Formula 1 MotoGP
18 set
Warm Up in
14 Ore
:
54 Minuti
:
14 Secondi
WRC
18 set
Giorno 3 in
12 Ore
:
04 Minuti
:
14 Secondi
WSBK
04 set
Evento concluso
18 set
SBK WarmUP in
14 Ore
:
34 Minuti
:
14 Secondi
Formula E WEC
12 nov
Prossimo evento tra
53 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
25 set
Prossimo evento tra
5 giorni
GT World Challenge Europe Endurance
Dakar 2019: Auto
Topic

Dakar 2019: Auto

Dakar, Loeb: "Ho attaccato quando dovevo, qualcosa di buono posso farlo"

condivisioni
commenti
Dakar, Loeb: "Ho attaccato quando dovevo, qualcosa di buono posso farlo"
Di:

Il francese ha vinto la Tappa 2 con la sua "vecchia" Peugeot privata, senza commettere errori e correre rischi inutili su un percorso molto insidioso e dove gli altri sono dotati di mezzi più competitivi.

#306 PH-Sport Peugeot 3008 DKR: Sébastien Loeb, Daniel Elena
#306 PH-Sport Peugeot 3008 DKR: Sébastien Loeb, Daniel Elena
#306 PH-Sport Peugeot 3008 DKR: Sébastien Loeb
Sebastien Loeb e Daniel Elena di PH Sport dopo una gara con un aeroplano, prima della Dakar
Sebastien Loeb e Daniel Elena di PH Sport fanno a gara con un aeroplano, prima della Dakar
#306 PH-Sport Peugeot 3008 DKR: Sébastien Loeb, Daniel Elena

La Tappa 2 della Dakar 2019 ha visto uno stepitoso Sébastien Loeb giungere vittorioso al traguardo dell'ostico percorso che ha portato i piloti da Pisco a San Juan de Marcona.

Al volante della Peugeot 3008 DKR privata del team PH-Sport, il francese ha sfruttato al meglio la sua posizione di partenza per volare fra le dune sabbiose del Perù.

"Oggi non volevamo essere fra i primi, infatti eravamo più indietro e le linee erano buone - ha detto parlando con Motorsport.com - Forse non abbastanza, ma comunque la strategia ha funzionato, è stata una buona Tappa, non ho commesso errori di navigazione, seppur la strada scelta non sempre era quella ideale".

La difficoltà, oltre alle caratteristiche del percorso, è data da un mezzo che rispetto agli altri è sicuramente inferiore.

Leggi anche:

"Lo scorso anno siamo stati i più rapidi nella Tappa più lunga, oggi però sarà più difficile perché le altre auto sono cresciute e noi abbiamo una Peugeot con specifiche 2017. Non è semplice, per ora tutto è andato bene anche se non abbiamo grossi vantaggi. Però siamo competitivi e qualcosa possiamo fare".

"Domani apriremo noi, ma è ovvio che se perdi tempo sempre alla fine non vinci! Qui attaccare e trovare un buon ritmo non è mai facile, parecchie volte ho esitato. Ho visto Peterhansel e Despres in lontananza, ma prima di Terranova non ho superato nessuno. Per 200km vedi sempre una macchina là davanti, ma non riesci a riprenderla. La mia velocità non è un gran che, ma davanti avevo Cyril e dietro Stéphane, di fatto ci siamo ritrovati sullo stesso ritmo".

Loeb guarda con fiducia alle prossime tappe, consapevole che in certe condizioni correre diventa anche una lotteria.

"La giornata è stata buona, ho attaccato quando dovevo, ma di più era difficile fare. Quando vedi delle linee per terra ti viene da seguirle, come fanno tutti, è dura scegliere qualcos'altro. Il mio co-pilota Daniel Elena avrebbe voluto cambiassi qualcosa, ma poteva essere un rischio".

Dichiarazioni raccolte da Sergio Lillo

Dakar, Roma e quella buca da brividi: "Oggi contava resistere psicologicamente"

Articolo precedente

Dakar, Roma e quella buca da brividi: "Oggi contava resistere psicologicamente"

Prossimo Articolo

Dakar, Peterhansel perde tempo su una duna: "Errore da principiante, ma posso rimontare"

Dakar, Peterhansel perde tempo su una duna: "Errore da principiante, ma posso rimontare"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Dakar
Evento Dakar
Sotto-evento Stage 2: Pisco - San Juan de Marcona
Piloti Sébastien Loeb
Team PH Sport
Autore Francesco Corghi