Dakar 2022 | Moto
Topic

Dakar 2022 | Moto

Dakar 2022 | La nuova sfida di Franco Picco si chiama Fantic

Il 66enne italiano è al via della sua 28° Dakar e per lui si tratta di una sfida completamente nuova, visto che è in sella ad una Fantic. L'obiettivo è arrivare al traguardo e sviluppare la moto: "Mi sento un pilota ufficiale per una Casa Italiana".

Dakar 2022 | La nuova sfida di Franco Picco si chiama Fantic

Tra i quindici italiani in gara nelle categoria moto oltre alla grande novità di Danilo Petrucci al debutto tra le file di KTM ufficiale, anche il mitico Franco Picco. A 66 anni il vicentino affronta la Dakar per la 28° volta alla guida di un progetto tutto italiano: una Fantic 450.

“Ho scelto il numero 66 per ricordarmi dell’età”, scherza Picco, forte di un fisico che fa invidia ai più giovani.

Lo scorso anno aveva sfidato la gara più dura al mondo nella categoria Malle Moto, quella senza assistenza per tipi veramente tosti, portandola a termine. “Se ci penso, sento ancora tutti i dolori alla schiena. A dire tutta la verità è stata massacrante. Non tanto per la meccanica perché è il mio pane quotidiano, ma per i chilometri e chilometri di pietraia che hanno spezzato i concorrenti nei primi giorni del rally”.

Terminato 92esimo oggi dopo un prologo di 19 chilometri su un trasferimento di 834 da Gedda, sul Mar Rosso, ad Ha’il nel nord del Paese, Franco Picco è contento come un bambino in un negozio di giocattoli. “C’è sempre un buon motivo per correre la Dakar: quando un compleanno, quando una ricorrenza speciale. Quest’anno la sfida è sviluppare la Fantic 450, presentata anche a Eicma. Il progetto è molto interessante. Ne avevamo già parlato in passato con l’amministratore delegato di Fantic, ma a giugno abbiamo concretizzato e fatto la prima prova di un prototipo. La sensazione è stata subito buona. Non solo, mi hanno approcciato per la mia esperienza da pilota e mi piace l’idea di sviluppare un kit racing per il mercato italiano”, racconta Picco con soddisfazione.

“La moto è stradale, ma avrà tutto per affrontare una Dakar. Mi sento un pilota ufficiale per una Casa Italiana”.

Franco Picco, Fantic Racing

Franco Picco, Fantic Racing

Il motore e il telaio sono Yamaha, che ha smesso di produrre la moto, mentre le plastiche, il serbatoio e le restanti parti sono state realizzate da Fantic con il supporto anche di Fernando “Piccolo”. L’obiettivo della casa è portare la moto al termine e raccogliere i dati.

Questa volta Franco potrà avvalersi di una bella organizzazione logistica, con un camion di assistenza e un meccanico. “E un massaggiatore”, aggiunge Franco, sorridendo.

“Il prologo è stato il battesimo della Fantic sulle dune e sono soddisfatto. Anche il percorso è interessante e rispetto allo scorso anno ci hanno promesso più sabbia e meno pietraie”.

Leggi anche:

Terza edizione della corsa in Arabia Saudita, vale ancora la pena correre la Dakar? “In realtà è un evento in grande crescita, come dimostra anche in numero di italiani al via. L’interesse è cresciuto e per un amante di moto, avventura e rally raid, la Dakar resta la regina”.

In costante contatto un ingegnere Fantic, Picco ha come primo obiettivo quello di finire e raccogliere i dati per continuare lo sviluppo. “La gara infatti inizia diversi mesi prima. Il vero lavoro è la preparazione. Adesso inizia la parte più divertente, dove dobbiamo mettere in pratica quanto studiato, sviluppato negli ultimi mesi. Non avendo potuto fare test in Africa sulle dune, ma solo in campi da cross, sono comunque molto fiducioso. Io mi sono tenuto in allenamento facendo dei giri in Oman”.

La sfida più grande? “Forte della mia esperienza, sono tranquillo. La moto è agile e ben bilanciata. La mia filosofia è un giorno alla volta e finora ha premiato”.

