attendere che il pilota della KTM salga sul palco di Buenos Aires, al termine del trasferimento di oltre 700 km, ma quel che è certo è che è uscito dalla speciale della 12esima tappa con il successo in tasca.

Oggi il britannico, al quale è bastata una sola vittoria di tappa per centrare il bersaglio grande, ha staccato il sesto tempo nei 64 km cronometrati della speciale di Rio Cuarto e in questo modo ha chiuso la sua avventura con 32 minuti di vantaggio sul compagno di squadra Matthias Walkner, regalando alla KTM la 16esima affermazione consecutiva, nonostante la delusione del ritiro di Toby Price, vittima di una quadrupla frattura del femore nella quarta tappa.

Per la Casa austriaca poi la festa è stata totale, perché sul podio è arrivata addiritura una tripletta, completata da Gerard Farres. Oggi lo spagnolo si doveva giocare il tutto per tutto partendo con un margine di 48 secondi sulla Yamaha di Adrian van Beveren. I due non si sono risparmiati ed hanno vinto a pari merito la speciale, staccando lo stesso tempo.

Una beffa per il francese, che ieri era riuscito a riportare la sua Yamaha in zona podio per appena 12 secondi, salvo poi vedersi penalizzare di un minuto per un eccesso di velocità. La sua comunque rimane una gara decisamente positiva.

Va poi aperto un capitolo a parte per Joan Barreda e la Honda. Con ben quattro vittorie di speciale, sono stati un grande binomio, ma la maledizione della Dakar continua per lo spagnolo, che chiude quinto a 43'08" di distacco dal vincitore finale, dovendo però fare i conti con una penalità di un'ora rimediata nella quarta tappa per un rifornimento non autorizzato.

La HRC ha presentato appello, ma questo dovrebbe concludersi con un nulla di fatto. Anzi, i rumors dicono che la Casa giapponese potrebbe anche ritirarlo. Discorso simile a quello di Barreda per Paulo Goncalves, alla fine sesto, ma ampiamente da podio se non avesse 48 minuti di penalità (12 gli sono stati tolti per aver soccorso Price).

Continuando a scorrere la classifica, in settima posizione c'è Pela Renet con una Husqvarna che fino ad un paio di giorni dal termine aveva sperato di poter raccogliere molto di più: Pablo Quintanilla, infatti, è stato costretto alla resa da un pesante colpo di calore dopo essere stato nelle posizioni da podio praticamente per tutta la corsa.

A completare la top ten ci sono poi l'esordiente Franco Caimi, che senza una penalità di un'ora avrebbe battagliato per la top 5, Helder Rodrigues e Joaquim Rodrigues, bravo a portare la Hero Speedbrain in decima piazza. Continuando a scorrere la classifica occupa invece la 16esima piazza Laia Sanz, che con la sua KTM ha mancato la top 15 per appena una cinquantina di secondi.

Tra i 97 centauri che sono riusciti a concludere la maratona sudamericana, cinque sono italiani. Il migliore è Simone Agazzi, 37esimo a poco più di sette ore, con subito alle sue spalle Alessandro Ruoso. 51esimo posto invece per Manuel Lucchese a circa 10 ore e mezza. Il quadro si completa con Diocleziano Toia 58esimo e l'85esimo del veterano Franco Picco. Peccato per tutti i ritirati ed in particolare per Alessandro Botturi, costretto alla resa dopo quattro tappe quando era saldamente il migliore dei nostri.

Dakar 2017 - Classifica finale Moto

Pos.PilotaMotoTempo/GapPenalità
1 Sam Sunderland KTM 32.06'22"  
2 Matthias Walkner KTM +32'00" +5'00"
3 Gerard Farres KTM +35'40"  
4 Adrian van Beveren Yamaha +36'28" +1'00"
5 Joan Barreda Honda +43'08" +58'01"
6 Paulo Goncalves Honda +52'29" +48'20"
7 Pela Renet Husqvarna +57'35"  
8 Franco Caimi Honda +1.42'18" +1.05'00"
9 Helder Rodrigues Yamaha +2.03'06" +0'27"
10 Joaquim Rodrigues Hero Speedbrain +2.19'37"  

 

condivisioni
commenti
Dakar: Lavigne traccia un bilancio positivo dell'edizione 2017
Articolo precedente

Dakar: Lavigne traccia un bilancio positivo dell'edizione 2017

Prossimo Articolo

Dakar, Quad: primo trionfo per il russo Sergey Karyakin

Dakar, Quad: primo trionfo per il russo Sergey Karyakin
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021