Dakar: la tappa annullata diventa un inferno dantesco!

Le pessime condizioni meteo associate alla frana che ha tagliato l'accesso a Salta a molti equipagi e alle assistenze hanno messo in crisi l'organizzazione della gara, con un trasferimento pieno di insidie e di difficoltà.

Dakar: la tappa annullata diventa un inferno dantesco!
La zona colpita dall'inondazione
#319 Peugeot: Khalid Al-Qassimi, Pascal Maimon
#79 KTM: Todd Smith
Atmosfera
#42 Hero MotoSports Team Rally: CS Santosh
Atmosfera
#42 Hero MotoSports Team Rally: CS Santosh
#27 Hero MotoSports Team Rally: Joaquim Rodrigues
L'immagine satellitare usata dalla direzione gara per seguire i piloti

Alle 10,30 di questa mattina ora argentina solo 85 moto, 23 auto e 25 camion erano arrivate al bivacco di Salta. Tutti gli altri sono stati raggruppati in un bivacco di fortuna, allestito all'ultimo momento, a Humahuaca ed hanno trascorso la notte lì, fra temporali, parziali schiarite e debole pioggia. Poi stamattina sono ripartiti tutti, verso le sette, destinazione Salta, per poi proseguire alla volta di Chilecito, per un totale di circa 800 chilometri da percorrere.

La situazione della viabilità al momento non è semplice. La strada principale, la Statale 1 che porta a Salta è chiusa per una frana e la stanno ripristinando per fare in modo che almeno i bilici dei team principali, Mini X Raid e Peugeot, oltre a qualche 6x6 e ai camion della logistica della gara stessa, possano transitare, ma se si pensa non prima del tardo pomeriggio di oggi.

Tutti gli altri stanno avanzando in una sorta di convoglio obbligato su una piccola strada sterrata che aggira il tratto interessato dalla frana e che dopo 180 chilometri porterà la carovana prima a Salta e poi a Chilecito, che si trova a 670 chilometri più a sud.

Il convoglio sta viaggiando molto lentamente perché la strada non è asfaltata, ma è una pista per cui la mole di polvere sollevata è tale che i motociclisti, ma anche gli equipaggi delle auto, non riescono a vedere davanti a loro.

I primi motociclisti hanno raggiunto Salta verso le 23 dopo aver fatto una fatica immensa avendo viaggiato al buio, in mezzo alla polvere per 180 chilometri.

“Di cose folli ne ho fatte nella mia vita – diceva il francese della Yamaha, Adrien Van Beveren – ma questa davvero le batte tutte”.

Per i motociclisti, sia al bivacco di Salta sia in quello di Humahuaca, ASO ha fatto i salti mortali per allestire un posto al caldo dove far dormire i piloti che arrivavano da una tappa marathon e non avevano, quindi, né sacco a pelo, né alcun altro genere di prima necessità – cose caricate in parte sui camion assistenza che erano bloccati sulla strada franata.

Tutti in fila, dunque, lentamente, senza vincoli di orario. Quello che Aso ha chiesto a tutti i mezzi è di essere pronti e presenti domani mattina, 12 gennaio, alle 4,30 per la partenza della decima tappa, da Chilecito a San Juan.

Bilici e mezzi più grandi sono rimasti bloccati sulla Statale 1 perché per la loro mole non sono riusciti a fare inversione di marcia e a tornare indietro e, in ogni caso, non avrebbero comunque potuto affrontare i 180 chilometri di strada sterrata.

I team ufficiali, siccome a bordo di questi mezzi avevano i ricambi delle vetture, hanno organizzato un punto di incontro fra le auto in gara e le assistenze pesanti in un distributore di benzina dove poter lavorare alla meglio sulle macchine, per consentirle di ripartire in attesa di rincontrarle (forse) a San Juan domani pomeriggio.

condivisioni
commenti
Dakar, De Rooy paga una foratura, ma resta in gioco
Articolo precedente

Dakar, De Rooy paga una foratura, ma resta in gioco

Prossimo Articolo

Dakar: una notte da brividi per gli uomini dei team assistenza

Dakar: una notte da brividi per gli uomini dei team assistenza
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021