Franco Picco, Fantic Racing

Franco Picco, Fantic Racing

condivisioni
commenti
Fotogallery Dakar | Il Prologo dell'edizione 2022
Articolo precedente

Fotogallery Dakar | Il Prologo dell'edizione 2022

Prossimo Articolo

Dakar | Hall: "Toyota più veloce di 0"4 per Km rispetto al 2021"

Dakar | Hall: "Toyota più veloce di 0"4 per Km rispetto al 2021"
Carica commenti
Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico Prime

Dakar: Audi, la RS Q e-tron cerca nuove vie di sviluppo elettrico

Audi ha svelato la RS Q e-tron, arma elettrica con cui andrà alla caccia della vittoria alla Dakar. La Caa dei 4 anelli punta davvero sulla propulsione elettrica, tanto da puntare forte su strumenti che altre categorie hanno reso standard e plafonate.

Dakar
25 lug 2021
Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va Prime

Paradosso Formula E: chi vuole sviluppare l'elettrico se ne va

L'addio di Audi per abbracciare una categoria che permetta di sviluppare l'auto e la tecnologia elettrica da zero è un campanello d'allarme preoccupante. E ora anche la Extreme E propone innovazioni che vanno oltre quelle in uso dalla Formula E.

Dakar
9 apr 2021
Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni Prime

Motorsport senza età: dieci Over 50 ancora vincenti e Campioni

Il bello del motorsport è che spesso si rivela senza età! Fra i tanti veterani del panorama internazionale, ne abbiamo scelti dieci Over50 che ancora riescono a vincere gare e titoli. Ecco i loro nomi e profili in ordine anagrafico.

WTCR
24 mar 2021
Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb Prime

Elena, molto più di un copilota. Ecco cosa perde Loeb

Loeb, convinto da Prodrive, ha annunciato che non correrà più alla Dakar con lo storico navigatore Elena perché considerato il problema dopo la deludente edizione 2021. Analizziamo cosa perderà certamente il "Cannibale" senza avere accanto Elena dopo 23 anni di sodalizio.

WRC
17 mar 2021
Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price) Prime

Dakar: KTM sconfitta, ma non con le ossa rotte (tranne Price)

La Casa di Mattighofen ha incassato la seconda sconfitta consecutiva, ma nonostante il ko del suo uomo di punta Toby Price ed una Honda capace di vincere 10 speciali su 13, è rimasta in lizza per il successo finale fino all'ultima tappa con Sam Sunderland.

Dakar
20 gen 2021
Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni! Prime

Dakar: Husqvarna e Yamaha, che delusioni!

Questi sono gli altri due marchi che si presentavano al via della Dakar 2021 con ambizioni importanti, ma solamente Pablo Quintanilla ha visto il traguardo, con un settimo posto molto distante dal secondo dello scorso anno. Scopriamo insieme cosa è successo.

Dakar
19 gen 2021
Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz Prime

Dakar Camion: scopriamo qual è il vero segreto Kamaz

Andiamo a scoprire come mai la Kamaz ha collezionato la 18esima vittoria alla Dakar, festeggiando anche una storica tripletta che non si ripeteva dal 2015. Non c'è solo una superiorità tecnica dei camion 43509, ma c'è un'intera città, Naberezhnye Chelny, nata e cresciuta intorno alla fabbrica, che vive per imporsi nel Rally Raid più famoso. C'è una scuola karting che forma i futuri piloti e li alleva con mezzi OTK forniti da Alonso. E, inoltre...

Dakar
17 gen 2021
Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid Prime

Dakar 2021: il premio Fair play al team Orobicaraid

Hanno aiutato gli avversari diretti che si erano capotati su una duna e hanno perso molto tempo: Giulio Verzelletti, poi, ha dovuto chiedere l'intervento dell'elisoccorso a causa di una violenta colica renale, ma l'Unimog con Giuseppe Fortuna a Marino Mutti è arrivato al traguardo, dove il direttore di corsa, Castera, gli ha consegnato il premio Fair Play per aver interpretato al meglio lo spirito della corsa. E non sono stati nemmeno usclusi dalla classifica.

Dakar
16 gen 2021