Dakar 2019: Auto
Topic

Dakar 2019: Auto

Dakar: Gerini, la Liparoti e Bellina tengono alta la bandiera tricolore a tre tappe dal termine

Il motociclista sta confermando le sue aspettative con il 18esimo posto nella generale, mentre Camelia, in coppa con Rosa Romero, è 30esima nella classifica riservata alle auto. Il portacolori del Team Italtrans invece è 14esimo nella classifica camion.

Dakar: Gerini, la Liparoti e Bellina tengono alta la bandiera tricolore a tre tappe dal termine
Carica lettore audio

Con l’8° tappa San Juan de Marcona–Pisco, la Dakar 2019 entra nel rush finale e i concorrenti in una sorta di “survival mode”. Con ancora un anello intorno a Pisco e infine l’ultima speciale con l’arrivo a Lima, l’imperativo è non commettere errori e portare a casa la pelle. Lo sa bene Maurizio Gerini (Husqvarna), il migliore degli italiani in moto, 28° di tappa e 18° della generale. Dopo gli abbandoni di Aglioni, Miotto, Dutto e Cerutti, Maurizio è rimasto in gara insieme a Mirco Pavan (Beta), 61° e Gabriele Minelli (KTM), 82°.

"Sono partito puntando a migliorare il risultato dello scorso anno e chiudere nella Top 20. L’obiettivo è ancora questo, ma l’imperativo è finire il rally. Per questo sto cercando di fare una corsa intelligente, senza strafare. Sono ancora debilitato dalla febbre e dai disturbi gastrointestinali dei primi giorni. Ho poco appetito e fatico più del solito. Nelle lunghe speciali mi succede di perdere la concentrazione. Non solo, a volte mi trovo a battagliare per superare qualche moto e questo mi porta a prendere dei rischi. Ho capito che il modo più sicuro per affrontare una tappa è andare da solo".

Leggi anche:

Nelle auto è Camelia Liparoti (30°) a tenere alta la bandiera dell’Italia. Dopo 8 Dakar in quad e il debutto lo scorso anno nella categoria Side by Side, Camelia è tornata sulla Dakar con un mezzo affidabile come il “buggy” Yamaha YXZ1000R (categoria UTV open). Al suo fianco come co-pilota, Rosa Romero Font, la moglie di Nani Roma, che dopo essersi fatta le ossa in moto, affronta la sua prima Dakar a quattro ruote. "Abbiamo chiamato questo progetto 100% ladies, anche se non abbiamo voluto abbondare con la tinta rosa! Scherzi a parte, ce la stiamo cavando molto bene e il bilancio finora è positivo".

Nei camion, Claudio Bellina (Italtrans-DAF) continua la rimonta e ha chiuso l’impegnativo anello di dune intorno a San Juan de Marcona al 12° posto e 14° della generale. Veterano della Dakar con 10 partecipazioni alle spalle, Bellina può vantare un prestigioso podio alla Dakar: un 3° posto nel 2005, quando si correva ancora in Africa, come co-pilota di Giacomo Vismara. Bellina condivide questa avventura con Claudio Minelli, altro veterano dei rally raid con ben 25 partecipazioni nei ruoli più diversi (pilota, co-pilota, team di assistenza) e Bruno Gotti, grande appassionato di deserto, al debutto sul rally più massacrante al mondo.

condivisioni
commenti
Dakar, Peterhansel rimonta nonostante un colpo di frusta: "Ho visto le stelle!"
Articolo precedente

Dakar, Peterhansel rimonta nonostante un colpo di frusta: "Ho visto le stelle!"

Prossimo Articolo

Dakar 2019, Arnold Brucy nell'Original by Motul nel segno di papà Jean

Dakar 2019, Arnold Brucy nell'Original by Motul nel segno di papà Jean